Coach Andrea Diana: «EuroCup, noi ci siamo!»

L’attesa è ormai finita, la Leonessa Brescia è pronta per fare il suo debutto in EuroCup. Si comincia questa sera tra le mura amiche del PalaLeonessa contro i francesi dell’AS Monaco. Coach Andrea Diana è pronto per questa nuova avventura e presenta cosi la sfida.

Brescia – «E’ un esordio per tutti quanti noi e quindi dentro di noi c’è grande emozione. Chi si occupa di sport cerca sempre di ambire ai massimi livelli e l’EuroCup è sicuramente una competizione tra le più prestigiose in Europa. Da parte nostra c’è grande voglia di mettersi alla prova, ma c’è anche tanta curiosità di capire com’è l’ organizzazione: siamo finalmente pronti a viverla sulla nostra pelle».

Monaco – «E’ una squadra blasonata e reduce da una grande stagione, culminata in Europa con la finale disputata nella Basketball Champions League. Hanno già giocato tre match di campionato, quindi rispetto noi sono più avanti con gli impegni. E’ un team particolare, che ama correre e trascinato da tre guardie molto rapide: Needham, ex Reggio Emilia, Robinson e Lacombe. Inoltre emergono il pilastro Kicanovic e come ala grande Jones, già conosciuto per il suo passato pesarese, pericoloso in avvicinamento a canestro».

Chiavi – «Dovremo sforzarci di non farli correre, contendo il loro post basso: in generale proteggere bene l’aerea sarà una chiave importante per noi, oltre a dover cercare giocare con ritmo e fluidità, acquisendo armonia nel modo di giocare e di stare in campo. La partita di Supercoppa contro Milano ci ha insegnato che tutti possiamo sbagliare, ma l’importante, soprattutto nei match di EuroCup sarà fare esperienza dell’errore e saper resettare. Chiederò ai miei ragazzi sacrifico, desiderio di stare uniti durante la gara e lotta su ogni pallone. Servirà sostegno da chi è in campo e anche da chi sta fuori».

Next Post

Trento difende ed apre il campo: il giovane e talentuoso Partizan va KO

La gara numero 500 di Maurizio Buscaglia sulla panchina dell’Aquila viene festeggiata con una bella vittoria contro un avversario dotato di discreto talento e parecchia, sfrontata, gioventù. Inizio difficile per i trentini, retina scossa ripetutamente dai serbi e partita che a metà primo quarto pare svolgersi in una versione non […]

Subscribe US Now

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: