Unics-Olympiacos (R13): il freddo russo conferma le ambizioni dei greci

Balbo 2
1 0
Read Time:3 Minute, 12 Second

Unics-Olympiacos è la sfida tra le due squadre del momento: i russi arrivano da quattro – convincenti – vittorie consecutive, mentre gli ellenici, grazie alle ultime due vittorie, hanno riassaporato le vertigini dell’alta classifica.

La Russia, questa volta, non risulta indigesta ai greci, dopo le sconfitte di Mosca (contro il Cska) e di San Pietroburgo (contro lo Zenit), Sloukas e compagni vincono a Kazan. L’Olympiacos batte l’Unics, dopo un tempo supplementare, 84-87. Protagonista Sasha Vezenkov con 22 punti, 7 rimbalzi e 3/7 da tre punti.

Andiamo a ripercorrere la sfida nei caratteristici tre punti di Eurodevotion

Olympiacos adesso fai paura

Terza vittoria consecutiva, sesta vittoria nelle ultime otto gare e terzo posto confermato con 9 vittorie. Le aspirazioni dei greci si intrecciano come piante rampicanti,

Per l’Unics, dopo la scoppola rimediata a Istanbul contro il Fenerbahce, la stagione ha preso una svolta positiva totalmente inaspettata, una scintilla in grado di far svegliare il barile; svolta che è arrivata, dopo il sopraelencato +39, anche per i turchi di Djordjevic, però in senso opposto. La rocambolesca sconfitta di questa sera non spegne le ambizioni della squadra di Perasovic.

Adesso l’Olympiacos fa paura, spazzate via le nubi portate dai venti della stagione 2021/21, il viso dei greci si vede rider limpidamente, con quella fisionomia medesima che Bartzokas gli aveva attribuito nelle intuizioni dei sogni estivi piú splendenti.

L’Unics e il dosaggio dell’aggressivitá difensiva

In casa Unics, nel primo tempo, la parola d’ordine, memori della prestazione monstre dalla lunga distanza dei greci al Forum, è niente tiri piedi per terra per l’Olympiacos; se con questa effervescente e abituale energia i padroni di casa riescono a limitare Dorsey (0 punti nella prima frazione) e la vena da tre punti degli uomini del Pireo; sempre con questa, a tratti ingenua, folle, maniacale, aggressività difensiva, gli uomini di Perasovic, pur di evitare “l’entrata in striscia” degli ospiti, li mandano per ben tre volte, nella sola prima parte di gara, dalla lunetta per tre tentativi.

Sfruttando questi viaggi in lunetta, oltre all’ingresso dell’Apollo Sloukas, i greci terminano il primo tempo sopra di due (40-42), nonostante un Lorenzo Brown da 13 punti.


Canaan cammina accanto alla tigre, invece Sloukas decide di cavalcarla

Il leader offensivo dell’Unics, Isaiah Canaan, inizia il secondo tempo con il vestito delle grandi occasioni: tre triple, 10 punti consecutivi, per far capire che l’americano vuol tenere viva la brace della serie positiva dei padroni di casa. Una brace che vuol essere spenta dal redivivo Dorsey, protagonista, però, dopo un paio di guizzi, di due pesanti airball negli ultimi quaranta cinque secondi dei regolamentari.

I ritmi si alzano, il contatto fisico sale e la vena dei greci dalla lunga distanza, nonostante i numerosi tentativi, stenta a migliorare. Sui due lati del campo, da ambo le parti, il livello della gara rispetta le altissime aspettative della vigilia.
L’Olympiakos mantiene la testa avanti, nonostante un indemoniato Canaan; ma Jekiri, approfittando della sua prorompente mole, pareggia, nel traffico, a 12 secondi dal termine, portando la gara ai supplementari.

Gli uomini venuti dal Pireo dimostrano una maggiore freschezza fisica e leggerezza mentale trovando valide alternative al balbettante tiro dalla lunga. Larentzakis sfodera la spada azzurra gettandosi tra la selva degli arti dei lunghi russi per il +4, nell’azione successiva perde palla e Lorenzo Brown riesce a “rubare” due punti. Inizia uno scambio di triple, con Canaan (20 punti con 6/9 da tre) da un lato e Vezenkov (22+8) dall’altro, l’assist per il russo arriva da Sloukas, sempre il greco mette il tiro libero della staffa.

L’Olympiakos sbanca Kazan 84-87 e si conferma tra le grandi. Canaan cammina accanto alla tigre mentre Kostas Sloukas (12 punti e 8 assist) oltre i numeri, decide di cavalcarla per portare i suoi alla vittoria.

https://www.euroleague.net/main/results/showgame?gamecode=114&seasoncode=E2021

Happy
Sad
Excited
Sleepy
Angry
Surprise

Average Rating

5 Star
0%
4 Star
0%
3 Star
0%
2 Star
0%
1 Star
0%

2 thoughts on “Unics-Olympiacos (R13): il freddo russo conferma le ambizioni dei greci

Next Post

Il quarto quarto non basta, una Milano opaca incappa in un altro stop

L’Alba Berlino punisce implacabile un’Olimpia nettamente al di sotto dei suoi standard, così gli uomini di Messina inanellano la quarta sconfitta consecutiva, in un filotto negativo tale che mai la scorsa stagione si era verificato, se non in finale di campionato. Nella capitale tedesca era atteso il ritorno alla vittoria […]

Subscribe US Now

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: