La lavagnetta di EuroCup #9: il gioco double drag di Bologna

Luca Castellano

Dopo il successo nel derby con Reggio Emilia, la Virtus torna in campo contro Bourg in EuroCup. Nono appuntamento della lavagnetta dedicato al double drag disegnato da coach Scariolo.

0 0
Read Time:3 Minute, 28 Second

Leccate le ferite dal big match pre-Epifania contro l’Armani Exchange Milano e dopo il successo nel derby contro Reggio Emilia di due giorni fa in campionato, la Virtus Bologna di coach Scariolo è pronta a scendere in campo per la nona giornata di 7Days EuroCup. Le V Nere, a caccia di una vittoria per difendere il terzo posto dagli assalti di Valencia, e reduci dal brutto spavento causa infortunio di Milos Teodosic, ospitano tra le mura amiche la compagine francese del Bourg penultimo in classifica nel girone B. Quest’oggi per il nono appuntamento stagionale della lavagnetta di EuroCup restiamo vicini alle V nere e parliamo di un gioco offensivo rapido e con ottime soluzioni esplorabili per il roster bianconero che prevede l’utilizzo di un gioco double drag.

Gioco double drag della Virtus: come si sviluppa questa situazione offensiva

La Virtus torna in campo europeo dopo lo spavento di Teodosic (20 giorni fuori dai giochi per la distorsione al ginocchio goffa accorsa nel finale della sfida con Reggio Emilia), ma con la consapevolezza che domani sera alla Segafredo Arena c’è una partita assolutamente da non sbagliare.

In avvicinamento a quella che sarà la sfida con la compagine francese di coach Legname, coach Scariolo deve far forza sui suoi concetti di gioco rapidi ed essenziali che aprono a migliaia di soluzioni mortifere in attacco. Una di queste soluzioni “a ventaglio” è rappresentata da un gioco offensivo double drag, che può mettere in scena ben tre soluzioni rapide ed efficienti.

Questa situazione parte da un hand-off offensivo di Pajola per Milos Teodosic che “sfrutta” il doppio blocco di Hervey e Samspon o Jaiteh. In questo caso Teodosic perde per un attimo il controllo della palla e ribalta il lato riaffidando il possesso a Pajola. Da qui il lavoro dei lunghi è estremamente importante: Hervey prima ribalta il lato e lavora ad “incrocio” con il pivot creando una possibile situazione di alto basso, ma anche un’apertura efficiente del lato debole con Weems completamente libero in angolo per punire da dietro l’arco la pessima difesa (di Varese in questa circostanza).

Ecco il gioco double drag della Virtus Bologna. Una serie di soluzioni si apre sin dal doppio blocco sfruttato da Milos Teodosic per poi concludersi con la tripla di Weems.

Come si può preparare una difesa su questo gioco double drag?

Il double drag messo in scena dalla Virtus Bologna è uno di quei giochi mortiferi che può mettere in ritmo gli spietati “arcieri” bianconeri. Belinelli, Weems sono soltanto due delle frecce a disposizione dell’attacco virtussino questa sera. Bourg questa sera sicuramente non potrà più sbagliare, ma complice l’assenza di Teodosic, la vittoria passa dalla difesa, anche su questo gioco offensivo disegnato magistralmente da Sergio Scariolo.

L’infortunio di Teodosic pesa un macigno nell’economia della partita di questa sera contro Bourg. Il suo estro sarebbe stato fondamentale in questo gioco double drag

Il focus è soltanto uno: pressione sulla palla. Abbiamo detto che non ci sarà Teodosic chiaro, ma il talento del giovane Pajola va contrastato, così come tutti gli altri protagonisti della Virtus in ogni singolo istante. Sin dall’handoff che fa partire questa situazione offensiva serve marcatura asfissiante sul portatore. Bene fare come ha fatto Varese sul double drag. Passare in mezzo sul primo blocco, effettuando uno switch fortissimo e rapido sul secondo blocco piazzato dalla Virtus.

Se effettuato bene questo primo lavoro difensivo, così come per l’attacco, sarà decisivo il lavoro sul potenziale alto basso che si viene a creare e sulla spaziatura in angolo. Seguire sempre l’uomo in punta ed effettuare sempre body-check sul 4 sarebbe la soluzione migliore e il lato debole qui non deve restare troppo attratto dalla palla.

Restare troppo in mezzo tra uomo e palla sul lato debole, infatti, potrebbe essere difficile da contrastare in caso di passaggio skip del lungo in angolo, perché lì c’è un tiro ad alta percentuale pronto ad essere realizzato. In tal caso mettere il difensore atleticamente messo meglio a fare quel lavoro di “aiuto e recupero” potrebbe risolvere un bel po’ di problemi di questo gioco double drag, vera arma decisiva nella sfida di domani sera di EuroCup.

Happy
Happy
0 %
Sad
Sad
0 %
Excited
Excited
0 %
Sleepy
Sleepy
0 %
Angry
Angry
0 %
Surprise
Surprise
0 %

Average Rating

5 Star
0%
4 Star
0%
3 Star
0%
2 Star
0%
1 Star
0%
Next Post

Barça-Olimpia, la sfida nei numeri

Barça-Olimpia illumina una giornata di Eurolega su cui gravano ancora i nuvoloni di una lunga serie di rinvii a causa dei numerosi contagi tra le squadre. E’ stata la semifinale del 2021, è stata appassionante sfida a novembre, si ripropone oggi, in condizioni un po’ particolari, ma resta sempre una […]
Barça-Olimpia

Subscribe US Now

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: