Tokyo 2020 – Mills spettacolare, l’Australia conquista il bronzo

0 0
Read Time:1 Minute, 54 Second

Tokyo 2020 – Dopo il successo ottenuto dal Team USA nella finale 1°- 2° posto contro la Francia, alle 13:00 (ora italiana) è andata in scena la finale tra Slovenia ed Australia, gara valida per assegnare la medaglia di bronzo.

93-107 in favore dei ragazzi guidati da Brian Warwick Goorjian.

Attraverso i tre punti di Eurodevotion, vi raccontiamo Slovenia-Australia.

Tokyo 2020
Tokyo 2020 – Slovenia – Australia

Mamma mia Patty Mills

Indubbiamente è lui il grande protagonista di giornata. Dopo aver realizzato 25, 16 e 24 punti rispettivamente contro Nigeria, Italia e Germania, decide di disputare una partita superlativa. Il classe ’88 ne mette addirittura 42 (record in carriera) con 15/31 dal campo con 35 di valutazione. La guardia dei San Antonio Spurs è sicuramente stato il faro di questa squadra e se per la prima volta, la nazionale austarliana ha conquistato una medaglia di bronzo il merito è in gran parte suo.

Tokyo 2020 – Patty Mills

Il nervosismo di Luka Doncic

Per un campione come Luka Doncic vincere è l’unica cosa che conta ed è giusto che sia così, se hai così tanto talento. Ancora una volta, l’ex stella del Real Madrid durante queste Olimpiadi ha disegnato pallacanestro con canestri che ti fanno saltare letteralmente dal divano. Ne segna 22, ma le percentuali al tiro non sono certo brillanti (7/20) con un misero 3/13 dalla linea dei 6.75. Essere Luka Doncic non dev’essere certo semplice, ma se si vuole diventare “leggende” della pallacanestro mondiale bisogna saper gestire meglio le proprie emozioni e non farsi divorare dal nervosismo…

Pioggia di canestri

Sono ben 107 i punti messi a referto dall’Australia nei confronti della Slovenia. Oltre a Patty Mills, si mettono in luce Joe Ingles (16), Jock Landale (14), Dante Exum (12), e Matisse Thybulle (11), protagonista di schiacciata da All Star in NBA. Ancora una volta, l’unione ha fatto la differenza e l’aver trovato protagonisti diversi è servito a chiudere quest’avventura in terza posizione. 40/73 dal campo (55%), ti fanno comprendere al meglio che tipo di match si è consumato in quel di Tokyo tra Slovenia ed Australia. Oltre a tutto questo, va detto che con molta probabilità gli avversari stavano ancora digerendo il boccone amaro della semifinale persa contro la Francia.

Tokyo 2020 – Australia
Happy
Happy
0 %
Sad
Sad
0 %
Excited
Excited
0 %
Sleepy
Sleepy
0 %
Angry
Angry
0 %
Surprise
Surprise
0 %

Average Rating

5 Star
0%
4 Star
0%
3 Star
0%
2 Star
0%
1 Star
0%
Next Post

Euroleague Story 2007/08: la storia del Cska si ripete

Euroleague Story 2007/08: dopo la sconfitta nella stagione precedente contro il Panathinaikos di Obradovic, che già aveva battuto coach Messina, a Madrid il Cska batte ancora una volta il Maccabi e torna sul tetto d’Europa dopo il 2006. La stagione 2007/08 è sicuramente quella della consacrazione e affermazione definitiva del […]
Euroleague

Subscribe US Now

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: