Torneo preseason Cipro, Il CSKA si prende la rivincita sullo Zenit

frcata7
0 0
Read Time:2 Minute, 54 Second

La gara d’esordio del “Neofytos Chandriotis Tournament” di Cipro tra CSKA Mosca e Zenit vede i moscoviti prendersi una netta rivincita dopo la scoppola presa, sempre contro gli uomini di Pascual, qualche settimana prima alla “Kondrashin & Belov Cup”.

In quell’occasione la squadra di San Pietroburgo aveva dominato in lungo e in largo per tutta la gara chiudendo col netto punteggio finale di 100 a 73. Per quella gara si può parlare di dominio azzurro su entrambi i lati del campo e di un CSKA brutto, molto imballato, lento nella lettura degli attacchi avversari ed ancora poco amalgamato.

Ecco, la gara di oggi, se possibile, ha visto ribaltarsi tutte queste affermazioni, una dopo l’altra. Non che lo Zenit abbiamo fatto clamorosi passi indietro (un po’ ne ha fatti), ma è il CSKA che ha cambiato volto alla sua squadra. O meglio, sta iniziando a farsi vedere il CSKA di Itoudis che tutti conosciamo. Ancora non al suo splendore (per quello ancora bisognerà aspettare), ma con diversi segnali che dimostrano che quel percorso è stato intrapreso.

Il 75 a 64 finale non racconta nemmeno benissimo la superiorità che oggi l’Armata Rossa ha dimostrato in campo. Anche se, in generale, non è stata una partita entusiasmante e troppo pulita (ma ci sta, si tratta di preseason), i moscoviti hanno avuto decisamente una marcia in più in quanto ad intensità e determinazione.

Il più in palla dei rossoblu è stato decisamente Will Clyburn (18 punti e 7 rimbalzi) che sta iniziando già a prendersi sulle spalle la squadra, facendo capire chi sarà il leader di questo gruppo, se c’erano dei dubbi. Grandi passi in avanti anche per uno degli osservati speciali, ovvero Aleksej Shved. Rispetto alle ultime uscite, è parso molto più inserito negli ingranaggi di Itoudis (anche dimostrando una bella attitudine difensiva – fatto non scontato), facendo vedere quanto potrebbe spostare gli equilibri della sua squadra e dell’intera competizione.

Shved, al suo ritorno con la maglia del CSKA

Si è visto sotto canestro anche un ottimo Bolomboy : tanta intensità, fisicità e diversi ottimi movimenti. Altroché semplice backup di Milutinov, potrebbe essere molto di più… Proprio l’ex Olympiakos e Shengelia sono parsi ancora indietro rispetto agli altri. Ancora incolore la prova di Grigonis, che avrà bisogno di tempo per integrarsi al meglio.

Passando dall’altra parte della barricata non è mancata nemmeno troppo l’intensità: la difesa, salvo qualche occasione, si è mossa comunque bene. Quello che è mancato oggi è stato soprattutto l’attacco: ampiamente diverso da quello che ha confezionato i 100 punti dell’uscita precedente contro il CSKA.

E la risposta principale a questo quesito è soprattutto una: l’assenza di Shabazz Napier. Già dalle prime gare si è visto che giocatore sarà e quanto sarà importante per lo Zenit: un giocatore in grado di creare vantaggi clamorosi nella metacampo avversaria. Cosa che ancora fatica a fare Conner Frankamp che, anzi, in alcune circostanze è parso un po’ confuso e poco efficace. Ma avrà tempo per rifarsi.

Bene, invece, Lloyd che ha dimostrato che triple pesanti potrebbe essere in grado di mettere. La sua facilità a segnare non smette mai di stupire. Del reparto lunghi forse il migliore ed il più in forma è sembrato Poythress (la sua fisicità a volte è dominante), invece più indietro sono parsi Mickey e Gudaitis.

Le prossime gare del torneo si giocheranno sabato: alle 18:00 (ore italiane) CSKA-Lavrio (squadra che ha sostituito il Maccabi, ancora con alcuni giocatori contagiati) e alle ore 20:30 Zenit-Olympiakos.

Happy
Happy
0 %
Sad
Sad
0 %
Excited
Excited
0 %
Sleepy
Sleepy
0 %
Angry
Angry
0 %
Surprise
Surprise
0 %

Average Rating

5 Star
0%
4 Star
0%
3 Star
0%
2 Star
0%
1 Star
0%
Next Post

Baraldi: se avessimo avuto il pubblico contro Kazan adesso saremmo in Eurolega, il tifo eleva il gesto tecnico

Nel corso della trasmissione radiofonica VIRTUSSINI SIAMO NOI | radio108web.com, l’Amministratore Delegato Luca Baraldi ha fatto il punto della situazione. Tanti gli argomenti trattati, dalla capienza, all’assemblea di LBA, fino al chiarimento sulle condizioni di Nico Mannion. “Ci sono diverse squadre che potrebbero soffrire la mancanza di botteghino, e non si parla […]

Subscribe US Now

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: