Euroleague Playoff: Real contro Maccabi, una serie tutta da vivere

Lele
0 0
Read Time:4 Minute, 29 Second

Siamo arrivati al momento della verità, è il momento dei playoff di Euroleague da vivere in serie al meglio delle 5 gare. Insomma, il solito format per lo spettacolo europeo e per tante serie tutte da scoprire. Il Real di Pablo Laso sul proprio cammino troverà il Maccabi di coach Avi Even per un incrocio tra quarta e quinta che è tutto tranne che scontato. Si parte mercoledì sera con la prima palla a 2 al Wizink Center di Madrid alle ore 21.00.

La stagione delle due squadre

L’Euroleague del Real Madrid è stata a due facce, molto solida e molto positiva all’inizio, balbettante e – a tratti – tragica la seconda. Incredibile quello che hanno combinato i blancos, prima appaiati al Barcellona e poi letteralmente crollati al quarto posto, sorpassati da Olympiacos e Armani Exchange nel finale della regular season: il record di 18-10 è frutto di una seconda parte di stagione europea fatta da 2 vittorie e 7 ko dall’8 febbraio in poi. Un tracollo dietro l’altro con i ko roboanti con Barcellona (nessuna w in stagione nel Clasico per Llull e soci) e Zalgiris a segnare il punto più basso della stagione, fino all’incredibile tonfo interno con il Bayern dell’ultimo turno dopo esser stati in vantaggio di 20 punti. Adesso – però – è tempo di voltare pagina e provare a riaprire il file giusto, quello dell’armata blanca e di un team temibile. L’impressione è che si sia rotto qualcosa in squadra e che si sia sempre più vicini ad uno psicodramma madrileno, ma è impossibile sottovalutare forza, esperienza e qualità del team spagnolo. Il Maccabi Tel Aviv – da par suo – sta letteralmente volando ultimamente, con la Menora Mivtachim Arena che ha cantato ed esultato in continuazione nelle ultime settimane: i giallo-blu israeliani di coach Even hanno mandato al tappeto tra le mura amiche Asvel, Fener, Olimpia e Real, con il picco del successo di Barcellona per un totale di 6w consecutive. Una stagione da dimenticare, squadra sconnessa ed – oggettivamente – mal costruita con coach Sfairopoulos a pagare per tutti, prima della rimonta clamorosa: l’esclusione delle russe ha riacceso la speranza playoff degli israeliani, capaci di invertire totalmente la rotta centrando la post season in anticipo e da quinti in classifica. Incredibile, veramente incredibile.

Lo stato di forma

Stato di forma in Euroleague totalmente differente per Real Madrid e Maccabi Tel Aviv, che arrivano allo scontro al meglio delle 5 gare con animi letteralmente opposti. La maretta blanca apre a scenari clamorosi e impossibili da pronosticare fino a 2 mesi fa, dando speranze ai gialloblu di fare il più classico degli upset in questi playoff. 7 sconfitte nelle ultime 9 in Eurolega per i ragazzi di Laso, che cercheranno di resettare per tornare la corazzata di inizio stagione e prendersi il Clasico alle F4: sarà davvero risorgimento madrileno o si andrà per il tipico psicodramma sportivo? Da par suo il team di coach Even non ha nulla da perdere e sarà sospinto da una quantità debordante di entusiasmo dopo aver infilato 6w consecutive nel finale di RS. Adesso sarà importante capire se questo entusiasmo riuscirà a far naufragare del tutto la barca blanca, già in balìa delle onde alte di una tipica tempesta: 5 sfide per riaccendere l’entusiasmo di Madrid o per riportare Tel Aviv alle F4?

La situazione infermieristica

Sul filo dell’equilibrio per una situazione psicologica completamente differente, Real Madrid e Maccabi si affronteranno nei playoff di Euroleague per raggiungere Belgrado e le F4. Un ruolo chiave lo avrà la condizione fisica dei vari interpreti delle due squadre: in casa israeliana nessuna problematica segnalata in termini di infortuni, mentre i blancos saranno privi di Alocen e – per altre ragioni – di Heurtel e Thompkins. Tre assenze pesanti per Pablo Laso, il primo ha rimediato la rottura del crociato anteriore a febbraio, il secondo ed il terzo sono out per decisione del coach spagnolo.

I duelli chiave

Tante sfide tutte da leggere, tanti duelli singoli all’interno di una serie tutta da vivere. L’incrocio di Euroleague tra Real Madrid e Maccabi è tutto da scrivere e saranno fondamentali i singoli “scontri”, con occhi puntati – soprattutto – su Scottie Wilbekin: l’esterno e “go-to-guy” degli istraeliani è il principale riferimento offensivo e sarà fondamentale capire l’impatto che avrà nella serie, con Sergio Llull che da par suo è il faro blanco nelle difficoltà offensive. Due modi di intendere la pallacanestro diversi, due stili opposti, un senso del dramma altissimo per l’esperto spagnolo, chiamato a rispolverare ancora la sua mandarina. Sotto canestro i centimetri di Walter Tavares se la vedranno contro un avversario ostico come Ante Zizic: da questo duello e da quello tra la potenza di Poirier e l’atletismo di Reynolds dipenderà il controllo dei rimbalzi e – di conseguenza – dei ritmi. Altra sfida importante da leggere è quella tra Guerschon Yabusele e Derrick Williams: dinamismo, qualità, potenza e tanti punti nelle mani, il francese e l’americano daranno vita ad un duello rusticano non di poco conto. James Nunnally è il riferimento con i piedi oltre l’arco per gli israeliani, ma avrà sulle sue tracce due difensori come Deck e Hanga. Insomma, il ritmo e l’alta intensità israeliana contro la “ragioneria blanca”, tutto il meglio in 5 potenziali gare da vivere.

About Post Author

Lele

Atleta amatoriale e giudice di gara, appassionato di atletica e basket
Happy
Sad
Excited
Sleepy
Angry
Surprise

Average Rating

5 Star
0%
4 Star
0%
3 Star
0%
2 Star
0%
1 Star
0%
Next Post

Presentazione Olympiacos-Monaco, filosofie a confronto: la solidità greca contro la fantasia monegasca

La serie playoffs tra Olympiacos e Monaco riassume alla perfezione quella che sembra essere (tolta forse una serie) la caratteristica fondante delle sfide tra le migliori otto della stagione d’Eurolega: l’imprevedibilità. In teoria sarebbe lo scontro tra la seconda e la settima della stagione regolare, presupponendo quindi che tra le […]
Monaco

Iscriviti alla Newsletter di ED

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: