Euroleague #R6, Monaco piega la Stella Rossa con Loyd-James

0 0
Read Time:5 Minute, 0 Second

Turno numero 6 di Euroleague per Monaco e Stella Rossa, che si sfidano nel Principato alla Salle Gaston Medecin, salotto dei bianco-rossi di Obradovic. Partita comunque insidiosa per il team monegasco, che vuole continuare il suo ottimo percorso in questa prima parte di torneo e agganciare in vetta il Fener, caduto in volata al Palau con il Barca, contro un team serbo che deve slegarsi dall’ultimo posto dopo la partenza 1-4 nelle prime 5.

Nell’ultimo turno Monaco ha vinto una partita splendida al Pireo giocando come sempre in modo spumeggiante, lanciando un gran segnale a qualsiasi avversaria. Dopo 3 trasferte tornano a giocare in casa James e compagni: la prima volta alla Salle Gaston Medecin sono caduti i campioni in carica dell’Efes Istanbul; l’obiettivo è tenere il salotto principesco inviolato anche contro la squadra di coach Jovanovic.

Per la sfida del Principato la Stella Rossa deve fare a meno di Luka Mitrovic, mentre il Monaco non ha assenze da registrare. Osservato speciale come sempre Mike James, che ha guidato i compagni al successo in Grecia la scorsa settimana con un Okobo da 23. La squadra serba ha vinto con il Bayern una partita scorbutica e tiratissima grazie ai 20 di Vildoza ed ai 12 a testa di Dobric e Bentil.

La sfida della Salle Gaston Medecin si chiude sul 85-77, con Monaco che scava il solco nel secondo quarto con un 21-12 risultato poi decisivo. La Stella Rossa è rientrata a -3 nell’avvio di terza frazione ma è stato una semplice scintilla: da lì in poi i monegaschi hanno dato lo strappo decisivo con Loyd e Motiejunas raggiungendo in diverse occasioni la doppia cifra di vantaggio. Incapaci di reagire in maniera decisa i serbi, sempre respinti con perdite dal talento della squadra di Obradovic, hanno capitolato definitivamente nel finale.

Per la capolista dell’Euroleague ci sono 41 punti combinati dalla solita coppia devastante James-Loyd (21 e 20) e 13 di Motiejunas, per i serbi sono 16 con 12 rimbalzi per un ottimo Filip Petrusev, 13 di Nedovic e 14 di Ben Bentil. Non incidono Holland, fermi a 10 punti combinati con 2/11 dal campo.

Loyd e James, le star di Monaco in Euroleague

Mike James: 21 punti, 8/16 dal campo, 2 rimbalzi, 2 assist, 2 recuperi. Segni particolari? Capacità innata di uccidere le partite. Jordan Loyd: 20 punti, 7/12 dal campo, 2 rimbalzi, 3 assist, 2 recuperi. Segni particolari? Dare il là alla fuga vincente di Monaco. Non è una novità che i bianco-rossi passino dalle mani dei 2 esterni, ma che fatturino 41 punti su 85 di squadra è davvero qualcosa di devastante. La Stella Rossa non ha minimamente retto l’urto con le star dei monegaschi, dando campo alle iniziative geniali del numero 3 e del #55: risultato? Naturalmente la sconfitta.

La squadra di coach Jovanovic non ha saputo mai opporre la giusta resistenza al talento sopraffino di questi 2 giocatori, che hanno preso il comando delle operazioni senza mai abbandonare la plancia della nave, condotta in porto con a bordo i 2 punti: difensivamente una prova insufficiente dei serbi, che hanno prestato il fianco alle iniziative di James e Loyd. Che siano due fuoriclasse è indubbio, che si potesse difendere meglio anche.

Petrusev, serata da gala nel Principato

Serata da Gran Gala per Filip Petrusev alla Salle Gaston Medecin del Principato. L’ex lungo dell’Efes ha messo a segno una doppia doppia da 16 punti e 12 rimbalzi con aggiunta di 4 assist e 6 falli subiti per un ottimo 27 di valutazione. Il lungo serbo ha dato vita ad un duello pazzesco con un vecchio marpione come Donatas Motiejunas, sfruttando la sua freschezza e la sua grande reattività a rimbalzo: una sfida vinta nelle cifre dal lungo della Stella Rossa, che ha provato a trascinare i suoi ad un successo fondamentale, ma non è bastato.

Non una grande difesa di Monaco sul numero 33 serbo, che ha saputo trovare canestri non così complicati tra le rotazioni difensive un po’ lente ed imprecise dei locali, mettendo in difficoltà la stazza del lungo lituano dei monegaschi. Peccato che la doppia doppia del 23enne non dia 2 punti ed ossigeno ai serbi, ma è una bella iniezione di fiducia per il giocatore.

LA PROVA SUPER DI PETRUSEV NON BASTA

Palle perse, back-door, pick&roll centrale, intensità, atletismo… che differenza in campo

97 a 81 di valutazione complessiva ed un senso netto di superiorità totale del Monaco, che alla fine ha vinto con pieno merito salendo in testa all’Euroleague. Uno dei dati chiave è il saldo perse-recuperate: +3 per i padroni di casa, -9 per i viaggianti. Delle 10 palle buttate al vento dai viaggianti, 7 sono state recuperate dai locali ed hanno portato a ritmi alti e transizioni offensive. Per i francesi un solo recupero, da relazionare anche alle sole 4 perse dei monegaschi.

Un dato questo che spiega tanto sul suicidio tattico di Vildoza e compagni, che hanno concesso spesso e volentieri transizioni ai padroni di casa: se c’è una cosa da non fare è proprio questa….

La difesa della Stella Rossa è stata totalmente insufficiente in 2 fondamentali: pick&roll centrali e tagli back-door dei monegaschi. Due situazioni che – come sappiamo – esaltano e danno grande fiducia al team di Obradovic, capace di leggere al meglio queste situazioni difensive passive dei serbi punendole e prendendo così grande ritmo e fiducia.

63% da 2 punti è un dato troppo alto da concedere ai padroni di casa per sperare di vincere: il dinamismo di Brown, l’atletismo di Diallo e Hall ed i kili di Motiejunas hanno dato grande vantaggio ai monegaschi, che hanno cavalcato quest’onda oltre alle mani dei 2 fuoriclasse tra gli esterni. Intensità, attenzione difensiva e rotazioni: troppo povera la squadra serba in questi fondamentali per trionfare nel Principato sbancando il Casinò…

About Post Author

Lele

Atleta amatoriale e giudice di gara, appassionato di atletica e basket
Happy
Sad
Excited
Sleepy
Angry
Surprise

Average Rating

5 Star
0%
4 Star
0%
3 Star
0%
2 Star
0%
1 Star
0%
Next Post

Virtus a due facce: prima va sul +19, poi spegne la luce e cede all'Asvel

Dopo la grande vittoria di Madrid, la Virtus non prosegue il momento positivo e cade in casa contro l’Asvel al termine di una gara decisamente amara per l’andamento che ha avuto. I bianconeri sembravano in totale controllo della partita sull’onda lunga di quella che era stata la prestazione di giovedì […]
Virtus Asvel

Iscriviti alla Newsletter di ED

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: