EuroCup weekly #3: il limbo di Valencia, la bolgia del Pionir e la settimana nera delle italiane

Balbo
0 0
Read Time:3 Minute, 28 Second

Terza giornata di Eurocup e terza edizione stagionale dell’Eurocup weekly: il contenitore che raccoglie i dieci flash della settimana della seconda competizione continentale.

21+11, sono queste le cifre della partitissima di Kevarrius Hayes, protagonista della vittoria del sempre più sorprendente Frutti Extra Bursapor contro l’Olimpia Lubiana. L’ex canturino, nei confronti dei lunghi sloveni, emana un’aura di timore di Dio e, inducendo un brivido silenzioso, conferma i progressi avvenuti la passata stagione con la canotta dell’Asvel.

Nell’inferno del Pionir risplende il coraggio di Joel Parra Lopez, il classe 2000, prodotto della sempre florida cantera della Joventut Badalona, è l’emblema dell’impresa quasi sfiorata dagli spagnoli. Occhi asciutti come vetro arroventato, postura dritta come un fuso, il giovane, insieme alla sua Joventut, offre una prova di organizzazione tattica e audacia. Il Partizan, per 30 minuti sgominato e fulminato come la guardia napoleonica a Waterloo, si salva grazie a 60 secondi bollenti di Kevin Punter.

Qualcuno fermi Johnathan Motley. Il venticinquenne reduce da due stagioni con la canotta dei Clippers – prima di qualche sparsa apparizione – è l’autentico protagonista di questa prima parte di stagione di EuroCup. Sopracciglia nere, dure e pungenti come fil di ferro, capelli neri come la pece e occhi scuri come il carbone, il lungo del Lokomotiv Kuban sta mandando al capestro tutti i pariruolo avversari. Anche questa settimana la sua prestazione è risultata di una superiorità abbacinante: 30 punti, 11 rimbalzi e 12/16 da due; e nell’altra sponda non c’era sicuramente un signor nessuno, ma un certo Vince Hunter autore di una prestazione solida da 21+12.

Virtus Segafredo Bologna – Valencia Basket: le due deluse della terza giornata di EuroCup si contenderanno, mercoledi prossimo, nel big match della quarta giornata, due punti fondamentali per il proseguio della stagione europea. A novembre? si, con il Buducnost che corre come un treno e con il nuovo format della 7days EuroCup, ogni vittoria pesa come un macigno, soprattutto in uno scontro diretto.

Siamo soltanto alla terza giornata ma la stagione europea dell’aquila trentina sembra già all’ultimo bagliore giallastro di una candela commemorativa. 0/3 è il triste ruolino di marcia della banda di Lele Molin. Questa volta a banchettare alla Group Arena è il Lietkabelis trascinato dal promettente Panagiotis Kalaitzakis – per lui, al momento, una stagione da 18 punti di media con il 50% dalla lunga distanza.

81,6 sono i punti subiti dalla Virtus in questa prima parte di stagione europea; troppi per una squadra che punta ad arrivare in finale. Nonostante i 90 punti abbondanti a gara, le Vu nere di Sergio Scariolo tirano con il 34,6% dalla lunga distanza: percentuale inadatta per competere ad alti livelli.

La settimana horror delle italiane si conclude con un mesto 0-3. Se la caduta della Virtus in terra montenegrina ha fatto rumore (86-82), non vanno dimenticate le debaçle della Reyer Venezia contro Ulm (90-83) e l’ennesimo crollo di Trento. Un terzo turno da dimenticare per le compagini del belpaese.

Se dopo tre giornate siamo invogliati a suddividere alla destra gli eletti e alla sinistra i reprobi, nonostante le due sorprendenti sconfitte, non possiamo trovare un’adeguata sistemazione al Valencia Basket. Due sconfitte abbastanza rocambolesche avvenute di 1 punto, di cui una molto contestata contro il Buducnost, hanno attirato un tramestio di anatemi e scomuniche. Giudizi avventati e poco onesti per una squadra che per quanto riguarda gli uomini ai box è seconda soltanto alla Virtus.

L’attacco vende i biglietti e la difesa vince le partite, e probabilmente porta i titoli in cascina. Il Partizan vuole aggiungere un titolo, soprattutto vuole conquistare l’Eurolega, e per questo sa che tutto passa dalla difesa. Dopo l’esordio allegro sulle rive del Mar del Nord, la squadra di Obradovic ha cambiato regime elemosinando 59 punti ad Ankara e 67 a Badalona.

22,3 punti di media con il 56,3% dalla lunga distanza su 16 tentativi: passano gli anni ma Will Cummings resta sempre una sicurezza. Dopo due stagioni in Russia il play americano è atterrato in Francia per giocare con gli ambiziosi Metropolitans 92. L’asse Cummings/Hunter promette spettacolo, qualità e quantità.

https://www.eurocupbasketball.com/eurocup/games/results?gamenumber=4&phasetypecode=RS&seasoncode=U2021

Happy
Happy
0 %
Sad
Sad
0 %
Excited
Excited
0 %
Sleepy
Sleepy
0 %
Angry
Angry
0 %
Surprise
Surprise
0 %

Average Rating

5 Star
0%
4 Star
0%
3 Star
0%
2 Star
0%
1 Star
0%
Next Post

EUROCUP, MAN OF THE WEEK: è ancora Motley l'MVP di giornata

Con la terza giornata di 7Days EuroCup in archivio, è nuovamente tempo di assegnare il premio di MVP di giornata, e il nome scelto non è nuovo: è ancora Johnathan Motley, del Lokomotiv Kuban, il Man of the Week. LA PRESTAZIONE DI MOTLEY Dopo la straordinaria prestazione all’esordio in questa […]
MOTLEY

Subscribe US Now

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: