Al via i playoff di Liga ACB, Real favorito ma occhio alle contendenti

Eurodevotion
0 0
Read Time:6 Minute, 1 Second

Si è conclusa Giovedì 24 Maggio la regular season della Liga ACB dopo ben 34 turni ed oggi prendono avvio i playoff. Una stagione da record dal punto di vista offensivo, in cui sono stati messi a referto 50.051 punti totali, ovvero 81,8 punti di media per squadra a partita e 5461 triple. Migliori performance degli ultimi 22 anni.

Le otto squadre classificate sono, nell’ordine, Real Madrid (30-4), Kirolbet Baskonia Vitoria (25-9), FC Barcellona Lassa (24-10), Valencia Basket Club (22-12), Herbalife Gran Canaria (20-14), MoraBank Andorra (19-15), Unicaja Malaga (19-15) e Iberostar Tenerife (19-15).

Ad aprire le danze nella postseason ci sarà lo scontro tra il Real fresco campione d’Europa e Tenerife, alle ore 12:30. Seguiti da Basknia-Unicaja alle 18:30 e chiuderanno la giornata Barcellona e Andorra alle 20:40. L’ultimo incontro sarà quello tra i campioni in carica del Valencia Basket e Gran Canaria, che si disputerà Lunedì sera.

I quarti di finale saranno al meglio delle 3 partite, forse poche vista anche la lunghezza del campionato (ben 34 partite), mentre semifinali e finali si giocheranno su 5 gare potenziali.

 

  • REAL – TENERIFE

I blancos arrivano ai playoff galvanizzati dalla sontuosa vittoria della massima competizione europea e al picco della condizione fisica e mentale. Potranno contare sul rientro nei meccanismi di gioco di Sergio Llull, dopo il graduale ritorno in campo avvenuto dall’inizio dei playoff di Eurolega e su un pluripremiato (MVP della Liga e della Final Four di Eurolega) Luka Doncic che sembra già pronto al grande salto in NBA.

Stagione da schiacciasassi per i madrileni che si sono aggiudicati matematicamente il primo posto con 5 giornate d’anticipo battendo proprio i diretti inseguitori baschi. Con il record di 30 vittorie e solo 4 sconfitte hanno eguagliato il terzo miglior ruolino di marcia in campionato da quando è presente l’attuale formato (stag. 96/97). Presenza fissa ai piani alti con il quinto primo posto stagionale negli ultimi sei anni.

Hanno il favore del pronostico e spetterà agli avversari trovare un modo per fermare un squadra che sembra davvero inarrestabile.

Il Real affronterà nel primo turno l’Iberostar Tenerife, che ha agguantato i playoff in volata grazie anche alla vittoria più larga della sua storia (62-109 in casa del Real Betis), ottenuta nell’ultima giornata di stagione regolare. Come proferito dal playmaker Bassas, l’equipo aurinegro si presenta a questa proibitiva sfida “con la fiducia di essere entrati nei playoff e la consapevolezza che tutto quello che verrà sarà un premio”. Tenerife proverà l’impresa partendo dalla solidità della propria difesa (terza migliore della Liga) e facendosi guidare in attacco dall’americano Mike Tobey, campione in carica col Valencia e capace di mettere a segno 14,3 punti ad allacciata di scarpe quest’anno.

 

  • BASKONIA – MALAGA

I baschi si presentano a questa serie come seconda squadra classificata in Liga e seconda miglior spagnola in Eurolega. Sono guidati dall’esperto coach Pedro Martinez, vincitore a sorpresa lo scorso anno con Valencia e premiato a Maggio come miglor allenatore del mese per la quarta volta in questa stagione. Fondano il proprio gioco sul controllo dell’area e l’intimidazione, guidando la classifica sia delle stoppate che dei rimbalzi difensivi. Nella metà campo offensiva sono guidati dal carisma di Tornik’e Shengelia (16,1 punti di media) e sono stati il terzo miglior attacco della competizione.

Malaga arriva a questi playoff da settima squadra in graduatoria dopo aver disputato una stagione incolore, soprattutto dopo l’exploit dello scorso anno con la vittoria dell’Eurocup. Quarta miglior difesa ma attacco che fatica a macinare gioco e pronostico sfavorevole alla vigilia viste anche le 4 sconfitte subite contro Vitoria in questa stagione, tra campionato ed Eurolega.

Sarà interessante il duello georgiano tra Shengelia e Shermadini, che ha tirato con il 70% da due in stagione. Il fattore campo potrebbe rivelarsi importante visti i record fortemente positivi delle due squadre tra le mura amiche (Malaga 13-4, Baskonia 15-2).

 

  • BARCELLONA – ANDORRA

I catalani in questi playoff sono alla ricerca di riscatto dopo la seconda deludente stagione di Eurolega di fila e dopo l’eliminazione ai quarti dello scorso anno, ad opera del, poi campione, Valencia Basket. In Liga però i blaugrana hanno mostrato quasi sempre un attacco tonico, secondo per punti realizzati e primo per assist. Ottimo anche il differenziale tra palle recuperate e perse. Da’ qualche preoccupazione la situazione dell’infermeria, con Navarro in dubbio, Rakim Sanders, appena rientrato e l’assenza, vicino a canestro, di due giocatori di peso come Oriola e Seraphin.

I pirenaici rappresentano una squadra sempre ostica da affrontare, soprattutto in una serie al meglio delle tre gare, in cui il margine d’errore è ridotto al minimo. Lo scorso anno hanno fatto sudare freddo il Real Madrid, passato alla fine per 2-1 e in questa stagione hanno fatto valere il fattore campo risultando sconfitti solo quattro volte in casa.

Serie che parlerà francese vista la presenza di ben 6 giocatori transalpini: Heurtel, Moerman, Jackson, Sanè, Albicy e Seraphin.

 

  • VALENCIA – GRAN CANARIA

I taronja, dopo un ottimo avvio di stagione caratterizzato dalla vittoria della supercoppa e un record di 3-1 in Eurolega, ha subito una infinita serie di infortuni più o meno gravi che non le hanno mai permesso di mostrare a pieno le sue potenzialità. Sicuri assenti anche in questi playoff saranno Latavious Williams, che è stato disponibile solo un paio di mesi, Tibor Pleiss, out per fascite plantare e Antoine Diot, la cui stagione in realtà non è mai iniziata, viste le 0 partite a referto in questa stagione (ad esclusione della supercoppa). Appena rientrati invece Van Rossom e Rafa Martinez, così come Dubljevic che dovrebbe tornare in campo dopo il riposo precauzionale dell’ultima giornata, mentre rimane in dubbio la presenza di Green. I campioni in carica fondano il loro gioco su una difesa attenta e tenace, migliore in Liga con 75,9 punti subiti a partita, e sull’uso sapiente del tiro da tre di cui guidano la classifica sia per realizzazioni che per percentuale (41,34%).

Gran Canaria tornerà ad affrontare il Valencia dopo la sconfitta rimediata in finale di supercoppa e l’1-1 in stagione. Per passare il turno dovrà per forza vincere in trasferta, ma alla fonteta il Valencia ha vinto le ultime 12 partite di fila. I canari, dal canto loro, non temono nessuno viste le vittorie maturate in stagione contro le prime quattro squadre classificate e l’ottimo gioco corale mostrato nel corso della stagione.

 

  • ACCESSO ALL’EUROLEGA

Tre le licenze A già sicure, quelle di Real Madrid, Barcellona e Baskonia.

La quarta spagnola sarà la miglior qualificata escluse le sopracitate. Se queste dovessero, come da pronostico, passare il primo turno, la quarta partecipante all’Eurolega 2018-19 sarebbe la vincente dello scontro tra Valencia e Gran Canaria. A parità di turno raggiunto, invece, passerebbe la squadra meglio qualificata in stagione regolare; per questo motivo, visto il sicuro passaggio alla semifinale di una squadra senza licenza A (Valencia o Gran canaria), Malaga e Andorra (7° e 6°) dovrebbero raggiungere almeno la finale per potersi qualificare alla massima competizione europea.

 

Happy
Happy
0 %
Sad
Sad
0 %
Excited
Excited
0 %
Sleepy
Sleepy
0 %
Angry
Angry
0 %
Surprise
Surprise
0 %

Average Rating

5 Star
0%
4 Star
0%
3 Star
0%
2 Star
0%
1 Star
0%
Next Post

Elogio del "Lasismo". Perché Pablo Laso sta riscrivendo la storia del Real Madrid.

Basco, nativo di Vitoria nel 1967, Pablo Laso sta riscrivendo la storia del club più glorioso del mondo. Ma non diteglielo, perché vi risponderà con un sorriso timido ed una disarmante normalità, che è poi  il segreto per essere personaggio straordinario ormai nell’Olimpo degli dèi del basket. Pablo Laso Biurrun, ex […]

Subscribe US Now

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: