10 domande sulla nuova stagione di Eurolega

0 0
Read Time:2 Minute, 34 Second

Eurolega al via esattamente tra 60 giorni. 10 prime domande sui temi principali della stagione per stimolare un iniziale scambio di opinioni su quello che sarà.

6 agosto 2022, 6 ottobre 2022. Due mesi e sarà Eurolega, con una stagione 2022/23 che si preannuncia come una delle più interessanti di sempre visto che difficilmente si sono viste così tante squadre, almeno 7, realmente attrezzate per dare l’assalto alle Final 4 e di conseguenza al titolo.

Eurolega

Nei giorni scorsi abbiamo proposto analisi sul peso della stagione regolare e sulla scarsa fiducia negli esordienti da parte dei top club, oggi ci soffermiamo su 10 domande che la maggior parte degli addetti ai lavori si pone come principali a due mesi dal via.

1 – E’ purtroppo la domanda più importante e ad oggi ci sono molti dubbi sulla risposta: la stagione 22/23 inizierà con un CEO di Eurolega ed un organizzazione in grado di affrontare le difficile sfide del futuro, vista l’immobilità che ormai dura da quasi 20 mesi, ovvero da quando 6 club hanno deciso che il tempo di Jordi Bertomeu fosse scaduto?

2 – L’Efes che aggiunge Clyburn, Zizic e Polonara resta la più forte nonché favorita per uno storico “threepeat” che hanno saputo fare solo Spalato 30 anni fa e Riga agli albori della manifestazione?

3 – La coppia composta da Pangos e Mitrou-Long è un miglioramento rispetto a Rodriguez-Delaney in fase di playmaking per l’Olimpia?

4 – Con Polonara e Zizic, ovvero di due lunghi che corrono meglio il campo in Europa, vedremo un Efes a ritmi insostenibili per gli avversari, visto quanto detteranno Larkin e Micic?

5 – Efes, Real e Barça, Milano ad un centimetro con l’Oly, Monaco e Fener subito lì: è questo un potenziale primo “ranking”?

6 – Yabusele, Cornelie, Tavares e Poirier sono una montagna che nessun avversario potrà scalare? C’è una squadra europea che può pareggiare il duello tra i lunghi col Real?

Eurolega | Eurodevotion

7 – Partizan e Virtus… Zele Obradovic al timone di una squadra con 6 atleti nati dal 2000 in poi e 4 novità come Exum Nunnally, Andjusic e Papapetrou, sarà da subito competitivo per la corsa Playoff? Qui vale ricordare che un play ed un centro di livello sono probabilmente ancora in arrivo. Ismael Bako, Jordan Mickey, Iffe Lundberg e Semi Ojeleye, su un roster di già ottimo livello, garantiscono alla Virtus quella competitività che serve per lottare in ottica postseason?

8 – Il Maccabi dei 10 nuovi, debordante di atletismo e fisicità sotto la guida di Oded Kattash in campo e David Blatt dietro una scrivania, sarà squadra da esplosione o implosione?

9 – Per l’ennesima stagione il Bayern parte a fari spenti e nessuno lo considera in ottica alta classifica. Andrea Trinchieri sarà il condottiero dell’ennesimo miracolo annullando il gap con le grandi allenando in maniera semplicemente spettacolare?

post up | Eurodevotion

10 – Valencia, Baskonia, Stella Rossa, Asvel e Alba hanno reali possibilità di creare una vera sorpresa ed inserirsi nella lotta per i primi 8 posti? Zalgiris e Panathinaikos si stanno muovendo in modo da poter lasciare quel fondo della classifica desolatamente ricoperto, giustamente, dopo la disgraziata scorsa stagione?

About Post Author

alberto marzagalia

Due certezze nella vita. La pallacanestro e gli allenatori di pallacanestro. Quelli di Eurolega su tutti.
Happy
Sad
Excited
Sleepy
Angry
Surprise

Average Rating

5 Star
0%
4 Star
0%
3 Star
0%
2 Star
0%
1 Star
0%
Next Post

Lo Zalgiris annuncia la firma di Dovydas Giedraitis

Ufficiale la firma del ragazzo lituano classe 2000 con lo Zalgiris Dopo una stagione, sempre in Lituania, con il Lietkabelis, Dovydas Giedraitis firma ufficialmente con lo Zalgiris Kaunas. Cinque anni di contratto (3+2) per il playmaker del 2000. Sebbene l’idea primaria dello Zalgiris sembrava essere di girare il ragazzo in […]

Subscribe US Now

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: