Real Madrid – Barcellona, Mirotic e Oriola fanno 31 totali

Un classico che ha rispettato a pieno le aspettative iniziali

0 0
Read Time:3 Minute, 12 Second

Real Madrid – Barcellona è stato un classico all’altezza delle aspettative, vinto dagli ospiti, ma nella quale i padroni di casa hanno lottato per tutti e quaranta minuti. Il 76-81 finale rende perfettamente quello che il campo ha detto. Vince la squadra che oggi, al netto delle assenze, è più forte. Ma il blancos, nonostante una buona prestazione, non possono essere soddisfatti, Con questo classico il punteggio stagione recita 4-0, con il ritorno di Liga da giocare e la finale della Copa del Rey persa. Un Real Madrid – Barcellona che si potrebbe ripresentare anche i playoff, anche se tale abbinamento oggi sembra molto difficile. Andiamo ora ad analizzare la partita con i consueti cinque punti di Eurodevotion.

Palle perse e parziale

L’inizio di Real Madrid – Barcellona è da incubo per i padroni di casa. Dopo appena tre minuti di gioco, infatti, le palle perse sono già ben tre, con tanto di primo mini break blaugrana. La formazione di Jasikevicius va subito avanti 7-0, spaventando non poco Pablo Laso che, però, opta per non chiamare nessun time out. Scelta azzeccata vista la reazione dei suoi, bravi ad aprire un parziale di 8-0 (14-13) e costringendo il coach lituano alla sospensione. L’eroe che non ti aspetti del primo quarto è Alocen con 6 punti che guida il Real. Nel Barcellona, invece, Calathes non è da meno con 7 punti e tanta sostanza.

Precisone e difesa

Esattamente con il primo, anche il secondo quarto di Real Madrid – Barcellona segue lo stesso copione. Dopo pochi minuti di gioco i blancos tornano avanti (31-29), spinti da un fantastico Abalde. L’ex Valencia tira con il 100% da tre (2/2), sbagliando un solo tiro dal campo. Una precisone incredibile che accompagna le due squadre per tutto il secondo quarto. Il Real Madrid, però, si spegne a livello offensivo nella seconda metà della frazione. La formazione madrilena realizza solamente cinque punti in quattro minuti, frutto di Abalde e Deck. Il Barcellona, invece, ne realizza nove, rientrando negli spogliatoi sul 38-41, grazie, soprattutto, agli 11 punti di Oriola.

Errori e ripresa

Il secondo tempo non inizia in maniera entusiasmante. Il terzo quarto di Real Madrid – Barcellona è pieno di errori, regalando poche emozioni. Il poster di Mirotic dopo pochi secondi aveva fatto ben sperare, ma la difesa, a zona e non, del Barça, gli errori del Real e poi collettivi spengono le emozioni. Il distacco tra le due squadre rimane invariato, anche perchè Gabriel Deck continua a tirare in maniera chirurgica. Il 3 su 4, fino a questo momento, dall’arco ne è la prova.

Orgoglio Barça

Se nella terza frazione era mancate le emozioni non si può dire lo stesso per la quarta. Dopo l’inizio a suon di triple, firmate Carroll e Laprovittola, il Real riesce a prendere la testa della partita. Un Vantaggio che arriva fino alle quattro lunghezze, sul 63-59, prima del risveglio del Barcellona. I catalani, infatti, non appena le cose si sono messe in salita, hanno tirato fuori l’orgoglio che li contraddistingue. L’intensità difensiva è tornata subito altissima e il gioco offensivo ne beneficia. La squadra di Jasikevicius torna immediatamente avanti, con Mirotic e Oriola che sotto canestro dominano con 31 punti totali. Real Madrid – Barcellona si tinge di blaugrana.

Rischio playoff?

Nonostante il buon gioco espresso dai madrileni, Real Madrid – Barcellona rischia di pesare doppio per i blancos. La nona posizione ora dista solamente quattro punti e il rischio di non partecipare ai playoff inizia ad essere concreto. Le assenze si stanno inevitabilmente facendo sentire, ma la formazione di Pablo Laso rischia di pagare a caro prezzo le dodici sconfitte. Una seconda fase senza il Real Madrid ad inizio sembrava impensabile e tutt’oggi è ancora molto difficile, ma non del tutto impossibile.

Happy
Happy
0 %
Sad
Sad
0 %
Excited
Excited
0 %
Sleepy
Sleepy
0 %
Angry
Angry
0 %
Surprise
Surprise
0 %

Average Rating

5 Star
0%
4 Star
0%
3 Star
0%
2 Star
0%
1 Star
0%
Next Post

Euroleague Round 29, gli assenti nelle gare del venerdì

Euroleague che completa il Round 29 questa sera. La situazione delle assenze per le 8 squadre in campo dal tardo pomeriggio. EFES vs ZALGIRIS Ataman vuole continuare la serie, dopo il dominio sul Cska, con la squadra possibilmente al completo: c’è un dubbio sulla presenza di Shane Larkin. Schiller deve […]
Euroleague

Subscribe US Now

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: