Parziale e sveglia finale portano l’Efes alla vittoria

0 0
Read Time:2 Minute, 35 Second

Recupero della giornata 5 tra Efes e Asvel a Istanbul, entrambe reduci da una sconfitta. Dopo la peggiore prestazione offensiva stagionale nella sconfitta contro il Baskonia (59 punti), L’Efes trova la seconda vittoria di sette scendendo sotto gli 80 punti segnati. Decisivo il parziale di 13-2 nei 4 minuti finali, dopo che i francesi erano rientrati in partita nel terzo quarto, 72-68 all’ultima sirena.

L’analisi della partita nei consueti 5 punti:

LE DUE FACCE DIFENSIVE DELLA PARTITA

In una partita dal basso punteggio, non sono state solo le scarse percentuali al tiro a decretare l’equilibrio al ribasso nei 40 minuti. Il parziale nel secondo quarto per l’Efes è stato deciso dalla difesa dei ragazzi di Ataman (8 punti concessi). Il coach in queste prime 12 partite giocate ha provato di tutto, da quella a uomo, passando alla press a tutto campo, fino alla zona 3-2 di ieri. Dimostrazione della adattabilità di Ataman alle situazioni. Per quanto riguarda Tj Parker, sempre la difesa a zona nel 3o quarto manda in confusione l’attacco turco portando a parziale e rimonta quasi decisiva.

TIMIDEZZA INSOLITA AL TIRO DIETRO L’ARCO

4a volta nella storia della Lega moderna in cui l’Efes va sotto i 10 tentativi realizzati da 3. 2 sole triple realizzate in 9 tentativi per una squadra che ci ha abituato a vedere sfruttate oltre modo le doti balistiche dei suoi giocatori. Proprio per questa sorta di timidezza, aumentata dalle scarse percentuali, è il motivo dei soli 8 assist di squadra. 2 di questi sono alley-oop in contropiede di Larkin per Dunston e Anderson. Il movimento di palla e la fluidità solite dei biancoblu si è in un certo senso inceppato, seppur nella vittoria.

RITORNO ALLA NORMALITA’

I fuochi d’artificio visti nelle ultime partite da parte dell’Asvel hanno finito le cartucce. Percentuali surreali nelle ultime partite, costantemente sopra il 60% da 3 e con il record di 17 bombe a segno in una sola partita. Stato di grazia che ha portato più volte a realizzarne anche con la mano in faccia, ma che si può definire concluso. 10/32 contro l’Efes ieri sera e “ritorno alla normalità”.

ALL HAYES ON ME

Ci aveva abituato bene nella scorsa stagione, quando con Cantù è stato il miglior stoppatore della LBA, con 2.6 stoppate di media. Kevarrius Hayes ieri ha bloccato per ben 6 volte gli attacchi Efes. 2 stoppate memorabili su Larkin e Singleton, mentre prima di ieri sera ne aveva fatte solo 3. Quindi record in carriera alla prima stagione in Eurolega, in una sfida interna spettacolare con il compagno Moustapha Fall.

IL TERZO SEGRETO DI ATAMAN

L’Efes di Ergin Ataman ha dimostrato di poter, se non eguagliare, avvicinarsi ai livelli di rendimento della scorsa stagione, quando a pieno organico. Certo, ma trovare una partita in cui i biancoblu abbiano giocato con tutti i titolari in campo, può sembrare una impresa. Ultimo della lista Kruno Simon, uno dei più presenti fin qui. Domani sera trasferta a Valencia. Si consiglia deviazione verso il sud-ovest della Francia, dove Lourdes accoglierà Ataman e i suoi a braccia aperte.

About Post Author

Riccardo Corsolini

Appassionato di Sport in generale, nato e cresciuto con la pallacanestro in testa e nelle mani. Scrivo della mia squadra e di Eurolega su Eurodevotion, tentando di prendere il ferro.
Happy
Happy
0 %
Sad
Sad
0 %
Excited
Excited
0 %
Sleppy
Sleppy
0 %
Angry
Angry
0 %
Surprise
Surprise
0 %

Average Rating

5 Star
0%
4 Star
0%
3 Star
0%
2 Star
0%
1 Star
0%
Next Post

BARÇA - OLY: i greci controllano il match e vincono il recupero del round 9

L'analisi del recupero del 9 round di Eurolega, che ha visto l'Olympiakos vincere a Barcellona.
Barcellona - Olympiakos | IQUII

Subscribe US Now

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: