Milano a due facce con una paura di vincere senza motivo

Quale Milano ha giocato questa sfida col Panathinakos? Quella fatta di circolazione di palla e di tagli o quella dei 24 secondi di palleggio insistito? Forse il problema di Milano sta tutto qui.

  • Ma partiamo dalle cose positive: Kuzminskas da 3. Il lituano si sente evidentemente più a suo agio e si vede in un primo quarto perfetto. Giocando da 3 il suo post basso è più efficace e soprattutto apre gli spazi per i ribaltamenti che portano a un tiro aperto. A mio parere è una mossa che non si può non proporre anche in LBA
  • Arturas Gudaitis è palesemente un centro da top team di Euroleague. La capacità di essere sempre concentrato a rimbalzo è incredibile e nel supplementare è stato ripetutamente decisivo. Non è bastato ma non certo per errori suoi. Il suo rinnovo mossa fondamentale per il futuro biancorosso.
  • Ma Jordan Theodore come sta? Aspetto che deve essere assolutamente chiarito in vista dei Playoffs. Sta bene? Se si perchè non gioca? Con Jerrells sottotono sarebbe stato utile ma evidentemente non è ancora a posto fisicamente. La bagarre per il turnover in campionato rischia di essere una situazione pericolosissima.
  • Il Panathinaikos ha dei fuoriclasse assoluti: Mike James e Nick Calathes. L’ex Phoenix è tornato in Europa per riprendere dove aveva lasciato e non è da sottovalutare il fatto che su un tiro decisivo si sia andati da lui (su rimessa di Calathes). Il greco invece è uno dei candidati all’MVP della stagione, giocatore sempre più determinante che forse ha trovato l’apice della sua carriera. Senza brillare ha messo a referto un 18+6 regalando dei passaggi incredibili. Applausi.
  • Milano e le crisi di panico. Perchè dopo una partita giocata benissimo per tre quarti ti blocchi nel quarto finale? E non c’era neanche pressione in quanto si tratta di un match irrilevante. Brutto rivedere Jerrells ricadere nel possesso insistito dopo alcune partite convincenti. Meglio Goudelock paradossalmente, anche se un tiro finale gestito da 24 secondi di palleggio non è mai un bel vedere. I nervi vanno sicuramente sistemati.

One thought on “Milano a due facce con una paura di vincere senza motivo

Next Post

Il Khimki si butta via e si condanna all'Everest chiamato CSKA

Una sfida di fine stagione tra due squadre che sembravano non avere più nulla da chiedere a questa EuroLega: basterebbe questo per spiegare l’andamento di Barcellona-Khimki. Eppure, i russi disputeranno i playoff che scattano il 17 aprile e la prestazione offerta in terra catalana fa scattare un grosso campanello d’allarme […]

Subscribe US Now

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: