La notte dei verdetti in Liga Endesa. Gran Canaria ai Playoff, Andorra e Burgos retrocedono

0 0
Read Time:5 Minute, 0 Second

Liga Endesa in campo per la Jornada 34 che ha rivelato i nomi dell’ultima qualificata ai Playoff e delle due squadre che retrocedono.

Gran Canaria ai Playoff, Andorra e Burgos retrocedono.

La notte di Liga Endesa, appassionante come forse mai prima, ha formulato i suoi verdetti.

Gran Canaria si qualifica ai Playoff come ottava grazie alle sconfitte di Murcia e Bilbao, mentre lasciano la Liga Andorra e Burgos a causa delle rispettive cadute interne con Tenerife e Fuenlabrada.

E per gli accoppiamenti Playoff la classifica ha detto, con Barça primo e Real secondo già in ghiaccio, che terza è Valencia, quarta Badalona, quinta Tenerife, sesto Baskonia, settima Manresa ed ottava appunto la squadra “canarina”.

Le combinazioni erano centinaia, 32 solo per la lotta salvezza, e dopo conti da mal di testa siamo arrivati alla composizione del tabellone Playoff che assegnerà il titolo, nonchè al verdetto che condanna alla retrocessione.

BREOGAN-UNICAJA era la sola gara senza significati di classifica. E’ finita 93-84 e sancisce una stagione molto positiva per i galiziani ed assai negativa per gli andalusi alla prese con un complicato processo di ricostruzione a buon livello sul quale si discute e si litiga molto. Altra grandissima prova di Dzanan Musa, al rientro dopo l’operazione. Passo d’addio per il giocatore, atteso ai piani alti di Eurolega. Nel frattempo, in giornata, è arrivato il riconoscimento di MVP di Liga.

Il fratello gli ha consegnato il trofeo in un’affollatissima piazza Santa Maria a Lugo.

MANRESA-BARCELONA valeva solo per i padroni di casa. Il 40-33 del primo tempo illude i padroni di casa, ma poi i “blaugrana” esplodono in un clamoroso 40-61 nella seconda parte di gara. 80-94 il finale con 16 punti di Laprovittola nel terzo quarto che indirizzano la gara insieme al complessivo 40%, contro il 9% locale, da tre.

Barça già primo (27/7), Manresa settima (20/14) dopo una stagione indimenticabile nonostante il calo finale dovuto soprattutto alla grande cavalcata di BCL, dove è arrivata la finale persa con Tenerife.

BILBAO-BETIS è stata la partita della giornata, clamorosa per intensità e livello di dramma, grazie alla prestazione di altissimo profilo etico della squadra di Luis Casimiro, già salva, che merita un grande elogio. Suicidio basco dalla lunetta (20/35 contro il 22/24 ospite)) che in una gara terminata 98-99 dopo un supplementare dice tutto. Peccato per gli uomini di Mumbrù, uno che confermiamo meriti prima o poi una grande occasione ad altissimo livello. Shannon Evans ancora surreale, con un altra prova che ne fa un pezzo pregiatissimo del mercato ai piani più alti.

Bilbao (16/18) chiude nona, “ad un paio di liberi dai Playoff”, mentre il Betis (13/21) chiude tredicesimo e si salva grazie ad una grandissima rimonta da 7/2 tra aprile e maggio.

GRAN CANARIA-REAL MADRID conferma il momento di grande crescita dei “blancos” che piazzano la nona sinfonia tra Liga ed EL. Belgrado è ad un passo, sono tutti avvisati. 83-91 in totale controllo ospite ma “Granca” raggiunge i Playoff grazie alla sconfitta rocambolesca di Bilbao (e di Murcia), il cui esito fa esultare l’arena dopo tanti lunghissimi minuti col fiato sospeso. Ed in ottica Belgrado occhio alla crescita di Anthony Randolph, uno che se sta bene…

Real secondo con un record di 25/9 e Gran Canaria ottava 17/17.

BURGOS-FUENLABRADA, drammatico scontro salvezza, premia gli ospiti che raggiungono la salvezza. 66-83 con gara spaccata nel terzo quarte ed il duo Meindl-Ristic protagonista.

Retrocede Burgos, ultima a 10/24, mentre Fuenlabrada è 14ma a 12/22.

MURCIA-ZARAGOZA era occasione Playoff per la squadra di Sito Alonso e colpo salvezza per quella di Dragan Sakota. Arriva la seconda opzione, con un 72-77 (già +10 ospite a fine terzo quarto) a firma Radoncic e Mekowulu. Peccato per Murcia, che chiude comunque una bella stagione che ha visto la partecipazione, ottima, alla Copa del Rey, dove è arrivata anche la semifinale.

Murcia decima con 16/18, Zaragoza 16ma con 12/22.

OBRADOIRO-VALENCIA valeva solo per il terzo posto “taronja”, confermato dal successo 85-89 sull’asse Van Rossom-Dubljevic.

Valencia (23/11) quindi dietro solo alle due big ed Obradoiro quindicesimo a 12/22.

ANDORRA-TENERIFE, ultima spiaggia per il club del Principato, è tanto drammatica quanto lo è stata Bilbao-Betis, per ragioni diverse. 75-77 e condanna per i locali, che ricordiamo semifinalisti di EC a testimoniare il livello pazzesco della Liga. Andorra lotta col cuore, riconosciuto dalla bellissima ovazione finale del proprio popolo, ma lascia la massima divisione dopo 8 stagioni colpita da due canestri decisivi di Shermadini.

Tenerife chiude quinta (21/13), Andorra penultima (11/23).

BASKONIA-JOVENTUT, senza grossi contenuti di tensione, finisce 81-89 con ospiti ottimi dall’arco (45%).

Catalani (22/12) quarti, baschi (20/14) sesti.

Come da calendario comunicato il 3 maggio, i Playoff inizieranno dopo le Final 4 di Eurolega, con quarti al meglio delle 3 gare prima di semifinali e finali al meglio delle 5.

Gara 1 dei quarti in programma tra martedì 24 e venerdì 27 maggio, gara 2 sabato 28 e domenica 29, eventuale gara 3 tra lunedì 30 e martedì 31.

Prima semifinale al via giovedì 2 giugno per la cosi. Poi 4, 7, 9 ed 11 giugno le altre date fino all’eventuale gara 5.

La secondo sfida che sceglierà la finalista partirà il 3/6. Poi 5, 8, 10 e 12.

Ovviamente gare 4 e 5 solo se necessarie, tanto che la data di inizio della serie finale varierà proprio in funzione della durata delle semifinali.

Se le due semifinali dovessero chiudersi in 3 gare, il programma sarebbe il seguente: 12, 14, 17, 19 e 22 giugno.

Se le due semifinali si allungassero a gara 4, la finale si giocherebbe dal 13 giugno, poi 15, 17, 19 e 22.

Infine se almeno una delle due semifinali dovesse protrarsi sino a gara 5 il programma delle finali sarebbe così: 15, 17, 19, 21 e 24 giugno.

About Post Author

alberto marzagalia

Due certezze nella vita. La pallacanestro e gli allenatori di pallacanestro. Quelli di Eurolega su tutti.
Happy
Sad
Excited
Sleepy
Angry
Surprise

Average Rating

5 Star
0%
4 Star
0%
3 Star
0%
2 Star
0%
1 Star
0%
Next Post

Sarunas Jasikevicius: "Arriviamo con entusiamo alle Final Four"

Sarunas Jasikevicius, head coach del Barcellona, ha rilasciato le seguenti dichiarazioni al termine della vittoria contro Manresa in Liga ACB, con un occhio alle Final Four di Belgrado. “Il primo tempo non è stato buono, poi siamo stati più solidi. Abbiamo giocato un basket molto semplice di fronte a una […]
sarunas jasikevicius

Iscriviti alla Newsletter di ED

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: