Real Madrid, il miracolo di Abalde vale il secondo posto

0 0
Read Time:2 Minute, 49 Second

Real Madrid che conferma quanto di buono fatto nelle ultime gare. Si guarda a Belgrado con sempre maggior ottimismo.

Il Real supera l’Obradoiro in una sfida che per i “blancos” vuol dire secondo posto assicurato mentre per la squadra di Santiago de Compostela significa salvezza ancora da conquistare. E non sarà facile, visto che le due avversarie si chiamano Joventut e Valencia, peraltro in cerca del vantaggio del fattore campo.

Finisce 88-89 ed è giusto che una sfida di tale intensità termini con un canestro sulla sirena, dopo una lotta di raro coinvolgimento emotivo, visto che una W avrebbe dato la “permanencia” alla squadra di Moncho Fernandez.

Canestro? Insomma, chiamiamolo col suo vero nome, ovvero “miracolo”.

Dopo un’esecuzione magistrale dei padroni di casa sull’asse Robertson-Birutis, disegnata alla perfezione dal Coach nel più classico degli ATO (dopo timeout), mancavano 6 secondi e poco più con rimessa madrilena da fondo campo, dato che non vi era più possibilità di fermare il gioco.

Quando in campo c’è Sergi Llull è abbastanza ovvio attendersi una sua conclusione ed in effetti è quello che accade. Il “jumper” dalla media del campionissimo non vede il ferro, finendo molto corto, ma ecco che si materializza Alberto Abalde, colpevolmente lasciato solo da un raddoppio sconsiderato dei locali sullo stesso Llull. Appoggio volante al tabellone, anche semplice per esecuzione, e la W è confezionata, gelando un Fontes do Sar caldissimo in cui 5425 spettatori sognavano di assicurarsi una nuova stagione di Liga.

Verdetto crudele, che peraltro sembrava cosa fatta a pochi minuti dal termine quando il tabellone diceva 77-84. Con tre triple consecutive l’Obradoiro ha ribaltato tutto, prima del pareggio del solito Llull.

Una rubata molto contestata di Deck su Hobbs, tanto velenosa quanto difficilissima da valutare per gli arbitri, a quel punto ha dato il possesso al Real che si è portato sul +1 con un libero di Hanga, autore di un 1/2 dalla lunetta.

Il resto è parte di quel finale fantastico che vi abbiamo descritto.

«Abbiamo giocato una gara di grande intensità ed applicazione, sono contento nonostante abbiamo compiuto diversi errori sui quali dovremo lavorare». Realista Pablo Laso, che sta ritrovando le sensazioni migliori della sua squadra.

«Farò i complimenti alla mia squadra, è durissima perdere così, ma abbiamo dato tutto. Continuiamo a lottare». Così Moncho Fernandez.

La partita, prima delle giocate decisive, si era svolta a buonissimi ritmi, con cose molto interessanti da entrambe la parti.

Ottima prova di Llull (21) e buon impatto di “plastic man” Adam Hanga così come di Abalde, oltre il miracolo sulla sirena.

Tra i locali ottimo Hobbs (17), solido Birutis (13) e “chirurgico” Vicedo. Ci si aspettava qualcosa in più, forse, da Kassius Robertson, comunque autore di 8 assist, tra i quali quello magistrale che sarebbe potuto valere la salvezza.

Entrambe le squadre hanno tirato molto bene dall’arco, col 50% casalingo ed il 43% ospite, mentre una parte di differenza fondamentale è arrivata, come spesso accade, dal dato a rimbalzo: 34 a 27 vuol dire troppe opportunità in più per il Real in una gara così equilibrata.

Come anticipato, ora l’Obradoiro sarà mercoledì a Badalona e sabato in casa con Valencia: l’11/21 attuale deve muoversi attraverso queste due difficilissime sfide.

Madrid, tranquilla con la sua seconda piazza, attende Murcia e poi vola a Gran Canaria, nel vero ruolo di arbitro nella lotta per l’ultimo posto Playoff.

About Post Author

alberto marzagalia

Due certezze nella vita. La pallacanestro e gli allenatori di pallacanestro. Quelli di Eurolega su tutti.
Happy
Happy
0 %
Sad
Sad
0 %
Excited
Excited
0 %
Sleepy
Sleepy
0 %
Angry
Angry
0 %
Surprise
Surprise
0 %

Average Rating

5 Star
0%
4 Star
0%
3 Star
0%
2 Star
0%
1 Star
0%
Next Post

Liga Endesa (J32): Barça primo, Baskonia ai Playoff, speranza Andorra e Burgos

Liga Endesa in campo per la Jornada 32 ed arrivano risultati fondamentali sia in ottica Playoff che in quella retrocessione. Si rona già in campo martedì per la J33. BILBAO v TENERIFE (87-79) e MANRESA v BETIS (96-102) sono state anticipate la scorsa settimana per via degli impegni nelle Final […]
Liga Endesa

Subscribe US Now

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: