Eurosport Supercoppa 2020: Venezia e Sassari conquistano il pass per le F4

Lorenzo Lubrano

Dopo l’AX Armani Exchange Milano e la Virtus Segafredo Bologna, le altre due squadre che hanno conquistato il pass per la fase finale dell’Eurosport Supercoppa 2020 sono: l’Umana Reyer Venezia ed il Banco di Sardegna Sassari.

Infatti, nel girone C, i campioni d’Italia hanno avuto la meglio sulla Dolomiti Energia Trentino con il punteggio di 78-75, mentre la De’Longhi Treviso ha espugnato il parquet di Trieste, conquistando così il terzo successo in fila ed ha condannato l’Allianz Pallacanestro Trieste all’eliminazione dalla manifestazione. 

Invece, nella bolla di Olbia, vincono la Happy Casa Brindisi e la Carpegna Prosciutto Pesaro, ma ad accedere alla fase successiva è la Dinamo Sassari, grazie alla differenza punti ottenuta negli scontri con le due compagini citate sopra. 

Attraverso i nostri cinque punti andiamo ad analizzare i match di ieri sera

Mitchell Watt

Quando il gioco di fa duro, i duri cominciano a giocare… direbbe John Beluschi.  Ed ecco che quando ci sono partite da win or go home, il lungo di Venezia risponde sempre presente. 

Il nativo di Goodyear anche ieri sera si è reso assoluto protagonista, trascinando i suoi compagni alla vittoria più importante del girone, quella che vale la qualificazione alle F4 di Bologna. 

Watt chiude con 19 punti (60% da 2, 50% da 3, 66.7% dalla lunetta), 7 rimbalzi e 22 di valutazione in 22’. 

Arrivato in Laguna nell’annata 2017-2018, il lungo statunitense stagione dopo stagione è diventato un vero e proprio punto per la squadra e per coach Walter De Raffaele che crede molto in lui. 

594

Sono i punti subiti dalla Virtus Roma nelle sei gare dell’Eurosport Supercoppa 2020. 

Ovviamente le vicende societarie extra campo, hanno inciso molto sul percorso della squadra capitolina nella prima manifestazione ufficiale della stagione.

Allestire una buona squadra non è mai facile, farlo in pochissimo tempo lo diventa ancora di più. 

Siamo solo a metà settembre ed i famosi bilanci si fanno a fine anno, ma la stagione di Roma è iniziata davvero molto in salita e per l’allenatore bolognese c’è tantissimo lavoro da fare. 

Coach Piero Bucchi si è preso una bella gatta da pelare, vedremo se il riuscirà a trovare la quadra, oppure no. 

La rinascita di Pesaro 

Dopo le evidenti difficoltà della annate passate, in questi primi mesi targati Jasmin Repesa si è già visto qualche cambiamento. 

Lo scorso anno, Pesaro aveva ottenuto una sola vittoria e la retrocessione in A2 sembrava essere solo una formalità, ma grazie alla sospensione del campionato, il club biancorosso si è “salvato”. 

In estate, Ario Costa ha deciso di puntare su un coach di grande esperienza come coach Repesa ed al momento la scelta sembra azzeccata.

Su sei match disputati, la Carpegna Prosciutto Pesaro ha chiuso con 4 W e solo 2 L. 

Nonostante la vittoria ottenuta ieri contro la compagine sarda di coach Gianmarco Pozzecco, i marchigiani non accedono alle F4.

Se i biancorossi si fossero qualificati, ovviamente sarebbe stato un grandissimo traguardo, ma Pesaro ha disputato una buonissima Supercoppa. E come si suol dire chi ben comincia… è a metà dell’opera. 

L’asse play – pivot

Nella storia della pallacanestro, questi due ruoli hanno sempre rappresentato una veste molto rilevante all’interno del sistema di gioco di una singola squadra. Negli ultimi anni, questo aspetto è emerso ancora di più. 

Nella vittoria ottenuta da Pesaro su Sassari, c’è da evidenziare la partita disputata dal duo Robinson – Cain. 

Il classe 1995 ha messo a segno 26 punti in 34’ con 36 di valutazione. L’ex Varese e Brescia ne ha segnati 21 con 9 rimbalzi e 28 di valutazione. 

Nel corso della stagione, questa coppia potrà essere un vero e proprio faro per illuminare la Pesaro cestistica e non solo. 

Tanti protagonisti diversi

Nel basket, come non altri sport non si vince da soli ma lo si fa di squadra. Andando oltre il k.o di ieri, la Dinamo Sassari ha dimostrato ancora una volta di saper distribuire i punti in modo piuttosto equo.

Infatti, sono stati ben cinque i giocatori che hanno chiuso in doppi cifra: Eimantas Bendzius (17), Justin Tillman (15), Jason Burnell (13), Miro Bilan e Vasa Pusica (10).

Oggi alle ore 12.00, scopriremo quali saranno gli accoppiamenti delle due semifinali.

Foto: LBA

Next Post

5 Sfumature di Eurolega | Campazzo ed il Real, "the last dance"?

Quando vuole il destino la fa grossa, ma spesso è semplicemente un po’… bastardo. Della telenovela Campazzo vi abbiamo ampiamente riferito per tutta l’estate: l’ultimo aggiornamento, di poche settimane fa, diceva di un giocatore che non percepirebbe salario, il cui ammontare verrebbe progressivamente dedotto dal club come rateale pagamento del […]

Subscribe US Now

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: