Euroleague Players 2016/17: Bogdan Bogdanovic, l’arte di essere Zele in campo

0 0
Read Time:7 Minute, 39 Second

Bogdan Bogdanovic è uno dei talenti più cristallini che abbiano mai calcato i parquet di Eurolega. Il 2026/17 ne è dimostrazione totale.

“Ho sempre amato stare qui, seduto sulla fortezza della mia città a rilassarmi e guardare la bellezza di Belgrado. Qui è dove sono cresciuto e diventato quello che sono oggi”.

Nato e cresciuto a Belgrado (classe 1992), Bogdanovic Bogdanovic in questa frase racconta la sua personalità che traspare sul campo e che emerge nei momenti di vita privata: un bravo ragazzo che di quelle mura ne ha assorbito la funzione principale, ovvero la capacità di rimanere in piedi di fronte agli attacchi per difendere ciò che gli appartiene.

Inizia a giocare nel campetto a Mirijevo III, Belgrado, dove passa intere giornate a tirare, giocare e confrontarsi con chiunque entrasse per giocare. La sfida è nel suo DNA e la necessità di migliorare è la sua proteina principale. Tuttavia, il suo primo sport e il calcio e si rende conto che, però, non è il suo vero amore. Così inizia a giocare a pallacanestro e cresce tra le fila della Zvezdara Belgrado e del Žitko Belgrado, mettendosi in luce per attitudine e imponenza sul campo da gioco e ricerca della perfezione nei fondamentali. Con lo Žitko Basket – sotto la guida di Dragan Jakovljević – Bogdanović faceva parte della squadra che nell’aprile 2010 ha conquistato il terzo posto nella Junior Serbian League 2009-10 alla fase finale del torneo 8 a Vršac, dopo aver battuto la compagine del Partizan nel quarti di finale e perdendo 89-86 contro Hemofarm juniors in semifinale, ma superando la squadra junior FMP 82-76 nella partita per il terzo posto.

Poche settimane dopo, nel maggio 2010, insieme a un altro giocatore dello Žitko, Luka Pajković, Bogdanović va nelle giovanili del FMP per il Nike International Junior Tournament (NIJT) a Parigi, dove c’è da difendere il doppio titolo del loro club dei due anni precedenti. Dopo aver battuto Treviso e Spalato, c’era bisogno di una vittoria sugli juniores di Málaga per vincere il girone ed arrivare in finale; è proprio Bogdan che decide il match con un “buzzer beater” per il 79-78. In finale arriverà la sconfitta contro l’INSEP senza Bogdanović assente per infortunio.

Può sembrare banale, ma allenarsi per migliorare i fondamentali quando hai già acquisito tecnica e memorizzato i movimenti diventa sempre più difficile e riuscire a perfezionarsi è virtù di pochi, dei pochi che poi diventeranno professionisti.

(1/3, scorri in fondo per cambiare pagina e proseguire la lettura)

About Post Author

Antonio Mariani

Laureando in Lettere presso La Sapienza di Roma e appassionato di Sport Business, viaggio ossessivamente per studiare le culture sportive nel mondo. Amante della narrazione, la studio, la ammiro e la pratico in ogni sua forma.
Happy
Happy
0 %
Sad
Sad
0 %
Excited
Excited
0 %
Sleepy
Sleepy
0 %
Angry
Angry
0 %
Surprise
Surprise
0 %

Average Rating

5 Star
0%
4 Star
0%
3 Star
0%
2 Star
0%
1 Star
0%
Next Post

Alba Berlino, Aito saluta. Israel Gonzalez è il nuovo allenatore

L’Alba Berlino comunica ufficialmente il passaggio di consegne in panchina. La notizia era attesa da tempo, le possibilità di un passaggio di consegne erano alte già durante la scorsa estate, ora tutto è divenuto ufficiale. Israel Gonzalez è il nuovo allenatore dell’Alba Berlino. Israel González ist neuer ALBA-Headcoach und übernimmt […]
Alba Berlino

Subscribe US Now

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: