L’ASVEL si sblocca: terza sconfitta per Polonara & Co

Enrico Longo

L’ASVEL vince la sua prima partita europea stagionale, lo fa lontano dalle mura amiche. Per il Baskonia non basta Polonara, miglior rimbalzista della serata

Dopo tre sconfitte e altrettante partite rinviate per problemi legati all’emergenza sanitaria, l’ASVEL vince la prima partita europea stagionale. Alla Buesa Arena cede di misura il Baskonia: 86-88 il finale.

Ecco i 5 punti della sfida:

ATTACCO FRANCESE

I risultati e i successivi dati statistici che emergono dopo tre partite vanno presi con le pinze. Ma va anche detto che, questa volta, l’ASVEL fa vedere un grande attacco. Infatti, nelle prime tre gare giocate, la media di punti realizzati era di 70. Nella vittoria di questa sera ne sigla 18 in più.

CONTROLLO

Il +2 finale è il perfetto riassunto dell’equilibrio tra Baskonia e ASVEL, ma la squadra di Parker è praticamente sempre davanti. Dopo aver inaugurato la serata con Diot, tocca il massimo vantaggio di 11 lunghezze in due occasioni: nella seconda parte del secondo periodo sul 29-40 e nel finale di quello successivo, quando il 2/2 di Freeman dalla lunetta “scrive” 49-60.

BREAK BASCO

Dopo aver inseguito per più di 15 minuti, il Baskonia dà l’impressione di poter indirizzare la partita a suo favore, negli ultimi minuti prima dell’intervallo lungo. 14 punti in 180 secondi, grazie a 3 canestri dall’arco (due di Vildoza e uno di Henry), un canestro dal campo di Jekiri e tre liberi messi a segno, riaprono la sfida. Il Baskonia torna avanti dopo un’infinità, ma la reazione degli ospiti è immediata. Diot che fa centro dai 6.75 e manda le squadre a riposo in perfetta parità (43-43).

TOP SCORER

Uno degli elementi più attesi del match è senza dubbio l’ex di turno Tonye Jekiri. Approdato questa stagione a Vitoria, il centro nigeriano non ha deluso le aspettative. Per lui sono arrivati 21 punti (top scorer) con un interessante 8/11 dal campo, un solo errore a cronometro fermo (5/6) e 7 rimbalzi. Per un totale di 31 di valutazione.

ACHILLE POLONARA

L’azzurro, dopo tre uscite oltre la doppia cifra, bisticcia con il canestro e trova solo una volta il fondo della retina, ma la sua rimane una prova di sostanza, infatti in 35 minuti di parquet cattura 10 rimbalzi (miglior rimbalzista della serata), serve un assist e recupera una palla.

Immagine in evidenza: sito ufficiale Eurolega

Next Post

Non c'è pace per Bryant Dunston

Dopo una stagione decisamente complicata in cui era rientrato solo ad inizio marzo collezionando appena 9 presenze sulle 28 gare disputate dall’Efes, Bryant Dunston si ritrova alle prese con un nuovo stop. Ergin Ataman ha parlato di un problema alla retina che terrà il suo centro titolare lontano dal parquet […]
Non c'è pace per Bryant Dunston | Eurodevotion

Subscribe US Now

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: