Euroleague Top 10: le sensazioni della settimana

Non è una classifica, non sono giocate spettacolari… ma semplicemente 10 sensazioni che ci hanno particolarmente colpito nella settimana del secondo turno di Turkish Airlines Euroleague.

  • Asterisco. Parola che sarà MVP della stagione? Forse lo sapevamo già, dopo due turni è purtroppo confermato. In queste condizioni non può essere diversamente.
  • Il Fenerbahçe arrivava al derby con problemi a rimbalzo, l’Efes ha una batteria di lunghi abili in quel fondamentale, nonché esterni che ne tirano giù parecchi. Risultato? 48 rimbalzi Fener e 24 Efes. E’ vero?
  • Mike James e Will Clyburn, Will Clyburn e Mike James. Abituiamoci alla coppia. Loro stanno già bene insieme, in campo come fuori. Il primo decide una gara con un ultimo quarto incomprensibile per gli esseri umani, il secondo si avvicina al livello di Vitoria. Batman e Robin!
  • Alex Poythress, il predestinato. Corpo da Eurolega, il 16+11 fa male al Barça. Tecnica che è ancora molto da affinare, ferocia fisica ed atletica che sembrano nate su questi parquet.
  • Olimpia? Tignosa. Ha la capacità di far giocare male gli avversari. Non è da sottovalutare. Ora Olympiacos e Real, l’asticella si alza.
  • Nando De Colo. Prova da leader vero in una partita dal sapore vero. Sembra essersi calato nel ruolo alla perfezione. La separazione da Sloukas ha un senso tecnico in tutto ciò.
  • 523 assist e 473 perse in 17 partite vuol dire 110,57% di ratio assist/perse. Lo scorso anno furono, a fine stagione regolare, 8759 assist e 6528 perse, per una ratio del 134,17%. La qualità della pallacanestro di quest’anno lascia molto a desiderare, sinora. Effetto pandemia o c’è altro? Di certo è un’Eurolega tecnicamente meno godibile.
  • Le parole di Campazzo. «E’ questione di quanto realmente vuoi qualcosa, ma la cosa positiva è che sappiamo cosa sta succedendo». Cosa succede ad un Real da 0-2 (senza giocare con le favorite), 12 assist e e 16,5 perse di media, 70 punti a serata, penultimo sia per “offensive” (86,4) che per “defensive rating” (101,8)? Siamo certi che siano parole così leggere e che vi sia qualcosa di positivo?
  • Mike Tobey e Bojan Dubljevic. Chi ha due centri che nel combinato dei 40 minuti, equamente divisi sul campo, producono 38 punti con 6/10 da due, 7/12 da tre e 5/6 ai liberi? Quante volte abbiamo visto Tavares così spaesato negli anni recenti?
  • Jordan Loyd. 8/16 dal campo, 9/9 ai liberi per 30 punti con anche 6 rimbalzi, 2 assist e 2 recuperi insieme a 5 falli subiti. La “fase final” di Liga Endesa ce lo aveva già detto: qui si parla di un giocatore importante. Se Valencia l’avesse tenuto oggi sarebbe tra le prime 4 favorite della lega.
Next Post

Cronaca di un weekend di basket che... è tutto tranne che basket

Ne stanno prendendo coscienza tutti, decisamente in ritardo: non era necessario aspettare oggi per comprendere da tempo come sarebbe finita. Sì, usiamo la parola “finita” perché questa stagione, a queste condizioni, è oggi cestisticamente finita, non producendo verdetti che siano rispettosi dei valori in campo. Ed ancor meno ne verranno […]

Subscribe US Now

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: