Il Punto di Toni Cappellari. Milano non va, tre squadre in crisi finanziaria, la Lega e l’amnesia di Pozzecco

0 0
Read Time:1 Minute, 38 Second

– In Euroleague quarta sconfitta in cinque gare per l’Olimpia e seconda in casa dopo l’Efes. L’impressione è che ci sia un distacco tra i giocatori e il coach Messina.

– A fronte delle sconfitte della sua squadra Giorgio Armani vince a Londra il British Fashion Awards, premio alla carriera senza fine.

– Le tre squadre nominate dal presidente Petrucci dovrebbero (sottolineo il condizionale) essere  Virtus Roma, Fortitudo Bologna e Brindisi. Pronto a discutere coi diretti interessati ed eventualmente smentire,  se lo ritengono opportuno.

Milos Teodosic è umano: protesta, prende tecnico e viene espulso.

–  Grande la Treviso di Vazzoler e coach Menetti. Recupera venti punti e batte la Reggiana: domenica sarà a Desio contro Cantù.

– Nella nuova ripartizione dei finanziamenti la FIP perde un milione di €uro di contributo. Petrucci assai perplesso.

– Insisto… le maglie rossonere della Pallacanestro Varese ancora sconfitte in trasferta. Caja assai perplesso, ma l’Openjobmetis le vuole così.

Delirio in Lega LBA. Domanda: il presidente è Egidio Bianchi o Stefano Sardara?

– Pesaro è sempre un campo ostico per l’Olimpia. Tutta la partita punto a punto, poi  Milano vince al 39′ con due “magate” di Rodriguez.

– Nell’intervista del nostro sito a Pozzecco di qualche giorno fa (qui il link al testo completo) Gianmarco, a cui voglio molto bene,  si è dimenticato di nominare tre persone che a mio parere sono state fondamentali nella sua crescita cestistica. Edoardo Bulgheroni, Edoardo Rusconi e Antonio Cappellari. Edoardo Bulgheroni condivise la mia scelta di acquistarlo, Edoardo Rusconi, allenatore Pallacanestro Varese, lo fece giocare e gli insegnò cosa deve fare un playmaker, lui che lo era stato ai massimi livelli. Antonio Cappellari fece la trattativa per acquistarlo e scoprì che il cartellino era della Libertas Udine e non di un pazzo triestino (di cui non ricordo il nome) che aveva le quote della Pallacanestro Livorno. Feci il lodo in FIP, lo vinsi e Pozzecco venne a Varese dopo che la Libertas Udine mi diede il nullaosta per pochi milioni di lire.

Toni Cappellari

Happy
Happy
0 %
Sad
Sad
0 %
Excited
Excited
0 %
Sleepy
Sleepy
0 %
Angry
Angry
0 %
Surprise
Surprise
0 %

Average Rating

5 Star
0%
4 Star
0%
3 Star
0%
2 Star
0%
1 Star
0%

One thought on “Il Punto di Toni Cappellari. Milano non va, tre squadre in crisi finanziaria, la Lega e l’amnesia di Pozzecco

Next Post

Olimpia Milano: non c'è proprio nulla da buttare, ma...

Un’inizio scoppiettante in Eurolega, il primato dopo 7 e 9 turni, successi di notevole importanza con Fenerbahçe, Barcellona e Maccabi che rappresentavano, e rappresentano, una decisa inversione di rotta rispetto ad un passato in cui con le grandi non si vinceva mai e con le avversarie da Playoff lo si […]

Subscribe US Now

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: