La Virtus Bologna spreca 21 punti di vantaggio e perde contro il Valencia

Cesare Forgione
0 0
Read Time:2 Minute, 28 Second

Seconda sconfitta consecutiva per la Virtus.

La Virtus Segafredo Bologna si ferma ancora in Eurocup, questa volta venendo battuta dal Valencia.

96-97 il finale, con losing effort di Kyle Weems da 30 punti.

Per il Valencia, 20 di Prepelic e 15 di Van Rossom.

Ripercorriamo il match attraverso i canonici 3 punti di Eurodevotion.

Asse Teodosic-Weems

La Virtus parte subito a razzo, tramortendo il Valencia con un inizio offensivo a dir poco clamoroso.

I due protagonisti principali sono i due in foto sopra, ovvero Milos Teodosic e Kyle Weems.

Nel primo quarto infatti i due hanno letteralmente scherzato con la difesa taronja, sopratutto grazie ai movimenti off the ball del numero #34 assistiti dal #44.

Eccezionale anche il lavoro di Weems nel pitturato, dove spalle a canestro ha letteralmente crocifisso in serie tutti i suoi avversari.

D’altronde i 20 punti dell’ex Besiktas ed i 57 realizzati dalla Virtus (tirando con circa il 60% dal campo) raccontano abbastanza chiaramente il dominio esercitato nel primo tempo sul parquet dagli uomini di coach Sergio Scariolo.

Molto bene anche l’impatto di Amar Alibegovic, specialmente dall’arco.

Nel terzo quarto risale Valencia

Dopo un primo tempo spaziale, la Virtus alza leggermente il piede dall’acceleratore e Valencia si avvicina punto dopo punto.

Risale grazie alle giocate di Prepelic (annullato nel primo tempo), Van Rossom ed il giovanissimo canterano Millan Jimenez, classe 2003.

Continua a mancare invece l’apporto dei lunghi di coach Joan Penarroya, con Dubljevic assente per gran parte del match e Rivero che ha impattato a fasi alterne.

Abbastanza buono invece l’impatto di Louis Labeyrie e dell’altro canterano, classe 2001, Jaime Pradilla, alla seconda stagione in pianta stabile in prima squadra.

L’attacco della Virtus s’inceppa, anche per merito di Valencia che abbassa i ritmi e contiene gli errori nella metà campo offensiva.

Si arriva così ad un possesso di distanza a 6 minuti dalla fine (79-76).

Il finale

Nel “mini supplementare” è corrida pura.

Intensità a dir poco folle al Paladozza, ritmi da post-season.

Ad Hervey risponde Hermansson, a Weems risponde Lopez-Arostegui, Teodosic e Rivero segnano dalla lunetta.

Dubljevic mette la tripla del sorpasso (86-87 a 2′ dalla fine), Teodosic risponde con la lacrima del controsorpasso e Dubljevic fa 88-88.

Teodosic si inventa un canestro surreale spalle al canestro, Penarroya chiama time-out e disegna uno schema perfetto che permette a Prepelic di sganciare indisturbato la tripla dell’ennesimo sorpasso.

Nel frattempo si fa sanguinoso il conto della battaglia a rimbalzo. 40-29 per gli spagnoli.

La tripla di Weems si ferma sul ferro, Lopez-Arostegui subisce fallo e fa +3 (90-93) con 35 secondi sul cronometro.

Teodosic sbaglia, Rivero fa +5 ma Belinelli segna da 3 e riaccorcia.

Nella lotteria dei liberi, ne esce vincitore il Valencia, che condanna la Virtus alla seconda sconfitta consecutiva in Eurocup.

Happy
Happy
0 %
Sad
Sad
100 %
Excited
Excited
0 %
Sleepy
Sleepy
0 %
Angry
Angry
0 %
Surprise
Surprise
0 %

Average Rating

5 Star
0%
4 Star
0%
3 Star
0%
2 Star
0%
1 Star
0%
Next Post

EUROCUP, ANDORRA-PARTIZAN: arriva il primo KO stagionale per i serbi

Il Partizan gioca un ottimo primo tempo, poi però arriva la reazione dei padroni di casa che, con un terzo quarto dei altissimo livello, portano a casa la partita. Vince Andorra per 61-60, primo passo falso stagionale per gli uomini di Obradovic. Come sempre, l’analisi del match in tre punti […]

Subscribe US Now

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: