Zaragoza-Barça(J29), colpaccio dei padroni di casa

0 0
Read Time:2 Minute, 1 Second

Zaragoza-Barça è la vera sorpresa di questo sabato. Un match che, almeno sulla carta, sembra scontato per i ragazzi di coach Jasikevicisu, ma che invece è stato esattamente l’opposto. La vittoria per 76-71 consegna ai padroni di casa due punti fondamentali per la salvezza, in attesa che il Burgos e Andorra scendano in campo. Per i blaugrana, invece, si tratta della seconda sconfitta consecutiva dopo quella subita per mano dell’Unicaja. Stop che, però, non dovrebbe destare troppi problemi per la conquista del primo posto in vista dei playoff.

Zaragoza-Barça

Crederci sempre

Devono essere state queste le parole usate da coach Sakota per caricare i suoi. Il Zaragoza, infatti, è stato sotto nel punteggio per quasi tutto il match, ad eccezione degli ultimissimi minuti. Quanto basta, però, per farsi che ad avere la meglio in questa Zaragoza-Barça fossero proprio i rossoneri. Merito anche di un Barcellona che non ha brillato come al suo solito, forse già con la testa all’impegno di martedì prossimo, nel primo turno dei playoff di Eurolega. Un successo costruito con delle azioni individuali. Il 25-13 dell’ultimo quarto evidenzia appieno quanto detto, con Mekowulu, Waczunski e Ferrari autori di 49 punti totali e unici tre giocatori casalinghi ad andare in doppia cifra.

Discontinuità

Una singola parola che racchiude al meglio la partita del Barça. Calathes e compagni, dopo un buon inizio, hanno allenato la mano. La pressione difensiva messa in campo fin dal primo minuto, aveva creato non pochi problemi agli avversari. Problemi che avevano permesso allo stesso Barcellona di poter prendere una distanza, seppur minima, mettendo gli stessi blaugrana nella posizione di dover amministrare il match. Nel finale di Zaragoza-Barça, però, la concentrazione è venuta meno e ha permesso ai padroni di casa di trovare il sorpasso. Seconda sconfitta consecutiva che rischia di pesare in vista della partita di martedì.

Alex Abrines

In una serata amara, il Barça può trovare lo stesso una nota positiva. Proprio in vista dell’incontro contro il Bayern Monaco, Alex Abrines ha deciso di sfoderare una prestazione quasi perfetta. Con un solo errore al tiro dal campo, lo spagnolo ha chiuso con 26 punti (unico in doppia cifra oltre a Mirotic) ed un 25 di valutazione. A far stropicciare gli occhi, però, sono le sette triple, su otto tentativi, realizzate nel corso dei quaranta minuti. Una prestazione che ricorda un’oasi in mezzo al deserto se paragonata a quelle dei suoi compagni.

Happy
Sad
Excited
Sleepy
Angry
Surprise

Average Rating

5 Star
0%
4 Star
0%
3 Star
0%
2 Star
0%
1 Star
0%
Next Post

Eurodevotion-Backdoor Podcast, è tempo di premi stagionali e... di pronostici

Eurodevotion-Backdoor Podcast alle prese con i cosiddetti “awards” stagionali, ma soprattutto coi pronostici sui Playoff che iniziano martedì. I riconoscimenti stagionali con la collaborazione dei nostri ascoltatori. Bartzokas allenatore dell’anno. Sì ma io dico Obradovic… Most Improved player: Sasha Vezenkov. Anche qualcosa di più! Rising Star: Jokubaitis. A mani basse. […]
Eurodevotion-Backdoor

Subscribe US Now

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: