La Stella Rossa paga la cattiva serata di Brown, dominano Shengelia e Shields

Il Baskonia trova un’importante vittoria contro la Stella Rossa 71-56, rimanendo sempre in controllo del match. La nostra analisi in cinque punti.

  • Il Baskonia ha chiaramente due leader: Tornike Shengelia e Shavon Shields. Il primo non lo scopriamo oggi e firma la partita con un solido 18+5 e una precisione dalla distanza letale per uno della sua stazza, il secondo invece sale di colpi con una prova “totale”. 15+6+5 per l’ex Trento che mostre le sue capacità vicino al ferro con un 7/9 da due punti. Incontenibili.
  • La Stella Rossa paga cara la serata storta di Lorenzo Brown. Il principale punto di riferimento dei serbi stecca la serata con un pessimo 1/7 dall’arco che non permette di concretizzare quelle fiammate offensive che lo rendono un giocatore pericoloso a livello europeo.
  • La percentuale dall’arco risulta letale per la Stella Rossa, troppo poco il 5/25 per vincere a Vitoria. Non che i baschi abbiano fatto molto meglio (6/20) ma i troppi errori combinati a una percentuale non eccelsa da due punti costano forse le speranze agli ospiti.
  • Partita non brillante a livello di punteggio, ma il Baskonia tiene i serbi al massimo a 15 punti per quarto. Difesa (con complicità avversaria) che ha fatto sicuramente la differenza per il Baskonia che è bravo a controllare il match
  • Serata poco brillante per Achille Polonara che in 10 minuti di spazio riesce a trovare solo uno 0/2 dall’arco. Molto bene le due palle rubate che dimostrano la giusta grinta, la quale non è certo mai mancata.
Next Post

Che spettacolo! Mirotic, alla Nowitzki, ammutolisce il Cska

Clima Playoff totale alla MegaSport Arena di Mosca. La gara di andata ha lasciato il segno, è innegabile. Pesic lo aveva detto: «Sappiamo perché siamo stati massacrati». E l’inizio difensivo dei blaugrana la dice lunga: concentrazione massima, gabbia perfetta su James che esclude il talento di Portland dalla gara e […]

Subscribe US Now

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: