Liga Endesa, J28 : da un “clàsico” leggendario al volo di Tenerife

0 0
Read Time:3 Minute, 31 Second

Liga Endesa in campo per una Jornada 28 ricca di significati. Dal “clàsico” di marca blaugrana a tanti altri duelli che iniziano ad essere decisivi, per Playoff e retrocessione.

BETIS v ZARAGOZA, chi perde è… perduto. E chi ha perso è stata la squadra di aragonese. 79-69 con Shannon Evans da 19+11 in 37’04” di energia surreale. 14 di J.Bone tra gli ospiti. Ora, in ottica retrocessione, Siviglia si è avvicinata ad una sola W dalla stessa Zaragoza, sebbene sempre all’ultimo posto.

FUENLABRADA v OBRADOIRO era sfida verso una minima tranquillità. La vincono i locali 93-92 dopo una furiosa rimonta ospite (15-31) nel terzo quarto che ha rimandato il verdetto ai 10′ finali. 22 di Emegano come 22 è stata la valutazione del brasiliano di passaporto italiano Leo Meindl. 4 uomini a quota 13 (i due Scrubb, Birutis e Robertson) nell’Obradoiro. Fuenlabrada ora 2W sopra la zona pericolo.

MANRESA v BADALONA ad alta quota. La squadra più spettacolare contro quella che non perde da 7 turni. La spuntano gli uomini di Pedro Martinez dopo una gara splendida, che conducono sin dall’inizio ma nella quale devono fare i conti col ritorno della Penya che lotta sino al possesso finale. 95-91, basket rapido, spettacolare e tecnico allo stesso tempo: una libidine pura per gli appassionati. Thomasson da 25 da una parte, 28 di un sempre più incredibile Andres Felix dall’altra. Due squadre che rivedremo, con ambizione, nei Playoff.

BILBAO v VALENCIA era uno degli ultimi treni baschi per coltivare ulteriormente il sogno Playoff, ma anche per non riavvicinarsi troppo alla zona pericolosa. E gli uomini di Mumbrù il treno lo hanno preso, battendo 84-78 i “taronja”. 19+5 di Damien Inglis e 16 di Dubljevic in una gara che Bilbao conduceva di 15 all’intervallo lungo ma che Valencia aha rimesso in piedi cin un terzo quarto da 13-27. Decisivi gli ultimi 10′.

TENERIFE v BREOGAN ha chiuso il sabato di Liga. I “tinerfeni”, reduci dallo scalpo madrileno, ottenuto dopo ben 5 anni, trionfano 96-78 grazie ad un terzo quarto da 33-19.

22 di Sasu Salin (14 in quel terzo quarto) tra i vincitori, 17 sia di Musa che di Lukovic tra gli ospiti, che ora si allontanano leggermente dalla quota Playoff ma restano in piena lotta.

9 successi nelle ultime 11 per gli uomini di Vidorreta e lo sguardo, interessatissimo, alle prime quattro piazze, lontane solo una gara.

Mezzogiorno di qualità a MURCIA, dove arrivava una GRAN CANARIA alla ricerca del sorpasso, visto che si partiva da un 14/12 per entrambe. I “canarini”, reduci da 6 W nelle ultime 8 (L solo fuori con Joventut e Barça)cadono sotto i colpi decisivi di McFadden che piazza due triple determinanti. 86-75 il finale con 18 dello stesso McFadden per gli “universitari” e 22 di Brussino (6/7 da tre) per gli isolani. Ora Murcia ha il 2/0 negli scontri diretti.

UNICAJA v ANDORRA rappresentava l’ultima chance andalusa per provare a riagguantare la zona Playoff e l’occasione di uscire dall’incubo retrocessione per il club del Principato.

Vince Malaga 78-74 con ancora una volta Brizuela decisivo (20). 16 di Paulì e Crawford per Andorra, che ora rischia molto seriamente. Ed incredibilmente.

Il “clásico” è stato uno spettacolo unico. Successo Barça ma una grande prova di entrambe le squadre. Il nostro pezzo dedicato alla grande serata del Palau.

BURGOS v BASKONIA ha chiuso il programma della Jornada 28. Qui la nostra analisi della vittoria basca.

La classifica, a 7 gare dal termine, assume una fisionomia molto precisa.

Barça ai Playoff, Real (19/8) di poco avanti al gruppo Valencia, Joventut, Manresa, tutte a 18/9 e con più di un piede nella postseason. Tenerife spinge (17/10), anch’essa abbastanza tranquilla in ottica Playoff. Gli ultimi due posti saranno una battaglia tra Murcia e Baskonia, con record 15/12, Gran Canaria a 14/13 e Breogan a 13/14.

Più dura per Malaga e Bilbao, ferme a 12/15.

Fuenlabrada per ora tranquilla (10/17) che precede l’Obradoiro (9/18), solo un passettino avanti alla zona pericolo delle squadre ferme ad 8/19: Andorra, Burgos e Zaragoza. Betis (7/20) ultimo ed in situazione molto, molto complicata.

About Post Author

alberto marzagalia

Due certezze nella vita. La pallacanestro e gli allenatori di pallacanestro. Quelli di Eurolega su tutti.
Happy
Happy
0 %
Sad
Sad
0 %
Excited
Excited
0 %
Sleepy
Sleepy
0 %
Angry
Angry
0 %
Surprise
Surprise
0 %

Average Rating

5 Star
0%
4 Star
0%
3 Star
0%
2 Star
0%
1 Star
0%
Next Post

Campionati esteri: Monaco in vetta, Alba a valanga

Con un doppio successo, Monaco arriva a 8 W di fila in LNB, raggiungendo i Metropolitans. Insegue l’Asvel, vincono le due tedesche in BBL. Vittoria per 90-107 dei monegaschi nella serata di martedì scorso in casa di Chalon-Reims, con un Paris Lee da 21 punti (4/6 da 3), 7 rimbalzi […]

Subscribe US Now

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: