Eurobasket sinora: miglior squadra, MVP, delusioni…

0 0
Read Time:3 Minute, 32 Second

Eurobasket che ha definito il quadro degli ottavi di finale. Tanti protagonisti e tantissime indicazioni al via della fase ad eliminazione diretta.

  1. La squadra migliore è stata la SERBIA. 105 punti di scarto alle rivali, va però detto non irresistibili, 21 di media d ogni gara. Jokic è sul pezzo da leader vero, il talento è tanto, la stazza tantissima, la voglia di riscatto rispetto all’assenza olimpica ed al Mondiale 22019 è infinita. Se vogliamo trovare un potenziale problema è che sinora no ha giocato un solo quarto combattuto: dovrà essere pronta a farlo sin da subito perchè gli errori non sono ammessi.
Eurobasket | Eurodevotion

MVP? Dura perchè pare proprio che i giocatori NBA l’abbiano presa sul serio. DONCIC è irreale, GIANNIS è di un altro pianeta, JOKIC è di questo ma ha intenzione di dominarlo, MARKKANEN non è da meno rispetto a tutti i precedenti… Se proprio bisogna scegliere dico JOKIC perchè incarna 5 ruoli in uno, ma appena lo dico ne sceglierei un altro. Fuori dal mondo NBA c’è VEZENKOV, uno che lo frequenterà a breve ed ha fatto un Europeo stratosferico insieme a FONTECCHIO.

– Il Coach che ha proposto le cose più interessanti è LASSI TUOVI della Finlandia. Basket moderno, ritmi alti soprattutto in entrata nei giochi. Una grandinata di triple delle quali almeno l’80% sono tiri ottimi. Come limitare il gap di talento con certezze e strategie. Si può allenare, anche se hai materiale inferiore agli avversari.

– Grande delusione per il quarto posto azzurro e per la nazionale israeliana, che non dà mai l’idea di essere squadra, con troppa approssimazione e disorganizzazione in attesa che Avdija tolga le castagne dal fuoco.

– A livello individuale ci si aspettava molto di più da RUDY GOBERT. 12,8 punti e 9 rimbalzi sono numeri eccellenti, ma la realtà dice che il centro ex Jazz è parso a lungo poco coinvolto in un sistema francese che non ha funzionato. Con tutto il talento a disposizione di Collet non si può basarsi solo sulla creazione di Fournier. Resta il fatto che se si coinvolgesse lo stesso Gobert allora cambierebbe tutto e non è detto che non possa accadere d’ora in vanti.

– Tecnicamente è piaciuto molto il sistema finlandese, come già detto, così come la capacità di creare voragini in area della Serbia, capace di usare il post, con Jokic ma non solo, come nessun’altra squadra.

– La sorpresa positiva a livello di squadra è stata certamente la stessa FINLANDIA, insieme ad un Ucraina il cui secondo posto a Milano non era esattamente sul taccuino di molti.

Italbasket da 5,5. Insufficiente perchè la qualificazione in un girone come quello di Milano era roba da minimo sindacale. Il peccato con l’Ucraina pesa molto e rischia di diventare mortale vista la Serbia in arrivo. Il problema ora è proprio quello: la sufficienza arriva solo se si passa da 5,5 ad 8, perchè battere la squadra di Pesic sa di miracoloso. Ma restare fuori dalle prime 8 vorrebbe dire bocciatura netta.

Eurobasket | Eurodevotion

La formula a 24 va forse rivista, per numero e per procedure. Bello pensare allo sviluppo in Gran Bretagna, ma obiettivamente che senso ha una squadra come quella britannica oggi? E ce ne sono altre… Se il problema numero uno del basket mondiale è l’eccessivo carico di impegni, non sarebbe meglio ridurre il numero di gare, togliendo quelle inutili da asfaltata, per aumentarne la qualità? Per quanto riguarda gli accoppiamenti della fase ad eliminazione, al fine di evitare cattivi pensieri, è sufficiente sorteggiare a fasce dopo i gironi.

Livello arbitrale partito benino e poi scaduto nella farsa. Disastri di ogni tipo, scarsa conoscenza del gioco, inesperienza completa dell’alto livello, incapacità di usare il buonsenso e di arbitrare i campioni. Forse chi li gestisce è più colpevole dei fischietti stessi. Perchè tanta attenzione alle panchine e poca al campo? Chissenefrega se ci sono 5 giocatori e lo staff in piedi, meglio seguire il gioco.

Ora non resta che sedersi in attesa di uno spettacolo che promette di essere veramente interessante, a partire da un weekend con 8 gare senza domani tutte da godere. Nella speranza di non vedere altri disastri tipo quelli già vissuti, perché allora si toglierebbe ogni credibilità ad una competizione ricca di protagonisti di livello alto.

(Photo: http://www.fiba.basketball)

About Post Author

alberto marzagalia

Due certezze nella vita. La pallacanestro e gli allenatori di pallacanestro. Quelli di Eurolega su tutti.
Happy
Sad
Excited
Sleepy
Angry
Surprise

Average Rating

5 Star
0%
4 Star
0%
3 Star
0%
2 Star
0%
1 Star
0%
Next Post

Gli ottavi del sabato di Eurobasket 2022

Eurobasket 2022 all’appuntamento con la prima giornata degli ottavi di finale. Almeno due grandi sfide tutte da godere, mentre le altre paiono più segnate. Prima giornata di ottavi di finale ad Eurobasket 2022. Quattro sfide al via dalle 1200, poi 1445, 1800 e 2045 gli orari. TURCHIA v FRANCIA – […]
Eurobasket | Eurodevotion

Iscriviti alla Newsletter di ED

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: