Real Madrid-Stella Rossa (R11): le torri gemelle Tavares-Poirier dominano ancora

frcata7 1
0 0
Read Time:3 Minute, 40 Second

E’ primato in classifica solitario per una notte per il Real Madrid di coach Pablo Laso che nella prima serata dell’undicesimo round batte la Stella Rossa 79 a 67 aspettando i risultati di Olimpia Milano e Barcellona. Prima di questo turno le due spagnole ed i meneghini condividevano il primo posto con 8 vittorie e 2 sconfitte.

Anche questa sera non è stato il miglior Real Madrid che ci potremmo aspettare ed infatti finora il team della capitale ha fatto vedere solo parzialmente quello di cui è capace, ma ancora le assenze sono tante e bisognerà aspettare. Nonostante tutto, però, Laso riesce quasi sempre a vincere e, gira che ti rigira, si ritrova sempre lassù dove volano le aquile. Perché se c’è una parola che si può affibbiare ai madridisti è solidità; anche più di “qualità”, nonostante in campo ce ne sia sempre tantissima. Vediamo con i nostri tre punti l’andamento della partita.

La Stella Rossa regge nel primo tempo

All’intervallo il punteggio recita 32-32: perfetta parità. Non stupiscono più ormai le cifre basse quando in campo c’è la Stella Rossa, squadra che fa della difesa il suo dogma. A maggior ragione in una serata come questa dove le scelte offensive erano veramente ridotte viste le due assenze pesantissime dei due metronomi offensivi: Nate Wolters e Nikola Kalinic.

Se già la Stella non è una squadra che gioca una grande fase offensiva, stasera le possibilità di andare a punti erano veramente ridotte. Riesce a farlo con continuità solo un arciere come Austin Hollins (16 punti a fine partita). Ma era normale che coach Radonjic, anche solo per provare ad impensierire i blancos, doveva puntare su una difesa ancora più ermetica del solito.

Nel primo tempo ha funzionato e piuttosto bene. Tenere a 32 punti in due quarti una squadra con la qualità offensiva del Real non è affatto scontato, ma lo sforzo profuso per farlo non è stato indifferente, viste anche le rotazioni ridotte quasi all’osso.

Real Madrid Stella Rossa Poirier

Lo strappo del Real Madrid è nel terzo quarto

Difficile che la Stella reggesse quei ritmi difensivi per 40 minuti; difficile che il Real proponesse anche un attacco non troppo convincente lungo tutto l’arco della partita. Era necessario alzare un po’ i ritmi, giocare un po’ più di alto/basso e sfruttare i vantaggi, soprattutto quelli sotto canestro.

E così è stato. Il Real attacca meglio, il giropalla è più fluido, il pick&roll viene giocato meglio e crea più vantaggi: la difesa biancorossa inizia quindi un po’ a scricchiolare e il roll dei lunghi madridisti inizia a fare male e ad essere incontenibili. Questo anche perché i ragazzi di Radonjic non riescono più a reggere i cambi ed a leggere le situazioni con la stessa rapidità di gambe di prima; così si crea il parziale decisivo del terzo quarto (25-14) che di fatto consegna la partita ai padroni di casa.

Tavares e Poirier: non fateli arrabbiare!

Alla fine l’hanno vinta loro. In una serata difficile per gli esterni madridisti che non riescono a crearsi mai troppi vantaggi e ad entrare in partita (tranne Adam Hanga, ormai eletto a pretoriano difensivo di Laso), ci pensano loro due. Il francese soprattutto, in più di una circostanza, ha tempi di lettura perfetti e sta raggiungendo lentamente ma con costanza i suoi migliori livelli ed allora potrebbero essere davvero guai per tutti.

Probabilmente Maik Zirbes questa notte avrà gli incubi ripensando a quanto ha dovuto sportellare nel giocare contro i due colossi. Chiariamoci, non ha demeritato e viste le premesse ha giocato anche una buona partita (12 punti con 11 di PIR), ma che fatica per riuscire a contenere quei due. Le due stoppate clamorose subìte rispettivamente dal francese e dal capoverdiano la dicono lunga.

Kuzmic fatica molto di più a contenerli, ma Zirbes più di 20 minuti ad alti livelli fatica a supportarli. Così, col passare dei minuti, aumenta il dominio di Tavares e Poirier che alla fine giganteggiano sotto le plance. A fine gara rispettivamente 15 a 14 punti con entrambi 23 di PIR, segno di come la squadra abbia vinto grazie alla loro presenza in campo. L’altra pedina decisiva è stato il già citato Hanga (22 di PIR).

Quando rientreranno anche Randolph e Thompkins, Laso potrà godere di ancora più versatilità nel reparto lunghi creando una potenza di fuoco impensabile per le altre squadre. Tutti gli altri sono avvisati.

Happy
Sad
Excited
Sleepy
Angry
Surprise

Average Rating

5 Star
0%
4 Star
0%
3 Star
0%
2 Star
0%
1 Star
0%
Next Post

Le parole dei coach dopo la prima serata del Round #11

Solo due partite giocate per il giovedì dell’undicesimo turno di Eurolega; il grosso si giocherà stasera con ben 14 squadre in campo: ecco le parole dei coach dopo le gare di Monaco di Baviera e di Madrid. Le parole dei coach: Bayern Monaco v Panathinaikos Andrea Trinchieri (Bayern Monaco): “E’ […]
Andrea Trinchieri

Iscriviti alla Newsletter di ED

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: