BARCELLONA-FENERBAHCE: i catalani vincono e si garantiscono il primo posto, Fener virtualmente fuori dai playoff

mfiorda26 2
0 0
Read Time:2 Minute, 18 Second

La partita del Palau porta ad un duplice verdetto, consacrando il Barcellona con la prima testa di serie nei futuri playoff ed mettendo, quasi certamente, fuori il Fener dalla corsa playoff. Alla sirena finale il punteggio è di 88-67 per i catalani.

IL TIRO DA TRE DEL BARCELLONA

Gli uomini di Jasikievicus segnano 16 triple (9 all’intervallo) su 26 tentate, per un clamoroso 61.5% da dietro l’arco, con il quale indirizzano prima la partita e la uccidono poi al rientro dagli spogliatoi.

Sugli scudi un ritrovato Alex Abrines, capace da solo di mandare a bersaglio 6 tiri dalla lunga distanza su 7 tentati (85.7%), ma molto bene anche i frombolieri Mirotic e Kuric.

In generale, ottimo movimento di palla del Barcellona, migliorato tantissimo nell’ultimo mese, che, se sommato alle numerose disattenzioni difensive del Fener, fa capire bene come anche la qualità dei tiri presi dal Barça sia stata molto alta, spesso addirittura potendo tirare liberi, piedi per terra.

UN FENER ANESTETIZZATO

Mai avanti nell’arco dei quaranta minuti, il Fener esce di fatto dalla lotta playoff e non lo fa certo a testa alta (nonostante vada ricordato come la squadra del “faro” di Istanbul sia stata la più penalizzata, assieme al Monaco, dall’esclusione delle squadre russe).

Qualità di esecuzione offensiva francamente oscena, perchè va benissimo che Jasikievicius abbia messo su una difesa veramente efficace, ma l’incapacità di appoggiarsi dentro l’area e non limitarsi a muovere la palla sul perimetro e l’attenzione per non buttare via palloni anche quando non pressati penso sia il requisito fondamentale per poter proporre una fase offensiva degna del livello Euroleague.

Il dato più significativo? 15 palle perse, una enormità a livello assoluto, con cui non è neanche immaginabile pensare di stare il partita contro questo Barcellona.

sala stampa

VARIE ED EVENTUALI

Barcellona che, come detto, acquisisce matematicamente la testa di serie numero 1 per la post-season. Francamente meritata, visto che i catalani sono stati certamente i più continui da Settembre a oggi e hanno guidato la classifica in maniera pressoché costante (primi da dopo la vittoria nel Clasico contro il Real dell’11 Dicembre 2021) .

Fener che, non matematicamente ma quasi, è fuori dai playoff, e ora sarà tempo di numerose, e profonde, riflessioni per Gherardini e soci, con un campionato nazionale da completare (e possibilmente vincere) e molti contratti con opzioni (Djordjevic), in scadenza (Vesely) o da rivalutare visto le prestazioni in questa stagioni (lo stesso Polonara). Si è chiuso un ciclo? Presto per dirlo, certamente non parliamo più di una super potenza come 5 anni fa.

Per concludere, attenzione a Michael Caicedo, ala classe 2003 del Barcellona, che sta sera ha fatto vedere cose molto, molto interessanti, vedere per credere:

Happy
Sad
Excited
Sleepy
Angry
Surprise

Average Rating

5 Star
0%
4 Star
0%
3 Star
0%
2 Star
0%
1 Star
0%
Next Post

Le parole dei coach, round 32

Tutte le parole dei coach al termine della trentaduesima giornata di Eurolega. Monaco-Baskonia 78-68, le parole dei coach Obradovic (Monaco): “È fantastico lottare per i playoff. Quando sono arrivato era impensabile, ma il duro lavoro ripaga sempre. Dobbiamo lottare ancora, ma il traguardo non è lontano. Oggi è stata una […]
La lavagnetta del Clasico #2: il Chicago screen di Jasikevicius

Subscribe US Now

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: