Zizic, l’uomo da corsa dell’Efes degli All Star

Mikhail Laurenza
0 0
Read Time:7 Minute, 27 Second

UN EFES DA TRANSIZIONE

Nonostante i due titoli consecutivi l’Efes è stata la prima squadra a muoversi sul mercato e
nel giro di due mesi ha piazzato tre colpi assolutamente incredibili allargando, sempre sulla
carta, il divario fra sé e le altre: insieme a Zizic sono arrivati anche Will Clyburn e Polonara,
e la conferma di Vasa Micic testimonia che i blu di Istanbul non hanno nessuna intenzione di
scendere dal carro dei festeggiamenti la prossima stagione.


Il quintetto di All Star che si andrà a completare con Larkin cambierà però la conformazione
di una squadra che in questi due anni ha messo in mostra tanto gioco uno contro uno
soprattutto a metà campo, sfruttando ogni secondo dei 24 a disposizione. Con l’aggiunta di
tre giocatori da corsa, di cui quattro in grado di condurre la transizione in palleggio dopo un proprio
rimbalzo o palla recuperata, Ataman vuole far diventare l’Efes una squadra da corsa, capace
di sfiancare gli avversari anche a livello aerobico e atletico.


L’acquisto di Zizic si inserisce inoltre in un contesto di gioco in post basso che lunghi come
Dunston, Pleiss e Moerman non hanno: gioco in post basso vuol dire presumibilmente
raddoppio, raddoppio vuol dire passaggio in angolo, ecco perché il croato da questo punto di
vista può e deve sfruttare meglio i buoni tempi di uscita della palla che possiede.
Chiaramente il pick ‘n’ pop centrale che piace tanto a Pleiss con dovrà essere accantonato
nei momenti in cui sarà in campo l’ex Maccabi, ma il lavoro del tedesco può essere replicato – e come abbiamo visto ai massimi livelli – da Achille Polonara: provate per un attimo a
pensare ad un gioco a due fra l’abruzzese e uno fra Larkin e Micic, con Zizic totalmente
libero di prendere posizione nel pitturato o di farsi trovare libero vicino al ferro in caso di
raddoppio sull’esterno.


I problemi potrebbero presentarsi in difesa, dove è presumibile che i coach avversari
prepareranno la partita cercando di infilare n gioco a due Zizic e Micic, ovvero i due peggiori
difensori di questo Dream Team europeo, ma come abbiamo visto anche con Pleiss,
Ataman deciderà probabilmente di tenere il suo centro in drop, provare a spingere l’esterno
verso il ferro e non aiutare, con gli altri che solitamente restano in anticipo sui tiratori.

Lo straordinario mercato milanese, il rafforzamento del Madrid, le firme da sogno del
Monaco e la voglia di rivalsa blaugrana saranno sicuramente elementi da valutare in vista
della prossima Turkish Airlines Euroleague, ma oggi con Ante Zizic quella dell’Efes rischia di
diventare una legacy in stile Bulls degli anni ’90, con un Ataman a cui fare il Phil Jackson
piace proprio tantissimo.

Happy
Sad
Excited
Sleepy
Angry
Surprise

Average Rating

5 Star
0%
4 Star
0%
3 Star
0%
2 Star
0%
1 Star
0%
Next Post

Aleksandar Vezenkov, con l'Olympiacos a caccia del titolo

Caratteristiche tecniche 206 cm per 102 chili e una mano mancina educatissima, nonostante una meccanica di tiro non da manuale, fanno di Sasha Vezenkov una Stretch Forward pura. Fisicità e solidità oltre il perimetro che gli permettono di giocare all’occorrenza anche da numero “3”. Se la capacità realizzativa è la […]
Aleksandăr Vezenkov | Eurodevotion

Subscribe US Now

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: