La Virtus cade in Montenegro, il Buducnost vince il secondo big match consecutivo e vola in testa

Balbo
0 0
Read Time:2 Minute, 55 Second

La Virtus, nel terzo round di 7Days EuroCup, vola in adriatico per affrontare il Buducnost; squadra seconda nel proprio campionato con 5 vittorie e 1 sconfitta. I montenegrini, prima della sfida con i bianconeri, in casa sono imbattuti da ben otto mesi e sono reduci da diciassette vittorie consecutive.

Il Buducnost continua la sua striscia positiva battendo la Virtus 86-82 grazie ad un secondo tempo da 49 punti e resta a punteggio pieno staccando anche i bianconeri.

Reed, eurocup/ eurodevotion

Virtus: difendendo si corre

Alessandro Pajola torna in campo, dopo l’assenza in campionato, e la Virtus torna a chiudere la serratura in difesa. La ritrovata serenità difensiva permette ai bianconeri di correre e di far esprimere al meglio soprattutto le qualità degli ultimi arrivati: su tutti Cordinier e Hervey (autore di 8 punti silenziosi nel primo tempo).

A differenza delle ultime prestazioni i bolognesi sono reattivi, e, approfittando delle braccia lunghe e svelte del trio Hervey/Weems/Pajola, intercettano le idee offensive dei montenegrini per trovare punti facili in contropiede.

Il primo tempo sorride alla squadra di coach Scariolo, la Virtus comanda 37-48.

L’intensità del Buducnost gira la partita

Nel secondo tempo i montenegrini aggrediscono la partita; Petar Popovic, un esterno mingherlino dalla faccia tosta e dal carattere di ferro, entra in scena mettendo in crisi la difesa bianconera. Gli esterni virtussini non reggono più il primo passo dei padroni di casa che, sotto le plance, iniziano a banchettare. Tessitori, probabilmente il migliore in campo tra le fila dei bianconeri, non è coadiuvato da Jaiteh – pessimo – e non puo contenere la mole di Willie Reed.

La Segafredo risponde all’energia montenegrina con una serie di triple, ma la partita sembra aver preso un’altra via.

Cobbs e Reed

La palma di MVP questa volta non va ad un giocatore singolo ma ad un duo; Cobbs e Reed: 23 punti e 8 assist per il regista, 21+6 per il lungo, in dubbio fino all’ultimo. Il duo americano del Buducnost domina l’ultimo quarto con energia, astuzia e voglia di vincere.

La Virtus ha l’ultimo possesso per portare la gara ai supplementari ma Teodosic (8 punti) spreca il sottomano.

Il Buducnost vince il secondo big match consecutivo – dopo la vittoria in terra spagnola – e diventa una serie pretendente per il primo posto nel girone. La settimana prossima, per i bianconeri, la sfida contro Valencia diventa uno spartiacque per la stagione europea.

Buducnost VOLI Podgorica vs. Virtus Segafredo Bologna – Game – Welcome to 7DAYS EuroCup (eurocupbasketball.com)

Il post partita dei coach

Le parole di Sergio Scariolo:

 Congratulazioni al Buducnost. Hanno fatto una grande partita di esperienza, soprattutto con giocatori come Cobbs e Reed, recuperando la partita e dimostrando controllo del gioco e grande forza sotto canestro.
Noi abbiamo fatto errori banali, con palle perse anche infantili, e in particolare sono rammaricato per l’ultima azione. Non sono però del tutto insoddisfatto della prestazione della mia squadra. Molti giocatori non avevano mai giocato a questo livello, con questo pubblico, con queste responsabilità. E’ una sconfitta dalla quale possiamo trarre e costruire tanto. Fa parte del processo di crescita, anche se spero non sia troppo lungo.

Le parole di Dzikic:

Abbiamo vinto ed è una stata una sorpresa per tutti, me compreso, onestamente. Sono una squadra super, da cima a fondo, con un allenatore leggendario. Sappiamo che sono ambiziosi in questa stagione, sono grossi, sono aggressivi, hanno dimensioni, velocità, talento, anche esperienza, hanno giocatori in gamba, tutto. Quindi, per noi è importante essere anche in grado di competere contro di loro.

Happy
Happy
0 %
Sad
Sad
0 %
Excited
Excited
0 %
Sleepy
Sleepy
0 %
Angry
Angry
0 %
Surprise
Surprise
0 %

Average Rating

5 Star
0%
4 Star
0%
3 Star
0%
2 Star
0%
1 Star
0%
Next Post

EUROCUP, VALENCIA-GRAN CANARIA: Ennis e compagni sbancano La Fonteta

Gran Canaria controlla per quasi tutti i 40′ e porta a casa una vittoria importantissima, andando a vincere in casa del Valencia per 89-90. Come sempre, l’analisi del match in tre punti chiave: UN “FALSO” EQUILIBRIO STATISTICO Se si guardassero solo le statistiche finali (vedi qui) di questa partita, sarebbe […]
Real Madrid-Gran Canaria

Subscribe US Now

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: