Valencia conferma le attese: è una squadra da Playoff

alberto marzagalia

Un mercato sontuoso, una società molto solida, un’organizzazione ed un centro di allenamento spettacolari, una nuova arena in arrivo tra pochi anni semplicemente bellissima. Ed ora la prima conferma che arriva dal We’re Back Preseason Tour ospitato alla Fonteta: Valencia c’è e si propone come una della realtà più interessanti della prossima Eurolega.

77-66 il successo nella finale del torneo, pressoché mai in discussione, nonostante le assenze di due profili importanti ed attesi come Vanja Marinkovic e Klemen Prepelic. Applausi, comunque per questo nuovo Asvel, che ha un atletismo in grado di dare fastidio a tanti, oltre ad un’organizzazione di gioco che però era piaciuta di più contro l’Olympiacos.

  • Bojan Dubljevic e Mike Tobey sono protagonisti. Solidi, atipici, pericolosi su 7 metri (sarebbero due centri…). L’ottimo Moustapha Fall visto con l’Olympiacos li soffre tantissimo, spesso fuori dalla sua “comfort zone”. Soprattutto Tobey ci pare arma che saprà mettere in difficoltà parecchi avversari sulla carta più quotati. Ma proprio quella carta, a parere nostro, dirà cose diverse durante la stagione. Molte a favore dell’ex Virginia Cavaliers nato a Monroe, contea di Orange, NY.
  • Qualità differente. 18/11 vs 13/13: è il rapporto tra assist e perse, è la sostanziale ragione per cui la pallacanestro “taronja” scorre molto più fluida. Tante soluzioni, una struttura già rodata la scorsa stagione, margini di crescita notevoli.
  • E proprio quei margini di crescita fanno pensare al meglio per la squadra di Ponsarnau. Derrick Williams non è ancora in condizione, dopo il problema al polpaccio, mentre Kalinic si sta progressivamente inserendo nei meccanismi. Prepelic e Marinkovic erano out, Hermannsson è in fase di adattamento. Sistemati i tasselli, il mosaico rischi di diventare assai gradevole. Con i primi lampi di quel Jaime Pradilla che è tanta, tantissima roba.
  • Le parole di Jaume Ponsarnau: «Non abbiamo scoutizzato molto l’Asvel oggi, ma abbiamo difeso comunque bene. E’ un ottimo segnale, al pari della fiducia mostrata dai giocatori nell’eseguire dopo alcuni errori di fila. Dobbiamo comunque migliorare diversi dettagli».
  • Quelle di TJ Parker: «Creo che Valencia sarà una delle squadre da battere in questa Eurolega, atipica nei suoi centri che la mettono dall’arco. Dobbiamo crescere nella continuità sui 40 minuti, non possiamo andare sotto come fatto nel primo quarto».
Next Post

Preseason? Il Baskonia esagera...

125-61! Cosa? Sì, è il risultato dell’amichevole tra BASKONIA ed Orthez (11mo nell’ultima Pro A francese). 🔴 #Live | 🔵🔵🔵4⃣#GoazenBaskonia #PreseasonBKN pic.twitter.com/5w81FnxMzq — Saski Baskonia (@Baskonia) September 16, 2020 Il primo tempo? 53-16… 🔴 #Live | Estadísticas al descanso📊👇 ✴️@giedraitis31 : 16 PT, 6 RB, 22 VAL✴️@tonyejekiri : 8 PT, […]

Subscribe US Now

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: