Maccabi-Zalgiris 76-62. Il Maccabi vince la quarta, lo Zalgiris resta ancora a secco

michelepasti
1 0
Read Time:3 Minute, 51 Second

Maccabi Tel aviv-Zalgiris Kaunas: Alla Menora Mivtachim Arena di Tel Aviv il Maccabi è alla ricerca della quarta vittoria, dopo quella contro i greci del Panathinaikos della settimana scorsa, per restare nella zona playoff, mentre lo Zalgirs Kaunas è in cerca del primo successo di questa stagione dopo il pessimo inizio.

A vincere la gara è il Maccabi grazie alla difesa e all’ intensità gettata in campo. Per lo Zalgiris non bastano i 17 punti di Arturas Milaknis .

Il primo tempo

La gara inizia subito con grande intensità con il layup di Kalnietis che buca la difesa israeliana e la risposta di Zicic dopo il rimbalzo in attacco.

Derrick Williams inchioda a due mani l’ alley hoop che regala il +8 agli israeliani obbligando coach Jure Zdovc al primo time out. Lo Zalgiris oltre a fare una grandissima fatica a trovare il canestro subisce tantissimo in difesa.

Le tre bombe di Milaknis però culminano il tentativo di aggredire la gara per poterla riaprire da parte dello Zalgirs Kaunas portando la formazione lituana addirittura sul +2.  Il primo quarto si conclude sul 16-20 per gli ospiti.

Nella seconda frazione di gioco le due squadre faticano ad entrare in ritmo finché Nunnally non buca la retina in transizione. Il 2+1 mancino di Williams regala il nuovo vantaggio al Maccabi. La formazione di coach Sfairopoulos allunga nuovamente sul +9 grazie al dominio nel pitturato da parte di Ante di Zicic.

Si va all’ intervallo lungo sul 39-30, dopo un bel primo tempo, fatto di parziali ma con molta intensità.

Il secondo tempo

Nella ripresa i padroni di casa ripartono da dove erano rimasti con la penetrazione al tabellone di Evans, nonostante questo però, le formazioni faticano a trovare la via del canestro e ad entrare in ritmo.

Lo Zalgiris non riesce a fermare Zicic sotto il canestro che pare un giovane Sofoclis Schortsianitis, mentre ancora Evans, grazie ai falli subiti, continua a fatturare dalla lunetta. Finalmente dopo ben 5 minuti di gioco arriva il primo canestro dal campo lituano con Giffey.

Nonostante le chiavi della gara siano in mano al Maccabi, gli israeliani non riescono mai ad affondare il piede sul gas per chiudere definitamente la gara. Il terzo periodo si chiude sul 58-46.

Nell’ ultima frazione di gioco lo Zalgiris si gioca ogni chance e possibilità per cercare di riaprire la gara ma i ferri della Menora Mivtachim Arena non accolgono mai i tiri lituani.

Derrick Williams segna la bomba del +15 ed Evans va ad appoggiare il +17 in contropiede indisturbato. La schiacciata di Reyonlds  del +21 scrive la parola fine sulla gara e regala la quarta vittoria al Maccabi Tel Aviv. Ancora nulla da fare per lo Zalgiris che resta l’ unica squadra ancora a secco di vittorie.

Chiave della gara: intensità e dominio del pitturato

Il Maccabi Tel Aviv ha iniziato la gara davvero nel migliore dei modi salvo poi subire un bruttissimi parziale e regalare il primo quarto agli ospiti. Nel secondo periodo però è arrivata la reazione, giocando con la testa, facendo cose semplici e andato a cercare i miss match sotto canestro.

Da qui gli israeliani sono ripartiti piazzando un break importante che gli ha concesso di gestire il vantaggio fino al suono della sirena finale. Un altro fattore fondamentale sono stati i lunghi del Maccabi che hanno giocato una gara sontuosa sotto le plance dominando letteralmente quelli dello Zalgiris, sia in attacco sia a rimbalzo sia in difesa.

Mvp: Derrick Williams e Ante Zizic

La coppia dei lunghi del Maccabi ha letteralmente dominato la gara dal’ inizio alla fine. Per l’ americano 17 punti in 33 minuti con 4/8 da 2, 2/2 dall’arco dei tre punti, tutto questo condito anche da 7 rimbalzi, 1 assist e 23 di valutazione. Per il croato invece 14 punti in poco meno di 17 minuti di impiego, 7/10 da 2, 9 rimbalzi per 20 di valutazione complessiva. Twin Towers.

Prossimi appuntamenti e considerazioni finali.

Gli israeliani scenderanno in campo giovedì alle 20.05, ancora a Tel Aviv, contro la corazzata blaugrana, ancora imbattuta. I lituani invece se la dovranno vedere con i campioni d’ Europa in carica dell’ Anadolu Efes di coach Ergin Ataman venerdì 29 alle 19:30 cercando ancora la prima vittoria di questa regular season.

Ciò che ad oggi però è chiaro è che lo Zalgiris abbia nettamente fatto un passo indietro rispetto alla scorsa stagione. Interessante inoltre ancora lo scarso utilizzo di Emmnuel Mudiay, solo 13 minuti in campo, colui il quale, secondo molti, sarebbe potuto essere un grande protagonista di questa stagione. 

Happy
Happy
0 %
Sad
Sad
0 %
Excited
Excited
0 %
Sleepy
Sleepy
0 %
Angry
Angry
0 %
Surprise
Surprise
0 %

Average Rating

5 Star
0%
4 Star
0%
3 Star
0%
2 Star
0%
1 Star
0%
Next Post

La rimonta stavolta non riesce all'Olimpia, Lucic vendica il Bayern

Quella di stasera è la storia di una partita che l’Olimpia rincorre a lungo: insegue, insegue e insegue ancora, senza mai afferrarla. L’andamento diesel a cui ci aveva abituato la squadra di Messina stavolta non si realizza, l’Olimpia non carbura e non riesce a raddrizzare la gara, che si conclude […]

Subscribe US Now

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: