Stelle che verranno: Usman Garuba

Usman Garuba, una macchina frantuma record che vuole prendersi il palcoscenico

Se pensavate che per superare i record personali Luka Doncic sarebbero dovuti passare molti anni, beh dovrete ricredervi. La cantera madrilena, infatti, è stata in grado di sfornare un altro talento in grado di rubare alcuni record proprio al nostro caro Luka, stiamo parlando di Usman Garuba.

Usman nasce a Madrid il 9 Marzo 2002 da genitori nigeriani, ha iniziato la sua vita sportiva giocando a calcio, la sua grande passione, salvo poi dedicarsi alla pallacanestro vista la sua altezza che ne limitava le capacità calcistiche. All’età di 11 anni  entra a far parte del prestigioso settore giovanile dei blancos e, dopo aver vinto qualche titolo giovanile, nella stagione 2017/18 esordisce nel Real Madrid B, la squadra riserve che milita nella quarta serie spagnola, chiudendo la stagione con 11 presenze e una media di 11,1 punti, 9,2 rimbalzi e 1,7 stoppate a partita. 

Nella stessa stagione Garuba ha preso parte anche alla tappa di Monaco dell’ANGT, aiutando il Real a staccare il biglietto per le finali di Belgrado con 16,5 punti e 7 rimbalzi di media in quattro presenze e venendo nominato MVP della tappa.

Il 2018 è un anno che Usman non dimenticherà facilmente, il 28 Ottobre, infatti, il centro numero 16 esordisce in Liga ACB nella vittoria contro il Miraflores, divenendo il terzo giocatore più giovane di sempre dopo Luka Doncic e Roberto Nunez. Il 27 Settembre 2019, invece, a 17 anni e sei mesi, diventa il più giovane di sempre a cominciare una partita nel quintetto iniziale, superando proprio lo sloveno nella vittoria con Badalona. Due giorni dopo, Garuba ruba un altro record al talento di Lubiana, realizzando una doppia doppia (13 punti e 10 rimbalzi) nella vittoria contro il Murcia.

Per vederlo calcare i palcoscenici dell’Eurolega bisogna aspettare solamente un altro mese, quando, il 30 Ottobre, Pablo Laso decide di lanciarlo nella sconfitta contro il Bayern Monaco, dove Garuba si mette in mostra realizzando 12 punti e rubando 3 palloni, chiudendo con un 20 di valutazione. Due giorni dopo Usman si ripete contro l’Alba Berlino, mettendo a segno 12 punti. Nel corso di questa stagione ha totalizzato 14 presenze, partendo da titolare nelle ultime 4 gare, collezionando 12 minuti, 4,4 punti e 2,9 rimbalzi di media.

Con la nazionale giovanile spagnola Garuba può già vantare un oro, con tanto di MVP a soli 14 anni, all’Europeo U16 del 2016 in Polonia, dove ha realizzato una tripla doppia in finale con 15 punti, 11 rimbalzi e 10 stoppate. Due anni dopo, però, non riesce a ripetersi, “accontentandosi” solamente dell’argento all‘Europeo U16 disputatosi in Serbia e venendo inserito nel miglior quintetto. L’estate scorsa, invece, è tornato a conquistare la medaglia più prestigiosa, vincendo con la nazionale U18 l’Europeo in Grecia e venendo nuovamente inserito tra i migliori cinque.

Grazie al suo fisico riesce a padroneggiare sotto al canestro, conquistando un buon numero di rimbalzi, nonostante sia un centro non altissimo (è “solo” 2,01 m). E’ anche in grado di difendere su più lati del campo, rubando palloni e andando a stoppare i suoi avversari. Nella metà campo offensiva sa dire la sua con un discreto controllo del pallone in transizione grazie anche alla sua velocità, ma bisogna continuare a lavorare su questo aspetto. Ad oggi viene considerato uno dei migliori prospetti per il Draft NBA 2021, ma sicuramente un’altra stagione in Eurolega potrà mettere ancora più in mostra le sue caratteristiche.

One thought on “Stelle che verranno: Usman Garuba

Next Post

Dino Radja riapre lo scontro con Rick Pitino: E' un bugiardo!

Dichiarazioni pesantissime quelle di Dino Radja nei confronti di Rick Pitino. In un’intervista col sito greco Sport24 la leggenda croata non ha usato mezzi termini nei confronto del Coach newyorchese. «L’unica ragione per cui ho lasciato i Boston Celtics è stata Rick Pitino. E’ un bugiardo. Ti dice una cosa e poi […]

Subscribe US Now

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: