Djordjevic: sono orgogliosissimo di quanto fatto, l’anno scorso dovevamo fare i playoff da primi e quest’anno lo faremo da terzi.

Balbo 3
0 0
Read Time:3 Minute, 21 Second

Un Djordjevic furibondo ha presentato il quarto di finale contro Treviso. Ecco un estratto della conferenza.

Obiettivi

« Intanto superare il primo turno. Poi casomai il secondo. Poi casomai giocare per l’unico titolo rimasto. Non ne vedo altri, come è sempre stato da quando sono arrivato qua. Il nostro obiettivo è sempre stato quello di far giocare la Virtus per i titoli e per portare dei risultati »

Cambio nelle gerarchie

«  Intanto speriamo di recuperare Weems in dieci giorni, poi dovremo tenere caldi un po’ tutti i giocatori perchè potranno essere utili nelle gare successive. Le gerarchie nel corso della stagione sono cambiate, anche per via degli infortuni specie nel ruolo di regista: hanno avuto problemi sia Pajola che Markovic, e quest’ultimo ha bisogno di recuperare la forma che aveva prima di Badalona. O lo stesso Pajola, che ha avuto lunghi stop, e non gli si deve mettere fretta. Lasciatelo crescere con calma, poi magari mettetelo sul piedistallo come miglior giocatore del mondo, ma adesso è ancora presto. Un giocatore che mi dispiace aver usato fuori ruolo è Adams: ha giocato spesso da regista quando c’erano assenze, ma è stata una situazione figlia delle problematiche. Poi, con l’arrivo di Belinelli, lo stesso Adams come anche altri giocatori hanno avuto meno spazio. O anche Weems, che ha visto modifiche perchè nel corso della stagione la nostra squadra è cambiata. Gerarchie e minutaggi cambiano in base a quello che succede »

Futuro

« Ci sono giocatori che avranno la sicurezza del loro futuro con dei pluriennali. Di certo l’ultima partita non aiuta, ma siamo sempre stati capaci di capire i nostri errori, quindi mi aspetto domani grandi risposte e io sono orgoglioso di averli allenati. Non sempre abbiamo fatto belle prestazioni, ma ho fiducia. A volte è mancato qualcosa fisicamente, per giocarci punto a punto le partite contro le squadre forti, e ci siamo tirati indietro »

Gestione dei minuti

« Durante l’anno abbiamo sempre dovuto pensare alla gestione dei giocatori, perchè avevamo due competizioni. A volte siamo riusciti a controllare i minutaggi, ma la cosa che conta è prima di tutto vincere le partite. E noi dovremo spremerli al massimo, anche se non è bene per le gare successive. Non faccio calcoli, voglio vincere domani »

Problema difensivo

« In questo momento la difesa è il punto debole della squadra. Io ho sempre puntato molto sul difendere, perchè sapevo poteva essere un problema: l’attacco vince le partite, ma la difesa vince i titoli. Io mi aspetto di più da un po’ tutti: Markovic, Pajola, o Adams che ha avuto tante difficoltà non sempre dipendenti da lui. Io da lui non sono deluso: io sono analitico, ho letto le vostre analisi ma so quali possono essere le difficoltà nel corso della stagione. Adams è un ragazzo emotivo, fa vedere cose straordinarie in attacco, e penso che avrebbe potuto avere meno urli da me e più applausi dagli osservatori. E’ stato firmato per una certa idea che non è stata portata a realizzarsi »

L’ultima occasione per questo gruppo?

« Ultima dove? Io sono arrivato qua da decimi, undicesimi, senza playoff. Abbiamo portato una coppa, lo scorso anno eravamo in testa, abbiamo cambiato le prospettive della società cercando di portarla dove vuole il Dottor Zanetti. Io sono orgogliosissimo di quanto fatto, non è possibile continuare a parlare dell’ambiente dopo Kazan o che questa sia l’ultima occasione. Io sono sempre stato corretto verso tutti, ma non sempre la stampa lo è stata nei miei confronti: nessuno mi ha mai cercato, quando io ho mostrato sempre professionalità. I problemi sono stati creati al di fuori, nessuno ha pensato a come io sia arrivato qui con un orgoglio grandissimo. Ricordate che l’anno scorso avremmo dovuto fare i playoff da primi, da primi, e ora lo saremo da terzi! »

Kazan

« Io devo giocare con Treviso e ancora mi chiedete di Kazan? Potevate chiamarmi prima! Anche prima della Fortitudo ci sono state domande destabilizzanti per favorirli »

Happy
Happy
50 %
Sad
Sad
50 %
Excited
Excited
0 %
Sleepy
Sleepy
0 %
Angry
Angry
0 %
Surprise
Surprise
0 %

Average Rating

5 Star
0%
4 Star
0%
3 Star
0%
2 Star
0%
1 Star
0%

3 thoughts on “Djordjevic: sono orgogliosissimo di quanto fatto, l’anno scorso dovevamo fare i playoff da primi e quest’anno lo faremo da terzi.

Next Post

Ettore Messina: Dovremo giocare con pazienza, partita per partita, per poter vincere la serie

Ettore Messina in vista della prima sfida dei playoff 2021 contro la Dolomiti Energia Trento presenta così la sfida di domani alle ore 17.30 Le parole di Ettore Messina prima di gara 1  “Giochiamo contro un avversario che ha prodotto una seconda parte di stagione molto buona, che gioca con […]
Ettore Messina

Subscribe US Now

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: