Anadolu Efes riparte dall’Alba

Matteo Carniglia
1 0
Read Time:2 Minute, 29 Second

Anadolu Efes riparte dall’Alba per superare il momento difficile in Turkish Airlines Euroleague.

I turchi si impongono agevolmente a Berlino conquistando una vittoria che mancava da un paio di settimane.

Risultato finale di 63-90 che andiamo ad analizzare con il solito stile di Eurodevotion in punti.

50-26

Il parziale nei due quarti centrali a favore dell’Anadolu Efes che dopo aver allungato nel secondo periodo ha consolidato e chiuso in maniera definitiva la contesa nel terzo. Una affermazione in cui si è rivista per lunghi tratti quella formazione turca che ha sostanzialmente dominato in questi ultimi anni nella massima competizione continentale. Aspetto che ha particolarmente soddisfatto coach Ataman come dichiarato da lui stesso al termine della partita: “Sono finalmente felice stasera. Tutti quanti noi abbiamo capito che è arrivato il momento di combattere dimenticando ciò che di buono abbiamo fatto in questi tre anni. Abbiamo difeso e mosso bene la palla.” Due elementi che hanno fatto la fortuna dell’Efes nelle ultime stagioni e che possono garantire una rapida risalita in posizioni più consone di classifica.

TIRO DA TRE PUNTI

L’Efes è stata nelle ultime edizioni una delle migliori squadre nel tiro dalla lunga distanza con percentuali che si sono sempre assestate intorno al 40%. Le prime otto partite hanno raccontato di un calo anche in questa voce statistica, decremento che non si è visto nella serata odierna dove gli ospiti hanno chiuso con 12/29. Oltre ai soliti Micic e Beaubois (senza dimenticare Larkin e Simon) da sottolineare il 3/6 di Adrien Moerman che ha interpretato nel migliore dei modi il ruolo di quattro nello scacchiere di Ataman. “Stasera Moerman ci ha regalato quei tiri che sono molto importanti per lo sviluppo del nostro gioco perchè ci permettono di aprire il campo.” Il francese e Singleton sono destinati ad essere perni fondamentali per il prosieguo della campagna europea dei campioni in carica.

RICERCA DELLA CONTINUITA’

Il record dell’Anadolu, dopo nove partite, recita tre vittorie e sei sconfitte, un bilancio peggiore di quello della scorsa stagione dove già la partenza non fu tra le migliori. La ricerca della continuità è assolutamente basilare visto che i turchi condividono, insieme ad Alba, Fenerbahce, Panathinaikos e Zalgirs, il poco invidiabile primato di non essere mai riusciti a vincere almeno due partite consecutive. Gli unici tre successi, peraltro, sono arrivati contro Zalgiris, Alba e Kazan, ossia team che sono anni luce lontani dalle cosiddette big. Le prossime quattro gare, in casa contro Olympiacos, Monaco, Barcellona, ed in trasferta nel derby contro il Fenerbahce ci diranno se la vittoria di Berlino è stata “l’alba della risalita” oppure un fatto estemporaneo. Quattro giornate infuocate, tutte ad Istanbul, per capire il futuro.

Una menzione, nonostante la sconfitta, per Oscar Da Silva, unico in doppia cifra per i tedeschi con 13 punti e 15 di valutazione. Il giocatore, già protagonista qualche settimana fa della rubrica Euroleague Man of the week, è da seguire con grande attenzione.

Happy
Happy
0 %
Sad
Sad
0 %
Excited
Excited
0 %
Sleepy
Sleepy
0 %
Angry
Angry
0 %
Surprise
Surprise
0 %

Average Rating

5 Star
0%
4 Star
0%
3 Star
0%
2 Star
0%
1 Star
0%
Next Post

Il Barcellona distrugge il Baskonia dopo 40' senza storia

Al Palau Blaugrana è andata in scena la sfida tra il Barcellona (ancora privo di Abrines e Higgins), che ha perso la vetta della classifica dopo la sconfitta di Milano, e il Baskonia, reduce da tre pesantissime sconfitte.La vittoria (in un match senza storia) è andata ai Catalani per 93-67, […]
Barcellona-Nicola Mirotic

Subscribe US Now

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: