Valencia-Bayern: i ‘Taronja’ alla sfida decisiva contro i bavaresi

Luca Castellano

Valencia-Bayern è l’altra Game of The Week di questa settimana. Vediamo come i Taronja dovranno cercare di battere la squadra di coach Andrea Trinchieri.

0 0
Read Time:6 Minute, 12 Second

Se c’è un Milano-Baskonia venerdì sera che è la Game of the Week per eccellenza del Round 31 della Turkish Airlines Euroleague, questa sera a ‘La Fonteta’ va in scena un altro pezzo cruciale per la post-season continentale. Questo giovedì sera, infatti, è il giorno di Valencia-Bayern, una sfida che mette in palio prestigio, fama e soprattutto una grossissima fetta di stagione.

Da una parte i padroni di casa: la squadra di coach Ponsarnau è al famigerato “do or die” game match-up. La partita che vale un pezzo grossissimo di futuro prossimo con la qualificazione ai play-off ancora in gioco, ma soprattutto la permanenza ufficiale nella Turkish Airlines Euroleague. Dall’altra, invece, il Bayern Monaco di coach Trinchieri: la squadra capace di battere l’Efes settimana scorsa e che, insieme al già citato Baskonia, ha il calendario più difficile per centrare una sorprendente qualificazione alle Sweet 8 della massima competizione continentale.

Quest’oggi la lavagnetta tattica di Eurodevotion vi porta nel vivo del gameplan del Valencia. Dopo la presentazione, per certi tratti confermata del Bayern che vi abbiamo illustrato la scorsa settimana, chi invece è sotto i riflettori questa sera sono proprio i Taronja. Gli iberici devono vincere e recuperare ben 11 punti nel confronto diretto (90-79 il punteggio finale della sfida in terra bavarese) e vediamo come in chiave tattica dovrebbero arginare la quinta forza della regular season.

Attacco: Ponsarnau questa sera deve inventare di più

In casa Valencia non c’è margine d’errore. Come detto in anteprima, la squadra di coach Ponsarnau ha i riflettori puntati per tante, troppe e ovvie motivazioni. Come detto la classifica parla chiaro: vincere oggi aumenta le chances di restare ancorate al sogno post-season e per farlo non servono le solite distrazioni tecnico-tattiche o altri fattori esterni che possano influenzare l’esito della gara.

Da qui fino alla fine della stagione, infatti, i Taronja devono essere ermetici, cinici e mostrare soprattutto con una certa costanza di essere all’altezza delle zone nobili della classifica. Serve la stessa intensità difensiva vista nello scontro diretto contro il Fenerbahçe di coach Kokoshkov di due round fa ma, soprattutto, serve una continuità in entrambi i lati del campo nonostante le assenze.

Già, a questa sfida coach Ponsarnau deve inventare molto di più delle scorse partite per restare vivo. Hermasson, fulcro del gioco offensivo quando latita Sam Van Rossom non sarà della sfida, così come al 90% Mike Tobey e soprattutto il vero go-to-guy della formazione spagnola: Boban Dubljievic. Il big man dei Taronja, sarebbe stato cruciale in questo Valencia-Bayern e non solo, ma per un problema alla mano purtroppo dovrà dare forfait alla sfida.

A questo punto la domanda è più che lecita: in attacco come si muoverà coach Ponsarnau? Innanzitutto più fiducia a Laberyie da , ma soprattutto può essere la partita della svolta per Pradilla e per Klemen Prepelic.

Il big man francese dovrà lottare sicuramente per quasi quaranta minuti coaudivato dall’apporto del grande ex Derrick Williams, ma Pradilla avrà buoni minuti e potrebbe rimescolare le carte. Se in difesa, discorso più generico che affronteremo più tardi dovrà essere più malizioso e meno acerbo, in attacco deve mostrare la sua qualità di andare rapidamente al ferro in campo aperto. Lui come tutto il Valencia in questa sfida devono leggere rapidamente la difesa eccelsa del Bayern. Il talento offensivo non manca quindi sta da sfruttare al massimo ogni opportunità concessa dagli uomini di Trinchieri.

Partendo in transizione con Hermasson, passaggio rapido per Williams in ala che scarica con un no-look per Vives in angolo. Per non far schierare rapidamente il Bayern servono questo tipo di gioco anche estroso in attacco.

Altra considerazione va fatta su un aspetto cruciale del gioco del Valencia: l’utilizzo dei blocchi. Se lontano dalla palla bisogna sfruttare sempre di più Prepelic e le sue qualità balistiche come all’andata, sarà cruciale l’utilizzo e la gestione del pick and roll. Senza Dubljievic e Tobey, due big man che sanno sia giocare di sponda, sia essere finalizzatori da triangolo che da dietro l’arco allargando il campo, bisogna necessariamente allargare il campo e prendere iniziativa non sempre perimetrale, ma anche dentro l’area specie quando la partita si farà decisamente intensa.

Senza Dubljieic e Tobey saranno cruciali i blocchi lontano dalla palla. In questa situazione fondamentale l’uscita di Prepelic con un ottimo foot-work e la realizzazione da dietro l’arco. Saranno cruciali anche questi fondamentali per la vittoria in Valencia-Bayern.

Difesa: è qui che si deciderà Valencia-Bayern

Se per l’attacco le soluzioni grosso modo si conoscevano, Valencia-Bayern sarà la classica sfida che si deciderà nella propria metà campo. Trinchieri è un maestro nel decidere come e quando far uscire gli avversari dalla loro “comfort-zone” di scelte giocabili in attacco, ma è Ponsarnau che deve fermare specialmente in due modi l’avversario.

All’andata Lucic e Paul Zipser dimostrarono nell’ultimo parziale di gioco come far ammattire la difesa dei Taronja, ma visto il precedente contro il Fener, gli spagnoli se difendono di squadra e senza indecisioni possono far giocar male anche una squadra molto preparata come quella del Trinka.

Primo aspetto cruciale saranno i box-out e tagliafuori sui big man. Thomas, Reynolds lo stesso Zipser costituiscono energia e vitalità dai secondi possessi, e viste le defezioni dei big-man iberici sovra-citate, Pradilla e Laberyie insieme al pacchetto esterni dovranno concedere sempre meno secondi giochi al Bayern.

Viste le assenze dei lunghi, Labeyrie e Pradilla insieme a Williams e Kalinic avranno molto da fare nella lotta a rimbalzo. In questo caso Reynolds è cruciale per l’extrapossesso vincente e il +8 sul punteggio. I box-out saranno cruciali in questa sfida.

Altro aspetto fondamentale sarà la gestione su Baldwin e Lucic. Entrambi gli esterni sanno come attaccare e non hanno paura del gioco fisico. Rischiare molto spesso una zone-press sarebbe fatale per due giocatori rapidi come loro, ma raddoppiarli in posto ala e non permettere extrapass in angolo o in post all’occorrenza potrebbe essere una chiave vincente per portare l’inerzia a proprio favore.

Ultimo aspetto e non in ordine di importanza è decisione immediata sul pick and roll avversario. Nel confronto dello scorso novembre, il contenimento su Zipser e Thomas non ha sempre funzionato quindi bisogna essere predisposti subito al cambio anche piccolo-lungo e impedire ai lunghi bavaresi di essere una triplice minaccia sui 24 secondi in qualsiasi zona del campo.

Male qui per il Valencia la lettura sul pick and roll con Malcolm Thomas. Dubljievic è troppo pigro sul pop del lungo del Bayern che lo punisce da dietro l’arco. Cominicazione e prontezza difensiva sono cruciali in Valencia-Bayern.

Bayern-Valencia: oltre le chiavi conta la motivazione

Aldilà dell’aspetto tattico della sfida, quello che conta davvero saranno anche e soprattutto le motivazioni. Valencia-Bayern metterà in mostra due squadre che hanno in tutto (o quasi) da perdere.

Per il Bayern è l’ennesima sfida per confermare davvero la grande e sontuosa stagione svolta sin qui a livello tecnico. Dall’altra parte per il Valencia è una sfida dal peso specifico inquantificabile. Deve dimostrare nelle difficoltà di essere quel meccanismo capace di di poter andare avanti nella pressione e nell’alternanza di gioco dimostrato sin qui, per poter centrare un obiettivo che ad oggi è alla portata.

Mucho mas que un partito à la Fonteta.

I tedeschi questa sera sono avvisati. Sarà battaglia da play-off.

Happy
Happy
0 %
Sad
Sad
0 %
Excited
Excited
0 %
Sleepy
Sleepy
0 %
Angry
Angry
0 %
Surprise
Surprise
0 %

Average Rating

5 Star
0%
4 Star
0%
3 Star
0%
2 Star
0%
1 Star
0%
Next Post

Next Generation Belgrado, la presentazione

La presentazione dell'ultima tappa della Next Generation
Next Generation Belgrado

Subscribe US Now

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: