Zalgiris-Virtus (R3): I bianconeri crollano nel finale, vincono i lituani

Balbo
0 0
Read Time:3 Minute, 12 Second

La Virtus, dopo la vittoria casalinga contro il Bayern, nel round 3 di Euroleague, vola in Lituania per infilarsi dentro la pancia di una Žalgirio arena che, come al solito ricca di passione, vede sfilare per la prima volta in stagione in ambito continentale Evans e soci.

La Virtus dopo aver condotto per trentasette minuti si suicida nel finale con due ultimi minuti scellerati che regalano allo Zalgiris la prima vittoria stagionale in Eurolega. Due punti pesanti persi in chiave playoff per gli uomini di Scariolo. I padroni di casa vincono 68-65 con 14 punti di Ignas Brazdeikis.

Per la Virtus lo Zalgiris evoca sempre brutti ricordi

Sono passati ventitre anni ma per la Virtus la vista delle maglie biancoverdi dello Zalgiris rievoca attraverso i cristalli rarefatti della sventura una notte rimasta maledetta. La notte di Monaco che diede inizio al declino di Sasha Danilovic e consegno`alla ribalta del panorama europeo i terribili tiratori lituani e Tyus Edney.

L’ultima visita dei bianconeri alla Zalgirio Arena risale al 2007; in quella occasione la Vu nera in versione gita enogastronomica venne affondata di venti punti sotto i colpi di un indemoniato Marcus Brown.

Quindici anni dopo sorride ancora lo Zalgiris: decidono i rimbalzi

La Virtus sembrava poter sfatare il tabù con una prova solida, frutto delle prestazioni di Mickey (9+4) e Weems (15 con 2/2 da tre), ma un ultimo quarto di blackout offensivo misto alla superiorità a rimbalzo dei padroni di casa, fa tornare gli italiani senza la vittoria. Soprattutto in certe sere, in certi ambienti, l‘assenza di Toko Shengelia risulta più pesante. Assenza che in questo momento si sarebbe notata molto meno se in chiave di mercato, nel settore lunghi, non si fosse puntato su qualche scommessa.

I 7 rimbalzi offensivi del duo Ulanovas/Hayes fanno la differenza in un finale concitato. Alla fine il dato rimbalzi segna 38-30 per i biancoverdi di Lituania.

Virtus: Quando la linea della carità si trasforma in linea della pietà

In Eurolega, se giochi punto a punto, lasci tanti, troppi rimbalzi agli avversari e tiri dalla lunetta con il 55% perdi. Un 10/18 che pesa per la Virtus in un ambito che in questa stagione si sta rivelando il tallone di Achille dei bianconeri.

Non bisogna essere professori di matematica per comprendere la gravità di 8 tiri liberi sbagliati in una gara decisa all’ultima azione.

Una sconfitta che non cancella trenta minuti di ottimo basket delle Vu nere e soprattutto non cambia le ambizioni dei detentori dell’Eurocup.

zalgiris, eurolega/ eurodevotion

Le parole di Scariolo

Partita davvero fisica. Congratulazioni allo Zalgiris per la vittoria, e ai tifosi per aver creato un’atmosfera molto bella, che ha aiutato la loro squadra. Noi abbiamo avuto un ottimo primo tempo, e alcuni flash nel secondo tempo. Ma non abbiamo avuto la necessaria consistenza e resilienza per tutti i 40′. La differenza l’hanno fatta i rimbalzi offensivi dello Zalgiris, e i tiri liberi che abbiamo sbagliato. Ma alla fine eravamo avanti di 5 a un paio di minuti dalla fine, è diventata una partita punto a punto in cui loro hanno fatto canestro e noi no. Abbiamo avuto brutte esecuzioni, congratulazioni a loro, noi riposiamo un giorno e prepariamo la prossima.
L’ultimo tiro? Palla a Teodosic, volevamo vedere se aveva una buona possibilità di tirare, oppure scaricarla a Lundberg. Hayes ha fatto un’ottima difesa.
L’Eurolega Virtus fin qui. Non è differente dalle altre competizioni, ma è molto più fisica. Abbiamo giocatori che non avevano mai giocato in Eurolega, stanno imparando. Abbiamo avuto qualche infortunio, dobbiamo mettere tutta la squadra insieme e diventare una squadra solida. Per ora lo siamo per 20-25 minuti, dobbiamo arrivare a 40. E avere una prestazione solida da chiunque entri in campo
“.

Zalgiris Kaunas vs Virtus Segafredo Bologna 18 October 2022 19:00 | EuroLeague (euroleaguebasketball.net)

Happy
Sad
Excited
Sleepy
Angry
Surprise

Average Rating

5 Star
0%
4 Star
0%
3 Star
0%
2 Star
0%
1 Star
0%
Next Post

Troppo Fenerbahçe per l' Asvel. Ancora imbattuti i turchi

Round 3 di Eurolega che ci porta alla Ulker Sports And Event Hall di Istanbul per la gara che vede contrapposte, l’imbattuta Fenerbahçe di coach Itoudis contro L’Asvel di coach TJ Parker. La squadra guidata dall’ex CSKA si presenta alla sfida casalinga dopo aver liquidato nell’ultimo turno il Maccabi. I […]

Iscriviti alla Newsletter di ED

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: