5 pillole dalla bolla: ad Orlando è tempo di Heat-Lakers

Luca Castellano

Questa notte iniziano ad Orlando le finali Nba. 5 curiosità sulla sfida più attesa dell’anno.

Il tempo delle chiacchiere è ormai finito. Tra panchine che saltano (ultima in ordine cronologico quella di Glenn ‘Doc’ Rivers dei Clippers), e voci insistenti sul mercato che sta per cominciare (Chris Paul su tutti), questa notte ad Orlando inizia il piatto clou della stagione Nba.

Alle 3,00 ora italiana e in diretta su Sky Sport Nba comincia lo spettacolo delle Nba Finals. La stagione più lunga di sempre arriva dunque al suo capolinea, e nonostante l’assenza fisica ed energica del pubblico pagante, lo spettacolo è decisamente assicurato.

Eurodevotion, per incanalarvi nel mondo di emozioni presenti in questa sfida, vi porta alla scoperta di 5 pillole e curiosità sulla prima palla a due dell’atto conclusivo tra Miami Heat e Los Angeles Lakers.

  • LeBron James: l’immortale gigante della serie. Che sia la “sua” finale da favorito lo si era già capito nel terzo quarto di gara-5 contro i Denver Nuggets. I losangelini guidati in campo da LeBron James, alla prima finale della storia dopo 10 anni, faranno riferimento all’ “atlante moderno della Nba”. Nona finale nelle ultime dieci stagioni disputate , la prima nella Western Conference, la prima con una terza squadra che non sia Cleveland o la stessa Miami, in una sfida contro il suo ex passato che fa tanto rumore. E’ più che mai la serie di LBJ e sarà difficile contenere la sua ira cestistica in questo atto conclusivo.
  • Andre Iguodala: l’ammazza giganti. Si potrebbe scrivere un libro su quanto di bello hanno fatto Spoelstra e i suoi ragazzi. Miami non è mai stata testa di serie in questi Playoffs se non nel secco 4-0 rifilato agli Indiana Pacers. Una cosa è certa però: fermare questi Lakers in difesa sarà la vera chiave di tutta la serie. L’organizzazione è affidata a due grandi leader. C’è Jimmy Butler, l’anima, lo spirito guida di una squadra data per spacciata da chiunque; ma c’è anche l’uomo delle ultime 6 finali Nba: Andre Iguodala. Fattore a Golden State, l’ex Warriors si trova a sorpresa per la sesta stagione consecutiva all’atto finale pur partendo da sfavorito. Se c’è qualcuno, anche con spiacevoli ricordi, che può fermare LBJ è proprio ‘The Dre’.
  • Heat-Lakers: la finale di chi non c’è stato negli anni passati. Si sa. l’Nba è un mondo in evoluzione costante. Le legacy, le dinastie delle franchigie legate incondizionalmente dalla scelta degli astri e delle stelle del parquet d’oltre-oceano. Nessuno, però, si sarebbe aspettato due squadre che l’anno prima i playoff non li hanno nemmeno giocati. I prossimi successori al titolo dei Toronto Raptors, sono le prime due franchigie nella storia ad aver raggiunto una finale Nba dopo un mancato accesso ai playoff. Lavoro, dedizione ed esprimere alla pallacanestro hanno prevalso sull’hero-ball che negli States sta diventando una vera e propria legge.
  • Bam Adebayo vs Anthony Davis: il futuro del gioco si sfida ad Orlando. Tra sogni, intrecci di gioventù e di romanzata cinematografica americana, da questa notte ad Orlando l’altro vero punto di scontro sarà “sotto le plance”. Sì, se avete letto tra virgolette non sbagliate, perchè l’incrocio Davis-Adebayo vale l’intera serie. Due lunghi maestosi, moderni, che sanno incidere sempre e comunque al posto dei leader maximi presenti in questa sfida. E’ insidacabilmente il futuro del gioco che si scontrà per uno scettro pesantissimo.
  • Per Kobe: la missione già annunciata dei Lakers e il suo possibile effetto boomerang. Lo ha urlato Anthony Davis contro i Nuggets, lo ha espresso LeBron James durante i primi due turni playoff, una cosa è certa: i Lakers sono in missione. Romanzo o sceneggiatura a parte i ragazzi di Frank Vogel sono in missione per la legacy e la drammatica scomparsa di Kobe Bryant. Se gli astri dovessero incastrarsi perfettamente sarà “sigaro“. Ma sottovalutare il cuore della Heat Culture è un errore che può costare carissimo. Il 2011 proprio degli Heat e la vittoria dei Raptors dello scorso anno parlano chiaramente contro la “legge dei favoriti”. Il motore Nba è pronto a ruggire. Heat o Lakers? A voi la scelta.
Next Post

Barcellona-CSKA: La Sfida si decide in post-basso

Barcellona-CSKA, caspita. Con tutti i dubbi legati alla situazione globale, la stagione 2020/2021 di Eurolega non poteva cominciare in maniera più allettante. Le due squadre indicate come le principali favorite da quasi tutti gli addetti ai lavori si incontrano subito in quel della Catalogna. Tanta curiosità per i (pesanti) ritocchi […]
barcellona-cska

Subscribe US Now

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: