Bayern-Zalgiris: Trinchieri scrive la storia

Enrico Longo

Il Bayern di coach Trinchieri si aggiudica il match con lo Zalgiris nel finale grazie a uno strepitoso Lucic e si qualifica ai playoff

0 0
Read Time:2 Minute, 25 Second

Bayern-Zalgiris è la sfida tra due squadre vicine in classifica. I tedeschi godono di un miglior piazzamento con 19 successi e 13 sconfitte, mentre il team di Kaunas ha un record di 16 vittorie e altrettante perse.

Al 33° round, il secondo del doppio turno settimanale e il penultimo della stagione regolare, arrivano con situazioni differenti: lo Zalgiris ha vinto in rimonta contro un’altra tedesca. Il Bayern Monaco ha invece dovuto cedere il passo al Fenerbahce.

Il match viene deciso negli ultimi frangenti della quarta frazione. All’Audi Dome finisce 71-70 per i padroni di casa, che strappano uno storico pass per i playoff.

Analizziamo la gara nei 5 punti di Eurodevotion.

Bayern-Zalgiris è equilibrio

Una vittoria a testa in questa stagione tra Bayern Monaco e Zalgiris con il fattore campo sempre difeso con successo. All’andata, alla Zalgirio Arena, fu Marius Grigonis a decretare vincitori e vinti con un canestro all’ultimo secondo che scrisse il 74-73 finale. Dopo poco più di tre mesi, il risultato è ancora simile, lo scarto è lo stesso, ma questa volta il bottino è di Trinchieri e il match winner è Vladimir Lucic.

Il tiro da fuori (questa volta) non basta

Lo Zalgiris è la seconda squadra per percentuali dall’arco, infatti tira con il 41.7% dai 6.75 e anche nella trasferta tedesca conferma di brillare in questa specialità, colpendo dalla distanza ben 9 volte (su 17 tentativi) con un ottimo 52.9%. Ma se in altre situazioni questa soluzione aveva permesso a Schiller di spostare gli equilibri, non è avvenuto a Monaco di Baviera. Nella frazione decisiva comunque tre triple ravvicinate, di cui due di Hayes e una di Walkup, hanno permesso ai lituani di riportarsi a una sola lunghezza dagli avversari.

Aggressività

I padroni di casa hanno impostato la gara sull’aggressività, aspetto che ha consentito di recuperare con continuità la sfera costringendo anche a parecchi errori lo Zalgiris. Al termine dei 40 minuti, sono 11 i palloni rubati dalla truppa di Andrea Trinchieri con ben 9 giocatori con almeno un pallone strappato. Lekavicius e compagni invece in questa statistica si sono fermati a 4 e sono gravati di 19 palle perse.

Vladimir Lucic

Il serbo è l’MVP di Bayern-Zalgiris. Subisce fallo su tiro a 2.3 sul cronometro quando la sua squadra è a -1. Non trema dalla linea della carità e fa 2/2. Nell’ultimo possesso verde-bianco si concede anche il lusso di stoppare Lauvergne. Il classe 1989 chiude con 13 punti, 6 rimbalzi e 8 falli subiti.

Che favola Trinchieri!

Il Bayern Monaco è la prima formazione tedesca dell’Eurolega moderna a strappare il pass per i playoff. Occorre tornare al 1998 per trovare una tedesca così in alto con l’Alba Berlino che in quell’occasione arrivò ai quarti di finale.

Andrea Trinchieri aggiunge un altro tassello, il più importante, alla sua carriera europea.

Immagine in evidenza: sito ufficiale Eurolega

About Post Author

Enrico Longo

Laureato in Comunicazione, sogno di diventare giornalista sportivo. Vivo la vita 4 quarti da 10 minuti per volta. Amo la pallacanestro perché mi fa sentire vivo e l'Eurolega perchè aspettare il week-end per lo sport è impossibile.
Happy
Happy
0 %
Sad
Sad
0 %
Excited
Excited
0 %
Sleepy
Sleepy
0 %
Angry
Angry
0 %
Surprise
Surprise
0 %

Average Rating

5 Star
0%
4 Star
0%
3 Star
0%
2 Star
0%
1 Star
0%
Next Post

Virtus-Unics: una finale anticipata?

Se dall’altra parte del tabellone Monaco e Gran Canaria possono essere descritte come le due sorprese, le squadre frizzanti della competizione; Virtus Bologna e Unics Kazan sono le regine tanto attese, due compagini che si studiano a distanza dall’inizio della stagione, come due felini rivali, in attesa di scontrarsi quando […]

Subscribe US Now

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: