Euroleague Weekly (R15): Una classifica pazzesca!

0 0
Read Time:3 Minute, 22 Second

Euroleague Weekly, il nostro classico appuntamento in 10 flash dopo un Round 15 che ci regala una classifica clamorosamente equilibrata.

  • Joan Penarroya al momento senza dubbio alcuno allenatore dell’anno. Le cose in Eurolega cambiano in un amen ma resta il fatto che stia dimostrando come i migliori allenatori sono quelli che costruiscono un sistema di gioco adattandolo alle caratteristiche dei giocatori che hanno a disposizione. Non può essere un caso se in queste ultime 5W i baschi abbiamo un OFFENSIVE RATING di 114,4, un DEFENSIVE di 97,2 (9 punti meno del Real, secondo) ed un NET di 17,2, abbondantemente il meglio della competizione.
euroleague man
  • La Virtus di Vitoria ha certamente l’alibi delle assenze ma troppi errori elementari rappresentano qualcosa di più. Nessuno voleva o doveva aspettarsi una classifica clamorosamente diversa per una squadra con tanti esordienti nella competizione, tuttavia una certa durezza manca. E, soprattutto, ci vuole un Toko Shengelia che faccia la differenza.
  • La classifica è roba da film dopo 15 turni. 5 squadre in testa, 10 in due sole gare e 9 squadre, oggi fuori dalla “Playoff Picture”, compresse in sole tre gare ed allo stesso numero di successi dalla quota postseason. Equilibrio favoloso, alta competitività, ma il tutto siamo certi si anche sinonimo di qualità di gioco oggi, dopo un inizio più promettente?
  • Jalen Adams con l’ottima prova di Berlino rende praticamente ininfluente l’assenza di Wade Baldwin. L’idea che possa essere migliore nel duo con L.Brown rispetto all’ex Baskonia e Bayern non è più così folle.
  • Il fischio contro Scottie Wilbekin è decisamente contro lo spirito del gioco, regole a parte, tuttavia il Fener che perde la terza di fila ha giocato una gara di pochissimo spessore e questa volta le assenze erano abbastanza limitate, sebbene alcuni rientri non garantiscano ancora una forma accettabile. Restiamo dell’idea che sotto manchi qualcosa. Era così con Motley, figuriamoci se le cose non peggiorano quando manca l’ex Loko.
  • Di Keenan Evans vi abbiamo parlato tanto in questi giorni tra miglior quintetto del turno e nostro MVP. Quanto sta facendo l’ex Maccabi è semplicemente straordinario poiché in grado di trascinare una squadra con tanti, troppi difetti ad un rendimento di livello altissimo. E’ certamente nella conversazione per il titolo di MVP e questo era assolutamente impensabile ad inizio stagione.
  • Vanja Marinkovic ed un 14/26 da tre punti nelle ultime 5 gare che rappresenta una delle ragioni chiave dei 5 successi consecutivi del Baskonia. Qualche anno fa era uno dei prospetti più interessanti di tutta Europa, le grandi attese non si sono tramutate in successo immediato, ed ora vuoi vedere che il magico effetto di Vitoria possa regalarci un’altra favola a lietissimo fine?
  • Olimpia vincente in una gara che emotivamente ha un peso fondamentale, nonché un valore altissimo a livello di classifica poiché 4/11 sarebbe stato un record difficilmente recuperabile. Bene il risultato ma non si possono dimenticare ancora tantissimi minuti francamente imbarazzanti, fino al 28′. Difficile pensare di arrivare ai Playoff coi soli eroismi di Baron, sino ad oggi eccellente. Serve una crescita tecnica per la quale i tempi sono brevissimi.
Eurolega | Eurodevotion
  • Dall’11 novembre, giorno della sconfitta a Valencia, il Monaco è 5/4 e la qualità della pallacanestro è abbondantemente inferiore a quella mostrata sino ad allora (5/1). Pare assai evidente, come accaduto a Milano, che ad un certo ritmo si parla di squadra da Final 4, mentre quando quel ritmo scende il livello diventa da lotta Playoff. In una squadra basata sull’efficacia delle guardie, il coinvolgimento dei lunghi diventa letale per gli avversari nel primo caso, mentre è inefficace nel secondo. Ora serve verificare se si tratta di un fisiologico calo come può accadere durante la stagione oppure se è qualcosa di strutturale. PS Perchè i liberi del doppio tecnico li tira Mj che ha il 79% e non Okobo che ha l’87%?
  • Il Maccabi a Berlino ha raccolto 17 palloni sotto le plance avversarie sui 37 disponibili. Siamo sempre lì, i rimbalzi restano un dato molto più che fondamentale nell’economia di una gara e di una stagione.

About Post Author

alberto marzagalia

Due certezze nella vita. La pallacanestro e gli allenatori di pallacanestro. Quelli di Eurolega su tutti.
Happy
Sad
Excited
Sleepy
Angry
Surprise

Average Rating

5 Star
0%
4 Star
0%
3 Star
0%
2 Star
0%
1 Star
0%
Next Post

Quante vittorie servono per i Playoff di Eurolega 2023?

Playoff di Eurolega che rappresentano la “terra promessa” per diverse squadre. Se alcune paiono nettamente favorite, un paio di posti restano in bilico. Ma quante W servono per raggiungerli? La storia recente non ci aiuta a risolvere la questione. I Playoff di Eurolega sono obiettivo fondamentale per diverse squadre che […]
Playoff | Eurodevotion

Iscriviti alla Newsletter di ED

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: