Stella Rossa-Zenit (R18): i russi la spuntano all’overtime

Francesco Rangone 3
0 0
Read Time:2 Minute, 17 Second

Nell’incredibile atmosfera della Nikolic Hall va in scena la sfida Stella Rossa-Zenit, vinta dai russi dopo un tempo supplementare con il risultato di 76-80.

Dopo il primo tempo, terminato 42-44, la squadra di Radonjic gioca un grande terzo quarto difensivo, concedendo solamente sei punti allo Zenit, questo però non basta per chiudere la partita. Nel finale, i russi hanno più energie e portano a casa la vittoria con qualche polemica dovuta ad alcune scelte arbitrali discutibili.

Il racconto della partita nei tre punti di Eurodevotion.

Stella Rossa-Zenit: i russi sono solidi

Il grande merito dello Zenit è stato quello di rimanere sempre in partita anche quando la Stella Rossa ha avuto dei momenti di esaltazione e, spinta dal proprio pubblico, ha provato ad ammazzare la partita. I russi hanno continuato a giocare la loro pallacanestro, cercando di imporre il proprio ritmo e di far sbagliare gli avversari. In un’atmosfera come quella di Belgrado, rimanere sempre in partita, anche nei momenti più difficili (in particolare nel terzo quarto), è sicuramente sintomo di grande solidità. Lo Zenit è alla sua quarta vittoria consecutiva ed è momentaneamente al quarto posto in classifica. E manca ancora Napier…

Stella Rossa-Zenit: Billy Baron

Miglior prestazione stagionale dal punto di vista realizzativo per Billy Baron. 25 punti con 5 triple, 4/4 da due, 4 rimbalzi e 6 assist. Se, come dicevamo, lo Zenit è rimasto sempre in partita, gran parte del merito va alla guardia statunitense che quando entrava in campo dava sempre una spinta alla propria squadra, anche giocando uno contro uno costruendosi tiri dal palleggio da grandi distanze. La sua prestazione in attacco è stata doppiamente importante viste le difficoltà che ha avuto Jordan Loyd nel trovare la via del canestro. Baron è in un ottimo momento di forma, nelle ultime quattro partite sta viaggiando a 17,5 punti di media.

billy baron

Stella Rossa: una buona partita non basta per vincere

Dopo quella con l’Efes, arriva un’altra sconfitta al fotofinish per la Stella Rossa. Anche in questo caso, la squadra serba ha giocato una buona partita e come anche sottolineato da Pascual avrebbe potuto vincere e l’avrebbe fatto con merito. La Stella Rossa ha giocato molto bene in difesa in alcuni momenti della partita, in particolare su situazione di pick and roll e sul perimetro. Quello che manca è la costanza di giocare questo tipo di difesa non solo in alcuni tratti di gara, che probabilmente è quella che permetterebbe alla Stella Rossa di vincere più partite. Offensivamente la Stella Rossa ha tirato con il 52,5 %da due, è mancato un po’ il tiro da tre (28%), ma la squadra ha prodotto delle buone azioni collezionando 15 assist. Pesano i 9 tiri liberi sbagliati (13/22).

kalinic
Happy
Happy
0 %
Sad
Sad
0 %
Excited
Excited
0 %
Sleepy
Sleepy
0 %
Angry
Angry
0 %
Surprise
Surprise
0 %

Average Rating

5 Star
0%
4 Star
0%
3 Star
0%
2 Star
0%
1 Star
0%

3 thoughts on “Stella Rossa-Zenit (R18): i russi la spuntano all’overtime

Next Post

John Brown trascina l'Unics, nulla da fare per l'Efes

L’Unics guidato da un incredibile John Brown impone la legge del Tatarstan anche ai campioni in carica. I russi sono sempre più vicini alle primissime posizioni. Trasferta nel lontano Tatarstan per i campioni in carica dell’Efes, con la possibilità, in caso di successo, di raggiungere in classifica proprio l’Unics, una […]
John Brown

Subscribe US Now

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: