Teodosic: vogliamo finire come tutti noi speriamo. Per la Virtus la finale deve essere una regola

Balbo
1 0
Read Time:2 Minute, 0 Second

Prima di gara 1, il mago di Valjevo ha rilasciato un’intervista alla Gazzetta dello Sport.

Essere al top nel momento chiave

“Per qualunque giocatore è importante arrivare al top nei momenti chiave della stagione, sia a livello individuale che a livello di squadra. In alcuni momenti particolari serve anche l’esperienza e penso di essere uno di quei giocatori che può garantirla”.

Una stagione strana

“Intanto, ci tengo a dire che sono molto orgoglioso della squadra. Nei playoff cambiano tante situazioni, il livello si alza sempre di più. Siamo dove volevamo essere. È stata una stagione strana e particolare per tanti motivi. Non abbiamo mai mollato perciò la nostra finale è meritata”.

Obiettivo? Finire come tutti noi speriamo

 “Quando iniziano i playoff tutto si azzera e si riparte quasi daccapo. Rispetto alla stagione regolare possono succedere tanti cambiamenti. Una finale playoff non è una gara secca, si gioca contro la stessa squadra ogni due giorni e quindi sono i dettagli che determinano il risultato. Per vincere le finali oltre all’aspetto tecnico serve anche altro. Tra una serie e l’altra cambia tutto. Le sei vittorie sono importanti ma adesso sono solo un bel ricordo. Il nostro obiettivo nelle prossime gare è lottare fino all’ultimo possesso. Vogliamo finire come tutti noi speriamo.

Dopo 14 anni la Virtus torna in finale

 “Dopo 14 anni, la Virtus torna a giocare una finale per il titolo italiano e questo traguardo dovrà diventare la regola per il futuro. Ogni anno dobbiamo mettere un mattone per continuare la nostra crescita. Nelle partite che abbiamo giocato contro Milano quest’anno abbiamo sempre lottato, non abbiamo ancora vinto, ma siamo stati sempre in partita fino alla fine. Mi aspetto una finale dura, tra una partita e l’altra dovremo resettare tutto e in fretta, sia in caso di vittoria che di sconfitta”.

L’importanza di Pajola e Markovic

 “Pajo è un ragazzo serio, che si applica tanto in allenamento e che quando scende in campo è disposto a dare tutto per i suoi compagni. Per me non è italiano, lo considero serbo per l’approccio che mette nella gara dal punto di vista della mentalità e dell’altruismo. Lui e Markovic danno sempre la carica a tutti noi in difesa”.

Milos Teodosic Happy Casa Brindisi – Segafredo Virtus Bologna Semifinali – Gara 1 Legabasket Serie A UnipolSAI 2020/2021 Brindisi, 23/05/2021 Foto M.Ceretti / Ciamillo-Castoria
Happy
Happy
67 %
Sad
Sad
0 %
Excited
Excited
33 %
Sleepy
Sleepy
0 %
Angry
Angry
0 %
Surprise
Surprise
0 %

Average Rating

5 Star
0%
4 Star
0%
3 Star
0%
2 Star
0%
1 Star
0%
Next Post

Ponsarnau: “Il pubblico de La Fonteta ci ha aiutato”

Jaume Ponsarnau, coach del Valencia, ha commentato il match contro il Baskonia, analizzando le cose che hanno portato alla vittoria e al passaggio del turno. Un match, secondo l’allenatore spagnolo, giocato esattamente come preparato dai padroni di casa. Ponsarnau, inoltre, si è soffermato sull’importanza di riavere il pubblico a La […]

Subscribe US Now

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: