Eurolega 2022/23: come stanno Partizan, Fenerbahçe e Monaco

0 0
Read Time:6 Minute, 19 Second

Eurolega 2022/23: quarta tappa del nostro breve viaggio dentro i roster che prendono forma per la prossima stagione. Partizan, Fenerbahçe e Monaco le squadre di oggi.

I roster per la prossima stagione prendono sempre maggior forma, tra ufficialità note da tempo ed operazioni ancora da chiudersi. Oggi analizziamo la situazione in casa Partizan, Fenerbahçe e Monaco.

  • Pag. 1 – Partizan
  • Pag. 2 – Fenerbahçe
  • Pag. 3 – Monaco

PARTIZAN BELGRADO

Partizan | Eurodevotion

E’ assolutamente inutile girarci attorno o trovare altre chiavi di lettura sull’imminente stagione serba in Eurolega: tutto parte da Zeljko Obradovic, il più grande di tutti, l’unico capace di dominare per oltre 30 anni la pallacanestro europea attraverso epoche totalmente differenti del gioco alle quali si è adeguato senza mancare mai di fedeltà ai propri principi.

Zele è la polizza del Partizan che si riaffaccia ai livelli più alti con rinnovate ambizioni, cercando di avvicinare l’ultima gloria che è datata 2010 con la partecipazione alle Final 4 di Parigi. Si tratta di un allenatore che non ha rivali e che guarda tutti dall’alto a basso grazie ad una passione senza pari e ad una preparazione tecnica e gestionale in grado di portare ogni suo atleta e qualsiasi sua squadra al massimo rendimento possibile.

Il Partizan ha il meglio in panchina e nemmeno di poco. Poi c’è la squadra, ad oggi ancora incompleta.

Il playmaking affidato ad Aleksa Avramovic e Yam Madar avrà quasi certamente un’aggiunta importante, decisiva: vedremo certamente sprazzi di Dante Exum come PG, ma un creatore di vantaggi arriverà senza dubbio. L’ex Barça è certamente un colpo straordinario sul mercato.

Così come di altissimo livello è l’arrivo di Ioannis Papapetrou, atleta dal QI cestistico notevole in grado di agire da vero e proprio motore della squadra.

Pana-Baskonia (R23): I Greens asfaltano i baschi

Nunnally e Andjusic portano pericolosità dall’arco mentre Kevin Punter è atteso ad un ulteriore passo avanti che potrebbe consacrarlo tra le star della competizione.

Zach Leday non è stato quello di Milano ed anche qui le aspettative sono alte.

Difficile pensare che nel ruolo di centro si rimanga coi solo Lessort e Smailagic, non è un segreto che il nome di Milutinov resti di assoluta attualità.

Ciò che non va sottostimato è il potenziale miglioramento dei tanti giovani a roster che, dopo un’annata con Zele, potranno crescere come quasi sempre accaduto nelle squadre allenate dal genio serbo. Ecco perchè i vari Madar, Glas, Trifunovic, Koprivica, Smailagic e Vukcevic, tutti nati dal 2000 in poi, sono attesi a grandi cose.

Oggi il Partizan è una squadra che può lottare per i Playoff ma pare che possa farlo per uno degli ultimi posti disponibili, poiché 6/7 club rosterrisultano superiori e nemmeno di poco. Quel gap, grande o piccolo che lo si voglia considerare, può essere ridotto da ulteriori aggiunte ma soprattutto dal quel nome da cui siamo partiti, ovvero Zeljko Obradovic.

( pag. 1 – scorri in fondo per cambiare pagina e proseguire la lettura)

About Post Author

alberto marzagalia

Due certezze nella vita. La pallacanestro e gli allenatori di pallacanestro. Quelli di Eurolega su tutti.
Happy
Sad
Excited
Sleepy
Angry
Surprise

Average Rating

5 Star
0%
4 Star
0%
3 Star
0%
2 Star
0%
1 Star
0%
Next Post

UFFICIALE: il Barcellona aggiunge anche Oriol Pauli!

Perfetto e folgorante questo mercato estivo del Barcellona: è ufficiale anche la firma di Oriol Pauli. Dei colpi estivi che portano con loro un solo monito: alzare il trofeo d’Eurolega dell’edizione 2022/23. Con l’aggiunta di Pauli il Barça avrebbe dalla panchina gente come quest’ultimo, Kuric, Abrines, Jokubaitis, Sanli e da […]
Pauli Barcellona

Subscribe US Now

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: