5 pillole dalla bolla: la prima giornata di playoff NBA storici (ep.2)

enricolongo16

Sono scese in campo tutte e 16 le squadre impegnate nei playoff NBA: con il secondo episodio di “Pillole dalla bolla” andiamo ad osservare 5 dati della prima giornata.

L’attesa è terminata, la NBA è ripartita ed ora, con i playoff, si entra nel vivo della stagione.

Fare le 6 di mattina ad agosto è qualcosa di abbastanza consueto, rimanere però svegli fino a quell’ora per una partita di pallacanestro, in questo periodo dell’anno, è qualcosa del tutto nuovo. Ma la mancanza di basket giocato si fa sentire e questa post-season di temi interessanti ne offre parecchi.

Dopo la prima puntata di “5 pillole dalla bolla” del padrone di casa Alberto Marzagalia, ecco 5 dati della prima giornata del primo turno.

100%: la percentuale dai 7.25 di Jimmy Butler nella gara 1 vinta dagli Heat ai danni di Indiana. In altre parole, 2 su 2. Il numero 22 di Miami sta viaggiando, da quella posizione, con una media che non arriva al 25% (24.4), ma quanto serve non ha paura a prendersi responsabilità, anche da una zona che non è la sua “mattonella”.

5: le stoppate di Hassan Whiteside. Basterebbe per capire che più di qualcosa non è andato per i Lakers. La prova del centro classe ’89, sul parquet per più di 26 minuti, come ha sottolineato Lillard (34 punti, 5 rimbazi, 5 assist), è stata di assoluto livello: difesa e lavoro sporco. Dei Lakers si salva il prossimo protagonista di Space Jam: tripla doppia di LeBron da 23 punti, 17 rimbalzi e 16 assist.

42-7-9: punti, rimbalzi e assistenze. Doncic, al suo secondo anno negli States, non è più una novità. L’impresa per Mavericks contro la seconda della classe, i Clippers, a Ovest, sembra proibitiva ed è già in salita. Ma il talento sloveno ha giocato la sua prima partita di post-season in carriera, mostrando nessun timore reverenziale.

52: le triple tentate dai Rockets. Nonostante l’assenza di Russell Westbrook, Houston non ha avuto grandi difficoltà a sbarazzarsi dei Thunder. Il tiro dall’arco è stato sicuramente il fattore del primo capitolo di questa serie. I Rockets hanno centrato l’obiettivo 20 volte su 52 (38.5). Percentuale superiore alla media stagionale (35.9).

57: i punti di Donovan Mitchell nella sconfitta contro i Nuggets. Non è bastato il record di franchigia, superato Karl Malone, in una partita playoff per avere la meglio su Denver, ma i 57 punti rimangono una gioia personale non trascurabile, specie se corrispondono alla terza prestazione all-time.

Menzione speciale per Danilo Gallinari che chiude con 29 punti in 33 minuti di partita, in una serata buia per i suoi Thunder.

Immagine in evidenza: fonte Espn.com

Next Post

Tutte le date di preseason delle squadre Eurolega

Si parte oggi, con l’esordio di Milano in Sardegna. la voglia di basket è tanta, la NBA sta certamente dominando la scena, ma il nostro cuore, ad oggi infranto, rimane in Eurolega ed allora ecco tutti gli impegni di preseason confermati ad oggi della squadre di Turkish Airlines Euroleague. Innanzitutto […]

Subscribe US Now

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: