Asvel-Real round 31: sospiro di sollievo per i blancos

Andrea Lafornara
0 0
Read Time:3 Minute, 32 Second

Asvel-Real ci regala una partita da livello Eurolega, ritmo alto, aggressività, e fisicità. Ecco appunto fisicità, perché giocare contro la squadra di Tj Parker non è mai semplice, per giunta in casa loro, all’Astroballe. La squadra di coach Laso sbanca il palazzetto francese con il risultato di 71-74, che sarà poi lo stesso risultato della valutazione, e tira un deciso sospiro di sollievo perché tiene lontano il più possibile l’inferno (cestistico di Eurolega) del nono posto, attualmente ancora occupato da Zenit e Baskonia, che giocheranno stasera rispettivamente contro Khimki e Milano. Gli assenti di Asvel-Real erano Strazel e Walton per l’Asvel, mentre per il Real Randolph, Lull, Rudy Fernandez e Reyes. Andiamo adesso ad analizzare questo match nei punti salienti che lo hanno caratterizzato.

Asvel-Real
Diot a portare palla

Pronti via ed è subito battaglia

Palla a due e si inizia subito subito con la battaglia tattica di Laso che decide di schierarsi a zona 2-3, con Laprovittola e Taylor in punta a disturbare le linee di passaggio in area, mentre in coda troviamo una saracinesca costituita da Tavares, Thompkins e Garuba. Zona per cercare soprattutto di limitare quanto più possibile l’esuberanza fisica dell’Asvel, che di contro troverà in Diot (3/6 da 3 punti) uno sfogo importante contro questo tipo di sistema difensivo, ben innescato grazie a passaggi attivi rapidi, molto efficaci contro la zona facendo muovere tutti i giocatori coinvolti in essa, e penetrazioni nelle giuste spaziature dei vari Cole e Lighty.

Equilibrio all’Astroballe

Durante il secondo quarto anche Tj Parker sceglie tatticamente di schierarsi con la zona 2-3, con in punta Lighty e Diot, ed in coda Fall, Kahudi e Noua. Il Real però è squadra esperta, e non ha particolari difficoltà a dover osservare, riflettere, ed agire, ma risponde molto bene istantaneamente attaccando la zona francese. Da segnalare minuti importanti in campo insieme per Tavares e Garuba, anche perché dall’altra parta hanno lunghi pesanti come Yabusele, Fall.

L’equilibrio comincia a vacillare

Silente in panchina ad osservare i suoi, Carroll entra a metà terzo quarto, e come al solito, ormai quasi inutile scriverlo, la sua presenza condiziona e non di poco le scelte difensive degli avversari. Con lui se decidi di schierarti a zona, è un bel rischio, infatti Parker si mette a uomo. Carroll bisogna inseguirlo, bisogna stare attaccati alla sua canotta. Primo tiro preso a freddo sbagliato, ma dopo, ricezione fuori dall’arco, tripla. Azione successiva, floater segnato, e dopo qualche minuto floater in transizione ed è +7 Real, che è il primo strappo vero della partita.

Il talento dell’Asvel esce allo scoperto, ma il Real vuole i playoff!

Entriamo nel vivo della partita, Lighty e Norris Cole decidono di mettersi in proprio, e con giocate di alto talento 1c1 rimontano pian piano il mini gap costruito dal Real e va sopra di 1 punto, 61-60 a metà ultimo quarto. Ma da qui in avanti, il Real si compatta, decide di non affidarsi a giocate estemporanee e gioca di squadra, facendo muovere bene la palla costruendo vantaggi e trovando soluzioni sotto canestro in situazioni mis match con Thompkins ed anche rimbalzi offensivi con Garuba e Tavares.

Asvel-Real
Thompkins attacca dal palleggio Fall

Asvel-Real: gli ultimi 60 secondi da brividi

Una tripla importantissima di Abalde porterà avanti il Real 63-69 a 52 secondi dalla fine. L’Asvel non molla di un centimetro, e Diot trova una tripla difficilissima in angolo in faccia a Deck, 66-69. Risponde Tavares con un canestro facile sotto le plance, ma in transizione Yabusele mette la tripla del -2, 69-71 con 19 secondi sul tabellone. Fallo sistematico dell’Asvel, in lunetta Deck che farà 1/2; Asvel in attacco, e qui l’astuzia di Laso che non vuole correre ulteriori pericoli date le ultime 2 triple realizzate, e fa fallo sistematico mandando in lunetta Cole, 2/2. Dopo il Real farà 2/2 con Thompinks, risultato 71-74, e in 10 secondi l’Asvel ha prima l’opportunità di pareggiare con Cole e successivamente con Kahudi, ma invano.

Asvel-Real sancisce la quarta L di fila per l’Asvel, mentre per il Real Madrid vittoria estremamente importante, in considerazione del fatto che le ultime 3 partite non saranno di facile lettura, in ordine contro Efes, Olympiacos e Fenerbahce.

Happy
Happy
0 %
Sad
Sad
0 %
Excited
Excited
100 %
Sleepy
Sleepy
0 %
Angry
Angry
0 %
Surprise
Surprise
0 %

Average Rating

5 Star
0%
4 Star
0%
3 Star
0%
2 Star
0%
1 Star
0%
Next Post

Sala stampa, le voci dei Coach dopo le gare di ieri sera nel Round 31

Sala stampa sempre interessantissima quella di Eurolega. Le parole dei Coach impegnati nella tre che hanno aperto il Round 31. Dimitris Itoudis (Cska): «Abbiamo difeso bene nel secondo tempo, quello che volevamo fare di più. In attacco si sarebbe potuto trovare qualcosa di meglio, ma il focus era dietro. Non […]
Sala stampa

Subscribe US Now

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: