Euroleague Weekly: gerarchie più chiare e qualità da cercare. Barça, Cska ed Olimpia ci dicono che…

0 0
Read Time:2 Minute, 50 Second

Euroleague Weekly, il nostro contenitore settimanale in 10 flash. Cosa ci ha detto il Palau, il ritiro del vero Milutinov e la qualità della pallacanestro milanese su tutti.

Il Barça vince il “clàsico” segnando 93 punti alla difesa più arcigna della competizione. Jasi toglie il respiro al trio delle meraviglie Tavares, Poirier e Yabusele. Rischia sul perimetro ma la vince. Se vuoi battere il Real quei rischi devi prenderteli.

L’Asvel torna sulla terra. 5 L nelle ultime 6 e lo stesso Okobo è lontano da quello del primo mese. 17, 11, 14 e 7 nelle ultime 4 con 9/26 da due e 7/21 da tre. Essere sorpresa è una cosa, confermarsi da stella vuol dire trovare difese che ti mettono nel mirino. Nelle prossime settimane avremo la verità.

Nikola & Nikola. Mirotic al “career high” per punti (31) e valutazione (39) nella gara più importante. Milutinov da 19+12 con un solo errore al tiro nella W del Cska. Con il serbo in campo è un’altra vita per i russi.

Il Cska ha un Defensive Rating medio di 112,8, il 14mo della lega. Ieri, con il Milutinov vero, il dato è 78,1 , nettamente il migliore. Ok, lo Zalgiris è quello che è, ma avere un totem del genere dietro permette un’aggressività assai differente sul perimetro. Non sono un caso le 19 perse avversarie, che mediamente sono 13,14.

Milano segna meno di 80 punti per la dodicesima volta in 14 partite. La squadra di Messina non supera quota 79 dalla gara interna con la Stella Rossa. 75,14 punti di media segnati (9a) e 72,93 subiti (4a).

Qualità Olimpia? Da rivedere. Se la difesa è buona, ma va tenuto conto del valore di un avversario alla quinta L di fila e senza i due playmaker, l’attacco deve crescere tantissimo poiché troppo spesso ristagna senza fantasia nelle soluzioni. I numeri? 67,9 possessi a gara (14ma davanti solo a Stella, Bayern, Zenit e Zalgiris). 110,7 di Offensive Rating (7mo) ma che nelle ultime 5 è 107,2 (14mo). Ruotare ad 8 è sostenibile?

Stella Rossa ben oltre le proprie possibilità. Dopo lo Zenit conquista il referto rosa anche ai danni dell’Olympiacos, la squadra più calda del momento. La difesa di Radonjic è tornata a fare la differenza? Parrebbe, anche perchè è l’unica via in grande difetto di talento rispetto alla concorrenza. Ora Barça, Bayern, Efes, Zenit, Fenerbahçe e Real per capire meglio.

A proposito di Zenit... Ok, c’è sempre la faccenda Napier, perchè giocare senza il miglior giocatore pesa, ma le 3 L consecutive contro Pana, Stella e Fener pesano tantissimo, soprattutto perchè due arrivate in casa. Era il momento di fare cassa, invece…

Unics sempre più su. Settima vittoria nelle ultime 9 con due sconfitte giunte solo nel finale con Asvel ed Oly. Tel Aviv vuol dire consistenza, talento ed applicazione difensiva. Non era per nulla scontato, anzi. nelle ultime 6 gare quarta miglior difesa e miglior attacco. Non può essere un caso.

Georgios Papagiannis prosegue silente il suo cammino eccellente. 61 rimbalzi nelle ultime 6 gare, stagione da 9,5 + 8,1 ed 1,4 stoppate. E’ quarto per valutazione tra i centri, dietro ai soli Tavares, Vesely e Zizic, quindicesimo nella lega tra tutti i ruoli. Primo rimbalzista ad 8,14, garantisce al Pana il 52% di carambole raccolte (quarta squadra delle 18).

(Foto copertina: Mundo Deportivo)

About Post Author

alberto marzagalia

Due certezze nella vita. La pallacanestro e gli allenatori di pallacanestro. Quelli di Eurolega su tutti.
Happy
Happy
0 %
Sad
Sad
0 %
Excited
Excited
0 %
Sleepy
Sleepy
0 %
Angry
Angry
0 %
Surprise
Surprise
0 %

Average Rating

5 Star
0%
4 Star
0%
3 Star
0%
2 Star
0%
1 Star
0%
Next Post

Eurodevotion-Backdoor Podcast : Barça e Mirotic in volo, Milano con una W ma poca qualità

Eurodevotion-Backdoor Podcast: dai miracoli del Trinka allo spettacolo del “clàsico”. Milano vince senza convincere. Appuntamento settimanale classico quello della conversazione “congiunta” tra Eurodevotion e Backdoor Podcast. Come sempre tantissimi i temi trattati… I capolavori di Trinchieri non finiscono mai. “Clásico” da urlo: il colore è blaugrana, la star è Mirotic. […]
Eurodevotion-Backdoor

Subscribe US Now

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: