Il Cska è approccio, lo Zalgiris dopo tanti sorrisi sbaglia tutto

E allora Cska-Zalgiris, lo scontro tra le “scuole” del basket ex sovietico diventa appuntamento fisso di EuroLeague, e ci regala un successo moscovita

0 0
Read Time:3 Minute, 8 Second

Lo scontro che avrebbe deciso le ultime cinque finali di VTB, ma che lo Zalgiris ha preferito evitarsi.

E allora Cska-Zalgiris, lo scontro tra le “scuole” del basket ex sovietico diventa appuntamento fisso di EuroLeague, e ci regala un successo moscovita.

Il passo del Cska

Tre ko nelle prime cinque gare. Nelle restanti 14 gare, un solo ko. E’ questo il passo della squadra di Dimitris Itoudis, che in primo luogo racconta di una cultura.

Will Clyburn è venuto meno sul più bello, Nikola Milutinov è altalenante come sempre nella sua carriera (ma oggi 10+14), Daniel Hackett ha acciacchi che lo concedono ad intermittenza e Janis Strelnieks oggi non è più un giocatore in grado di reggere una stagione.

Eppure, stiamo parlando della capolista. Perché? In primo luogo perché la VTB permette soste che altri campionati, ACB ed LBA in primo luogo, non permettono.

Pur con tre, quattro squadre in grado di tenere alto il livello massimo della competizione. Quindi, senza parlare di facility, le scelte. I giocatori vengono cooptati per essere sè stessi in un sistema preordinato. Senza adeguare nessuno.

La gara con lo Zalgiris è l’esempio: i riferimenti oggi sono James, Hilliard e Shengelia. Con Voigtmann come sfogo e appoggio. Non a caso, ecco 77 degli 83 punti di squadra.

L’adeguamento dello Zalgiris

L’errore lituano è stato giocare ai ritmi del Cska. Impattando male il match. I padroni di casa, in virtù anche delle limitate rotazioni, tendono ad aggredire l’avversario dalla palla a due, raddoppiando sul portatore e imponendo il collasso verso il centro.

E’ quello che tutti anelano a fare, ma che ai moscoviti riesce meglio. Lo Zalgiris si è ritrovato così senza armi come MIlaknis (1/4 da fuori, spesso forzando) e senza Lauvergne, che ha dovuto ricevere in posizione non dinamica.

Aggiungiamoci poi un aspetto, che è la vera mancanza del centro francese: è vero, è 211 centimetri, ma con quella “scarsa” durezza, non si può non avere un tiro da fuori. O si fa a schiaffi, e si trova il modo per essere pericolosi da ogni posizione. E’ la regola del gioco di oggi. A prescindere dal discreto dato a rimbalzo.

Parliamo di date stagionale, più che del dato del match in sè.

La gara

Cska Mosca sempre al comando e a +18 dopo 22’. Così è inutile giocare contro la squadra di Itoudis, e inutile è stata la prestazione dello Zalgiris, che ha avuto nella palla a due il momento più alto, oltre al parziale di 7-0 ad inizio quarto quarto.

EuroLeague non permette cali di energia, ma tutti hanno un attimo di calo in una stagione così lunga e incerta, dove i padroni di casa non hanno certezze di scendere in campo sino a 48 ore dalla palla a due. Lo Zalgiris ha vissuto solo in quel momento, concesso dal padrone del vapore. Ma, appunto, è stata solo una concessione.

Toko Shengelia

Tre gare in doppia cifra nelle ultime quattro, con il passaggio a vuoto di Milano. Tre come nelle prime dieci. Toko inizia ad entrare nel sistema Cska perché sa di essere seconda opzione offensiva. E ha grande rispetto di Mike James. La coppia può funzionare, e rischia di essere la migliore d’Europa dopo Larkin-Micic dell’Efes. Ma con questo Larkin…

Lo Zalgiris

E’ vero, il campionato lituano è quello che è, ma parliamo di una squadra alla prima sconfitta dal 4 dicembre. E l’avversario era il Barcellona. Da allora 10 w in fila, e una classifica da playoff. 

Cosa ci dice questo? Cultura. E risorse. I coach contano, ma conta di più avere una nazione cestistica alle spalle. Poi uno Jasikevicius ti può dare mentalità. E il primo tempo dello Zalgiris non è accettabile.

Happy
Happy
0 %
Sad
Sad
0 %
Excited
Excited
0 %
Sleppy
Sleppy
0 %
Angry
Angry
0 %
Surprise
Surprise
0 %

Average Rating

5 Star
0%
4 Star
0%
3 Star
0%
2 Star
0%
1 Star
0%

One thought on “Il Cska è approccio, lo Zalgiris dopo tanti sorrisi sbaglia tutto

Next Post

Bayern-Zenit: la svolta nel 2° tempo porta Trinchieri alla vittoria

Sfida d'alta classifica che riporta il Bayern al 4° posto solitario
Bayern-Zenit | Eurodevotion

Subscribe US Now

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: