EUROLEAGUE PLAYOFF PREVIEW: Barcellona – Bayern Monaco

mfiorda26
0 0
Read Time:4 Minute, 48 Second

Manca un solo giorno all’inizio dei playoff della massima competizione europea ed è tempo di addentrarsi nell’analisi delle varie serie che li caratterizzeranno. In questo articolo analizziamo BarcellonaBayern Monaco, ma sul nostro sito potrete trovare la preview di ciascuna delle quattro serie.

BARCELLONA - BAYERN

LA STAGIONE DELLE DUE SQUADRE

BARCELLONA

Che dire della stagione dei blaugrana, che sono stati senza ombra di dubbio i veri dominatori di questa stagione regolare. Basti pensare, come si è detto più volte, che, dopo la vittoria nel Clasico di metà Dicembre, non hanno più mollato la testa della classifica, classificandosi come testa di serie numero 1 già con tre giornate d’anticipo.

Jasikievicius è riuscito a mantenere una solidità difensiva eccelsa aggiungendo però qualità e fluidità offensiva, il vero tallone d’achille del Barcellona versione 2020-2021. Come ha fatto ciò? Dentro un vero e proprio cheat code a livello europeo come Dante Exum, potenzialmente il miglior difensore all-around della competizione a mani bassissime, e aggiungendo pericolosità nella metà campo d’attacco con esterni più creativi come Laprovittola (alla miglior stagione in carriera) e Jokubaitis, il suo pupillo lituano (giocatore clutch se ce n’è uno).

Ora un po’ di numeri. Il Barcellona è terzo per punti segnati (82.9) e primo per offensive rating (117.5), ma è anche primo per percentuale da 3 (41%) e quarto per percentuale da due punti (55%). Sul lato difensivo invece, settimo per defensive rating e nono per punti concessi, concede soltanto il 50% da 2 agli avversari (seconda migliore) ed è la terza difesa sul perimetro. Eccellenza, dunque, su entrambi i lati del campo, che si traduce in un net rating che è nettamente il più alto della competizione (9.3).

BAYERN MONACO

Gli uomini di Coach Trinchieri hanno avuto sicuramente una stagione molto travagliata, dovendo affrontare ben due ondate di Covid e moltissimi infortuni, che spesso hanno costretto i tedeschi a giocare a ranghi ridottissimi. Come detto anche dal boss del nostro sito però, un 14-4 in presenza di 3 o meno assenze che la dice molto lunga sulla solidità e pericolosità di questa squadra, più che mai in una serie playoff.

Non potendo contare (ancora) su un budget di prima categoria, il Bayern, come al solito, è andato a pescare giocatori non di fascia top durante il mercato estivo, che però si sono rivelati giocatori fatti su misura per un Coach come Andrea Trinchieri (e chi non lo sarebbe, verrebbe da chiedersi). Ecco allora che sono arrivati Walden e Jaramaz dalle due squadre di Belgrado, e Hilliard dal CSKA Mosca, a formare un pacchetto esterni che incarna perfettamente lo spirito del proprio allenatore. In più, ecco DeShaun Thomas e Othello Hunter, giocatori che sanno fare molte cose e che hanno dato esperienza e durezza a a questa squadra.

Il Bayern ha chiuso all’ottavo posto la stagione regolare, alternando momenti di grande basket a strisce negative che hanno rischiato di comprometterne il cammino nella competizione europea ma, vale la pena ricordarlo, quando hai ben due ondate pesanti di Covid, è normale sia così.

Come per il Barcellona, ecco qualche numero: decimo attacco della competizione (75.4) e quarto per percentuale da 3 (37%), mentre parliamo della sesta difesa per punti concessi (75.3). Il net rating dice 0.2, a testimoniare quanto questa squadra sia equilibrata nelle due fasi.

LO STATO DI FORMA DELLE DUE SQUADRE

Il Barcellona, a causa anche del fatto che ha ipotecato il primo posto in Euroleague già da tempo, arriva da un momento non semplicissimo in termini di risultati. Sono infatti 4 le sconfitte nelle ultime 6 partite, con una produzione offensiva che, salvo la partita con il Real, è calata drasticamente.

Va comunque detto che è stato dato largo spazio ai giovani blaugrana e che le motivazioni non erano certo tra le più alte della stagione, ed ecco allora che, aldilà dei numeri, è lecito aspettarsi un Barcellona totalmente diverso già da domani sera.

Lato Bayern, un ultimo periodo molto molto complesso per la più volte citata seconda ondata di Covid che ha portato 6 sconfitte su 8 partite tra inizio Marzio e inizio Aprile, salvo poi interrompere questa striscia all’ultima giornata di Euroleague contro il Real Madrid. Da lì, 4 vittorie filate che fanno arrivare i tedeschi con il morale alto in vista di una serie playoff che si preannuncia, sulla carta, proibitiva.

SITUAZIONE INFORTUNI

Sicuramente out Cory Higgins per il Barcellona, mentre rimangono in dubbio Alex Abrines e Sergi Martinez, che sono rimasti fuori nelle ultime uscite di Acb a causa di una illness non meglio specificata, ma dovrebbero comunque giocare.

Lato Bayern dovrebbe invece rientrare Corey Walden, dando la possibilità a Coach Trinchieri di schierare il roster al completo.

DUELLI CHIAVE

Posto che in una serie playoff ogni duello è chiave, ritengo che molto si giocherà nel reparto ali, in quanto avente duplice finzione di dare pericolosità dal perimetro e copertura a rimbalzo.

Exum-Mirotic è una coppia dal potenziale infinito, perché ben assortita su entrambi i lati del campo e perché fisicamente straripante anche ad alta Eurolega. Dall’altro lato, Lucic-Thomas, pur avendo chiaramente meno talento, sono due giocatori solidissimi e capaci di rendersi utili in mille modi diversi, forse anche più di quanto non sappiano fare i pari ruolo blaugrana.

Credo che la sfida si giocherà, per le ali tedesche, nel riuscire a pareggiare la fisicità delle ali del Barcellona e vedere come questi reagiranno ad eventuali mani addosso, che sicuramente non mancheranno conoscendo il Bayern. Lavorare psicologicamente su Mirotic deve essere un obiettivo primario per Trinchieri e soci.

L’ala montenegrina ed Exum, invece, dovranno mettere pressione costante a rimbalzo d’attacco e limitare le conclusioni dall’arco di Lucic e Thomas perché, qualora dovesse arrivare una pioggia di triple, la situazione si complicherebbe non poco per il Barcellona.

Happy
Happy
0 %
Sad
Sad
0 %
Excited
Excited
0 %
Sleepy
Sleepy
0 %
Angry
Angry
0 %
Surprise
Surprise
0 %

Average Rating

5 Star
0%
4 Star
0%
3 Star
0%
2 Star
0%
1 Star
0%
Next Post

Taronjas corsari alla Fernando Buesa, il Baskonia risorge e spreca

Il Valencia torna alla vittoria nella ostica sfida in casa del Baskonia, che cade nel finale dopo una rimonta dal -20 Jornada 29 che oppone due grandi del basket iberico e che risulta, tra i rimpianti baschi, in una vittoria degli uomini di Pennarroya, guidati da uno straordinario Lopez-Arostegui da […]

Subscribe US Now

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: