Virtus Bologna – Morabanc Andorra, i bianconeri ottengono la decima vittoria consecutiva nel recupero dell’ottava giornata

Balbo
0 0
Read Time:2 Minute, 37 Second

Nel recupero dell’ottava giornata di ritorno, la Virtus Bologna ottiene la decima vittoria consecutiva sconfiggendo il Morabanc Andorra 92-81.
MVP indiscusso uno scatenato Josh Adams con 33 punti.

La Virtus chiude la prima fase con un perentorio 10/0, mentre Andorra, ormai sicura del quarto posto nel girone, dovrà recuperare una gara, totalmente inutile ai fini della classifica, contro Monaco.

Analizziamo il match tra Virtus Bologna e Andorra Morabanc nei consueti 5 punti di Eurodevotion:

DIFESE ALLEGRE

La partita inizia con una certa leggerezza da ambo le parti, soprattutto in difesa. Dopo 5’ Andorra comanda 11-13 favorita da diverse amnesie difensive della Virtus. Coach Djordjevic, inalberato per l’inizio soft dei suoi, cambia 4/5 del quintetto facendo aumentare l’intensitá difensiva. Da questo momento, la Virtus piazza un parziale di 10-0 che le permetterà di condurre il match senza troppe difficoltà.

JOSH ADAMS

Il 22 dicembre 2020 possiamo dire di aver visto per la prima volta il vero Josh Adams. Verrebbe da dire: al momento giusto, cinque giorni prima del big match di domenica contro Milano.
Letteralmente devastante; MVP indiscusso con 33 punti conditi da un clamoroso 10/12 da tre (attentando al record dell’EuroCup di 11 triple messe a segno). Oggi, complice l’assenza di Milos Teodosic, diventa il faro del porto virtussino; un occhio aperto che taglia il buio e rassicura chi cerca il molo nella notte. Coach Djordjevic può sorridere; anche Little Josh è arrivato.

DISTRAZIONI A RIMBALZO

Nonostante il bombardamento di Josh Adams, la Virtus non riesce a prendere il largo per le ripetute distrazioni a rimbalzo difensivo che in diverse occasioni lasciano alla squadra del principato ( questa volta di Andorra) secondi e terzi tiri. Tra gli ospiti l’innominabile ma corpulento Olumuyiwa sale in cattedra con 4 rimbalzi offensivi (8 totali). In casa Virtus sotto canestro si fa notare un ritrovato – dopo un paio di prove appannate – Amedeo Tessitori (15 punti, 7/8 da due e 7 rimbalzi)

KYLE WEEMS

Nel secondo tempo la Virtus continua a comandare, dopo 3’ vola sul +10 (59-49). L’MVP della gara è Josh Adams, ma il padrone é il principe Kyle Weems (18 punti e 8/10 da due). Espressione vorace e famelica, insieme a Markovic (11 assist), è il leader silenzioso di questa Virtus. Si muove elegante e sinuoso; sembra che la pallacanestro l’abbia scelto come ambasciatore.

IL CONTRIBUTO DEI GREGARI

L’ultimo quarto scorre lentamente, la testa ormai è altrove, Andorra non sembra crederci molto e la Virtus mette in cantiere le decima vittoria consecutiva grazie anche allo zampino dei soliti gregari di lusso; Alibegovic (7 punti, 5 rimbalzi) e Hunter.

Nel secondo tempo non rientra in campo Alessandro Pajola per un problema fisico da rivalutare nei prossimi giorni.

La Virtus senza troppe fatiche regola la pratica Andorra 92-81. Adesso, in attesa di conoscere la quarta squadra ( una tra Unics Kazan e Bourg en Bresse) che completerá il girone, le V nere si possono gettare sul big match di domenica contro l’Armani Milano. Un anticipo di Eurolega, un anticipo della guerra totale che ci potrà essere nel tanto atteso 2021.

Josh Adams, EuroCup | Eurodevotion



Happy
Happy
0 %
Sad
Sad
0 %
Excited
Excited
0 %
Sleepy
Sleepy
0 %
Angry
Angry
0 %
Surprise
Surprise
0 %

Average Rating

5 Star
0%
4 Star
0%
3 Star
0%
2 Star
0%
1 Star
0%
Next Post

Maccabi Tel Aviv - Panathinaikos, non basta Nedovic

Una partita ricca di emozioni nella quale i padroni di casa hanno rischiato di buttare al vento tutto grazie anche ad un Nedovic straordinario
Scottie Wilbekin, Eurolega | Eurodevotion

Subscribe US Now

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: