La Germania stende una Francia abulica: Schroder e Lo incantano, Gobert e Fournier steccano

0 0
Read Time:4 Minute, 42 Second

E’ una serata di grande festa per la Germania all’arena di Colonia: omaggio alla leggenda Dirk Nowitzki con ritiro della sua maglia numero 14 e vittoria davanti al proprio pubblico contro la Francia per 76 a 63.

Una vittoria bella, rotonda e convincente contro un avversario che sulla carta è superiore e che viene dato come una delle maggiori pretendenti per la vittoria finale. Eppure i problemi dei francesi evidenziati stasera sono tanti; e i motivi per considerare i tedeschi qualcosa di più di semplici underdog sono altrettanto tanti.

Dopo la prima giornata di partite la Germania si trova in testa al famigerato girone B insieme a Slovenia e Bosnia che hanno battuto rispettivamente Lituania e Ungheria. Andiamo a fondo del “posticipo serale” tra Germania e Francia con i nostri consueti tre punti d’analisi!

Francia Germania Wagner

La Germania vince di voglia e intensità; la Francia pecca di presunzione

Oltre ai numeri che raccontano la partita che sono sempre importanti, dietro a un risultato dicono spesso molto anche i linguaggi del corpo. Ottimo quello tedesco; pessimo quello transalpino.

Gli uomini di coach Herbert sapevano di partire un po’ dietro rispetto agli avversari come quotazioni prima della palla a due. Eppure, dopo qualche minuto di assestamento, hanno giocato senza alcuna paura e con molta propositività mantenendo per tutto l’arco dei 40 minuti di gioco una difesa rocciosa di grande livello e un attacco fluido e variegato che si è contraddistinto per la varietà degli interpreti.

D’altro canto i francesi non hanno tanto demeritato in fase difensiva (difficile fare tanto male quando hai giocatori come Albicy, Gobert, Poirier e compagnia) – anche se c’è stata più di qualche sbavatura -, quanto in attacco dove hanno fornito una prestazione più che insufficiente. La palla si è mossa poco e male, e spesso si è arrivati alla fine dei 24 secondi senza costruire nulla. Lunghi ed esterni, in più di un’occasione, sono sembrati scollegati come reparti: quando hai i lunghi dei francesi e non li sfrutti è peccato mortale.

A testimoniare la scarsa prestazione francese c’è il dato delle palle perse: 17. Troppe, veramente troppe. In più gli uomini di Collet hanno vinto la lotta a rimbalzo solo di 3 carambole: troppo poco per una squadra che vanta i centimetri dei transalpini. Di tutto questo hanno approfittato i tedeschi che sono stati cinici ad approfittare delle difficoltà degli avversari giocando in modo lucido e preciso.

Francia Germania Schroder

La coppia Schroder-Lo, le prove di Thiemann e Giffey

In pochi possono permettersi una coppia di playmaker come quella che può schierare in campo la Germania. Dennis Schroeder e Maodo Lo sono due che hanno i razzi sotto le scarpe e che, se si accendono, possono da soli vincere una partita. Lo hanno dimostrato in serata. In due stasera 24 punti e 10 assist.

Coach Gordie Herbert, in certi frangenti di partita, si è anche permesso il lusso di schierarli insieme in campo: rischioso, pensando alla fase difensiva, ma molto intrigante.

Poi i tedeschi possono contare su un reparto di ali piccole versatili e con punti nelle mani: Franz Wagner è talento cristallino e Niels Giffey ha un’ottima mano. E’ chiaro che quest’ultimo ha overperformato (13 punti con 3/4 dall’arco e 4 rimbalzi), ma il suo può essere un apporto molto importante all’interno delle rotazioni.

Sotto canestro, poi, i tedeschi possono vantare altrettanta solidità e lo hanno dimostrato. Daniel Theis ha incartato Gobert e Voigtman ha fatto la solita buona prestazione. Tuttavia, quello che ha brillato di più è stato Johannes Thiemann, un altro dei grandi prodotti che escono dalla fucina dell’Alba Berlino. Ottima mano, gioco interno, tiro dall’arco e presenza difensiva: sa fare quasi tutto, di cui diverse cose molto bene. 14 punti, 6 rimbalzi e 19 di valutazione: una prestazione da MVP della partita.

Francia Germania Thiemann

Francia, Gobert e Fournier devono fare molto di più. Si salva solo Yabusele

Come detto, della prestazione francese si è salvato poco nulla. Sopra abbiamo parlato dell’atteggiamento; proviamo a dare un’occhiata all’aspetto tecnico.

E’ cosa certa che Rudy Gobert ed Evan Fournier, i due che dovrebbero trainare questa squadra, devono fare molto di più. Il centro è incappato in una delle sue serate no; ci si aspetta immediata risposta dalla prossima partita. Fournier deve essere molto più al centro del gioco francese e deve avere più palla in mano per entrare in gara: non è uno che può fare lo spot up shooter; ha bisogno di mettersi in ritmo.

E il problema dei francesi è in attacco. In difesa, come detto, le soluzioni immediate per sistemarsi fin da subito ci sono. E’ mancata la difesa sugli esterni: Luwawu-Cabarrot può essere un buon difensore perimetrale e Albicy è ottimo in quel senso ma dovrà stare in campo più di 10 minuti visto che Heurtel dietro è spesso una tassa troppo salata.

In fase offensiva le modifiche dovranno essere più strutturali. Il grande problema è che, a differenza della Germania che ha giocatori come Schroder e Lo, la Francia non ha nessun esterno che possa battere il difensore avversario in uno contro uno. E questo è un problema perché non tutti i vantaggi possono arrivare dal pick&roll.

Questo sarà il grande enigma che Vincent Collet dovrà risolvere. Oltre a un atteggiamento che dovrà repentinamente cambiare marcia. Anche perché in un girone come quello in cui si trovano i transalpini il margine d’errore è molto risicato.

L’unico che ha provato a mantenere i suoi a galla è stato Guerschon Yabusele: 18 punti e 4 rimbalzi. L’ala del Real Madrid, però, ha predicato nel deserto. Da lui e dalla sua voglia di fare bene urge ripartire fin dalla prossima palla a due.

Germania Francia Yabusele

(Credits photos: Fiba)

Happy
Sad
Excited
Sleepy
Angry
Surprise

Average Rating

5 Star
0%
4 Star
0%
3 Star
0%
2 Star
0%
1 Star
0%
Next Post

Mike Tobey guida la Slovenia alla vittoria contro una mai doma Lituania

Slovenia vittoriosa all’esordio contro la Lituania. Si alza la palla a due su EuroBasket 2022 e sul girone B. Le partite che si svolgono nell’arena di Colonia vedono sfidarsi Slovenia, Francia, Lituania, Germania, Bosnia ed Ungheria. Nel pomeriggio la sfida fra queste ultime due nazioni ha visto prevalere per 95 […]

Subscribe US Now

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: