Mercato, Campazzo e Real: ultimi balli?

alberto marzagalia

La NBA ha fissato la data della “free agency” per il 22 novembre.

Immediatamente il nostro pensiero è volato alla situazione di Facundo Campazzo: siamo ai passi di addio al Real ed all’Eurolega?

L’interesse di diverse franchigie verso quello che è indiscutibilmente il miglior playmaker della massima competizione continentale da qualche anno è ormai cosa nota. La volontà del giocatore di giocarsi le sue carte nella lega di Silver, e di farlo ora, lo è altrettanto. Che sia Dallas, che sia Minnesota, che sia San Antonio (nelle ultime ore si è aggiunta la voce New York, pensaci bene Facu…), l’approdo oltre oceano del giocatore è pressoché certo.

Ad oggi, prima di quella fatidica data, in Eurolega il Real avrà i seguenti impegni: trasferta con la Stella Rossa venerdì e doppio turno casalingo contro Maccabi e Fenerbahçe tra il 18 ed il 20/11.

In Liga ACB resta solo la gara proprio di domenica 22/11, al Wizink Center contro Manresa, dopo che l’impegno di questo fine settimana ad Andorra è stato posticipato al 4/1/21 a causa dei diversi contagi tra i giocatori del Morabanc.

E poi… poi sarà il momento delle scelte. Quella di Campazzo è già chiara, quella dei “blancos” deve ancora essere perfezionata. Possibili, se non probabile, che proprio l’esito della “free agency” possa liberare alcuni profili interessanti per Laso. Sullo sfondo anche l’ipotesi, di una rinnovata fiducia a Laprovittola, finalmente da vero possessore delle chiavi del gioco Real e non da sola ombra del Facu.

E’ importante ricordare che negli anni recenti nel ruolo di playmaker il Real non si è mai affidato a giocatori americani: l’era Laso è stata caratterizzata dai vari Chacho, Llull, Doncic e Campazzo. Ora c’è Laprovittola, con alle spalle Alocen ed una “cantera” che non finisce di sfornare prodotti eccellenti, con Juan Nunez e Matteo Spagnolo in rampa di lancio.

In fondo, ma questa sia chiaro che è solo un’opinione personale, di fronte ad una stagione di cui non si conosce il futuro ma si è certi dei tanti asterischi che la accompagnano, perché investire parecchio denaro ora quando lo si può eventualmente programmare per il prossimo mercato e nel frattempo percorrere e far crescere le soluzioni interne?

Next Post

Eurocup: la partita di Bortolani contro l'Ulm

Gli highlights di Giordano Bortolani contro Ulm

Subscribe US Now

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: